La Regione rivuole i soldiconcessi da Errani al fratello

Per il contributo di un milione di euro il governatore dell'Emilia-Romagna è indagato dalla Procura

Roma - Tempi duri per la famiglia Errani: la regione Emilia Romagna, presieduta da Vasco, ha chiesto indietro i soldi (un milione di euro) erogati dal medesimo ente nel 2006 alla cooperativa Terremerse, presieduta dal fratello Giovanni.
La storia, che venne denunciata nel 2009 da Il Giornale, ha messo nei guai il governatore, stretto collaboratore di Pier Luigi Bersani. Nel marzo scorso è finito nel registro degli indagati dalla Procura di Bologna per falso ideologico, perché secondo i magistrati l’iter per l’aggiudicazione di quel milione di euro di contributi regionali - destinato alla costruzione di uno stabilimento enologico a Imola - non era regolare. Il Comune di Imola aveva infatti rilasciato il permesso di costruzione della cantina il 23 maggio 2006, e Terremerse aveva comunicato la fine dei lavori, con autocertificazione, il 31 maggio. Ultimo giorno utile, guarda caso, per incassare il contributo pubblico. Come era evidente, però, lo stabilimento enologico non era stato costruito in appena otto giorni, l’autocertificazione era fasulla e la Regione «è stata indotta in grave errore dalla dichiarazione del presidente pro tempore»; ossia il fratello del governatore.

La Regione ha dovuto aprire una propria indagine sull’assegnazione di quel contributo, e negli scorsi giorni ha emesso il proprio verdetto: la coop dovrà restituirlo con tanto di interessi, maturati dal 2006 ad oggi: altri 353mila euro. Nell’atto emesso dal settore «Aiuti alle imprese» della Regione si legge che le indagini svolte dalla Guardia di finanza hanno messo in evidenza «un quadro non coerente rispetto alla tempistica di alcuni atti assunti dall’amministrazione regionale», tali da «far sorgere dubbi sull’effettività e veridicità delle comunicazioni e dei tempi di realizzazione dello stabilimento».

La cantina dei Colli Romagnoli ha presentato opposizione al procedimento, ricordando che sono ancora in corso indagini della magistratura ma la Regione ha fatto presente che la sua azione amministrativa è «separata dall’azione penale», e che comunque «non sono emersi elementi tali nel contraddittorio da escludere le irregolarità accertate». Al fratello del governatore toccherà insomma pagare.

Commenti

cast49

Dom, 01/07/2012 - 09:11

quindi, dal 2009 ad oggi le indagini della magistratura sono ancora in corso, cosa aspettano? la manna dal cielo? o piuttosto la prescrizione?

rinaldo

Dom, 01/07/2012 - 09:46

Ma tu guarda!!!!! Fosse stato un privato normale non avrebbero concesso nulla. Adesso che finalmente emergono i fognoni che fanno sempre sono restii a pagare. Ma siamo poi sicuri che lo faranno? Ho forti dubbi.

Ritratto di unLuca

unLuca

Dom, 01/07/2012 - 09:47

Pagherà ? O NON PAGHERA' ? Questo è il dilemma.

pgbassan

Dom, 01/07/2012 - 10:32

Li avrà i soldi da restituire? Non li avrà. E tutto finirà in vacca. Ma almeno si riesca finalmente ad abbattere quel muro di Berlino che ancora c'è in Emilia Romagna. Basta mafia rossa. #1 cast49: l'arma dei rossi che tanto criticano ufficialmente.

Raul Novi

Dom, 01/07/2012 - 10:40

Sarà indagato, ma non mi pare che la sinistra e il Pd chiedano le sue dimissioni! A Formigoni sì, anche se è tutto da chiarire, da stabilire. Sti comunisti, sempre i soliti?

cgf

Dom, 01/07/2012 - 10:58

#5 Raul Novi forse perché in Emilia è "normale" procedura? beh... su tante cose successe ci sarebbe da "alzare il coperchio", speriamo solo che i fondi per i terremotati non siano serviti ad Errani &C per organizzare le "visite" (Dalai Lama e Papa nonché Napoilitano e Monti compresi)

Ritratto di Ennaz

Ennaz

Dom, 01/07/2012 - 11:06

Sono gli italiani onesti che vogliono tutti i soldi rapinati dalla classe politica e dirigente per decenni! Si potrebbe azzerare il debito pubblico e...ne avanzerebbero!!

piertrim

Dom, 01/07/2012 - 11:27

Spero che qualcuno (Errani e Coop) paghino i propri sprechi, ma finché non vedo non credo ed alla fine sempre noi pagheremo.

Ritratto di Zago

Zago

Dom, 01/07/2012 - 11:53

Ma come dimettersi, per un miliardo solo ? Ma cosa volete che sia per la sinistra un piccolo miliardo, quando Penati ne spalmava a centinaia e non si è dimesso.Loro guardano in casa degli altri ai guai altrui e non si sono ancora accorti che la magistratura li ha accerchiati e fra non molto, se non andrà tutto in prescrizione, salteranno i vetri alle finestre.E poi, volete mettere,Errani che ora deve pensare ai terremotati e al miliardo del fratello ci penserà, semprechè salti tutto come al solito.

Ritratto di nestore55

nestore55

Dom, 01/07/2012 - 12:40

Una domanda : ma, se pagherà, pagherà al netto delle spettanze DEVOLUTE, o al lordo??E.A.

agostino.vaccara

Dom, 01/07/2012 - 13:25

Quando errani, il governatore, è stato nominato responsabile per la ricostruzione post terremoto, già si sapeva il suo coinvolgimento in finanziamenti illeciti al fratello. Mi sono subito chiesto: ma questi sono pazzi??? Nominare responsabile di grosse cifre uno che non è in odor di santità??? Eppure questo succede in Italia e in una regione rossa come l'Emilia Romagna!!!

pepperconarse

Dom, 01/07/2012 - 15:19

Ennaz un giorno a questa gente e a quelli come loro gli verra chiesto il conto e stai sicuro che pagheranno e molto di piu di questi interessi.I giudici quelli onesti saranno gli esattori.

sulin

Dom, 01/07/2012 - 15:47

Formigoni deve dimettersi per un NON avviso di garanzia. Invece Errani, indagato, è certo, lui no. Lui non si deve dimettere, perchè quando uno è comunista porta l'aureola e nessuno si permetta di toccarlo. Siete più marci degli altri compagnucci cari.....

angeli1951

Dom, 01/07/2012 - 17:08

Se non veniva denunciato da "il Giornale" lo stretto collaboratore di Bersani (chissà pèrchè mi torna lla mente Penati) li avrebbe richiesti indietro i soldi al fratello? Mi spaventa che il tizio sia stato nominato, dai nominati, alla gestione dei soldi per il terremoto in Emilia.

ciciao1950

Dom, 01/07/2012 - 17:47

Il fratello di Errani: un diversamente Trota?

bruna.amorosi

Dom, 01/07/2012 - 18:30

Cast 49 lascia perdere tanto questi kompagni non pagheranno mai .

futuro libero

Dom, 01/07/2012 - 19:25

Chissà perchè dietro penati grande collaboratore di bersani, lusi passato poi al PD voluto da bersani, errani collaboratore di bersani, in puglia tarantini amico grande di d'alema, il sindaco di Bari al quale sono state consegnate (da chi) una vasca piena di ostriche e cozze speciali , mi sembra ex PM grande amico di d'alema, potrei continuare ma mi chiedo come mai questi due personaggi non vengono mai indagati? Solo Berlusconi e Formigoni devono per forza sapere tutto? Ma allora questi due a cosa servono? solo a fregarci soldi?

Ritratto di miladicodro

miladicodro

Dom, 01/07/2012 - 20:37

Se al posto di errani fosse stato un berlusconi o formigoni,all'incasso sarebbe passato debenedetti. Guai,chi tocca i rossi muore.