La resa del M5S: obbligati a diventare partito

In regola con sette mesi di ritardo. Il sito internet parlamentare è imposto dal regolamento. Resta il legame con Casaleggio

Il guru del Movimento 5 Stelle, Gianroberto Casaleggio, a Villa d'Este

Roma - Nascita di un partito. Non poteva rimanere a lungo un'entità senza definizione precisa a mezza via tra l'associazione e l'istituzione politica, ossia movimento. Da ora il M5S ha un suo sito di riferimento parlamentare. Del resto lo richiedeva il regolamento di Camera e Senato, che prevede anche che nello spazio internet siano pubblicate le spese dei gruppi politici. A distanza di sette mesi, i cinque stelle si mettono in regola: via il sito e da subito pronte le spese degli uffici. Un adeguamento alle norme più che una rivoluzione grillina (il Pd aveva già presentato da parecchio i suoi rendiconti).

Prima era solo il blog di Grillo la voce stellata, l'house organ, l'informazione spesso molto diversa da quella che avrebbero voluto, collegialmente, deputati e senatori. I due gruppi hanno costituito adesso il sito www.parlamentari5stelle.it, un modo anche per venir incontro alla richiesta pressante dei simpatizzanti di creare una vera piattaforma internet.

I parlamentari promettono di raccontare il lavoro delle commissioni ma anche quello che avviene quotidianamente in «un Parlamento che serve solo a fare scena, a recitare una commedia di democrazia che non esiste più». Sulla destra sono mostrati nel dettaglio i lavori delle commissioni, mentre il primo piano è dedicato anche ai commenti dei supporter. L'obbiettivo è quello di dare la massima pubblicità al lavoro dei grillini nei palazzi, oscurato, a loro dire, da un giornalismo che non li considera: «Ci accusano di aver "fatto poco", di non aver ancora inciso nelle politiche del Paese: ma la realtà è che con la nostra presenza stiamo dimostrando che il re è nudo». Si precisa poi: «Il portale è ospitato sui server Casaleggio a titolo completamente gratuito. Non costa nulla ai cittadini, a differenza dei siti dei giornali e dei partiti che sono pagati con soldi pubblici». Non si parla del ritardo con cui è stato costituito.

Presto, assicurano i cinque stelle, arriverà anche il portale vero e proprio, il «fantomatico portale», lo ha chiamato ieri il senatore Lorenzo Battista in un post su Facebook condiviso anche dal collega Luis Alberto Orellana (protagonista di un recente contrasto con il Movimento). La nascita del sito dei gruppi parlamentari coincide con una nuova e più definita strategia di comunicazione che Grillo ha messo a punto con il suo alter ego informatico Gianroberto Casaleggio. I due hanno anzi intenzione di riallacciare i rapporti con stampa e televisioni. Entrambi: anche Casaleggio, spesso nell'ombra in questi primi sette mesi di legislatura. Grillo e Casaleggio hanno anzi intenzione di partecipare alle conferenze stampa dei gruppi che si dovrebbero tenere a partire dalla fine del mese con cadenza settimanale a Roma. Il primo appuntamento potrebbe essere fissato quindi nel giro di due settimane.

Oltre ai rendiconti delle spese dei gruppi, sul nuovo sito si potranno trovare i fatidici scontrini dei parlamentari, con le loro uscite per pranzi e soggiorno a Roma. Ma la pubblicazione di questi dati sarà discrezionale, affidata alla libera scelta di deputati e senatori. Al Senato si continua a parlare della possibile costituzione di un nuovo gruppo autonomo, formato da transfughi dei Cinque stelle e Sel. Per ora nessuna conferma, silenzio. E alla Camera i ribelli smentiscono le ricostruzioni del Fatto Quotidiano, che parla di dieci dissidenti pronti a costituire un nuovo gruppo: «Il titolo di oggi sul Fatto è privo di ogni fondamento di verità», scrive su Facebook il non allineato Alessio Tacconi.

Commenti
Ritratto di serjoe

serjoe

Sab, 14/09/2013 - 09:06

Il grillino s'incravatto' e dal sito dichiaro':Siam partito oramai,i soldi non bastano mai.

flashmen

Sab, 14/09/2013 - 09:13

Questo dimostra che spesso in Italia si fanno solo quando si è costretti. L'alternativa è farle quando piacciono. Fa piacere che dopo sette mesi si siano "adeguati alla legge". Nessuna sanzione?

Molto Preciso

Sab, 14/09/2013 - 09:38

Peccato che copiando e incollando www.parlamentari5stelle.it venga fuori : http://www.beppegrillo.it/movimento/parlamento/ Quindi ancora la supervisione di Zio Beppe.........

Ritratto di ..zzTop

..zzTop

Sab, 14/09/2013 - 09:41

il M5S non sarà MAI un partito e presto avremo la nostra piattaforma di voto del moVimento UNO VALE UNO unici in europa e forse nel mondo...FORZA 5S, l'utopia diventa realtà

Ritratto di serjoe

serjoe

Sab, 14/09/2013 - 10:45

Utopia e realta' sempre separata sta.

kihaad

Sab, 14/09/2013 - 11:28

Ma ne sparate di cazzate... Vi piacerebbe che fossimo ladri come voi.... E invece vi romperemo il cazzo ogni giorno, potete usare i vostri giornali inventando le notizie e noi continueremo a rompervi il cazzo. Perché non parlate del fratellino di Alfano? Che bel buco gli hanno trovato. TUTTI A CASA

millycarlino

Sab, 14/09/2013 - 11:53

Lo dicevo io che presto o tardi sareste caduti dalla pastoia da voi tanto odiata! Boss ricorda Giberti Milly Carlino

Romolo48

Sab, 14/09/2013 - 12:26

Per ora, se si richiama www.parlamentari5stelle.it, si è immediatamente indirizzati al Blog del Comico. Aspettiamo con ansia.

Ritratto di serjoe

serjoe

Sab, 14/09/2013 - 12:27

Dal 5 Stelle al 5 Stalle, non so se il gioco vale.

flashmen

Sab, 14/09/2013 - 14:09

@KIHAAD: e dopo che ci avete mandato "tutti" a casa sarà una dittatura. Ma anche in Europa ci manderete "tutti" a casa? Ce la farete?

roberto.morici

Sab, 14/09/2013 - 19:13

@kihaad. Mancandomi la "vocazione" non mi dedico al Vostro sport preferito. Per curiosità: usate sempre la stessa o cambiate mano di tanto in tanto?

roberto.morici

Sab, 14/09/2013 - 19:15

@Molto Preciso & Romolo48. Diamogli ancora tempo. Devono fare un pò di pratica...