Robledo, altre accuse; "Bruti sul caso Ruby mentì pure al Csm"

Nuova denuncia del pm: ha detto il falso sul fascicolo affidato alla Boccassini. E cita come testimone l'ex marito di Ilda

E adesso il sentiero diventa davvero impervio per chi, dentro il Consiglio superiore della magistratura, punta a chiudere il «caso Milano» ribaltando le carte e trasformando l'accusatore in accusato. Dai documenti che in questi giorni il procuratore aggiunto Alfredo Robledo ha inviato al Csm per dimostrare che il procuratore Edmondo Bruti Liberati gestisce la Procura violando regole, competenze e trasparenza, emergono nuovi dettagli difficilmente contestabili. Se Magistratura democratica pensava di archiviare la pratica salvando Bruti e affossando Robledo, dovrà prima rispondere ad una serie di domande. Tra le più interessanti: come è possibile che di fatto Robledo sia stato sottoposto a una indagine da parte dei suoi stessi colleghi, che puntavano a scoprire come si fosse procurato i documenti a sua difesa inviati al Csm? In una Procura dove da sempre circola di tutto, si sono dedicati tempo ed energie per scoprire dove Robledo avesse trovato le carte dell'inchiesta sul San Raffaele, una delle indagini finite al centro del suo esposto al Csm.

Dopo l'indagine interna, i vertici della Procura hanno dovuto prendere atto che Robledo aveva semplicemente fatto richiesta formale di acquisire gli atti al giudice titolare del caso San Raffaele, e il giudice lo aveva autorizzato a fare copia. Nulla di illegale, insomma. Ma anche questo va a finire nel calderone di veleni che in queste settimane manda i suoi vapori nei corridoi del quarto piano del palazzo di giustizia milanese, e rischia di rendere irrespirabile il clima. Che Robledo e Bruti possano continuare a convivere è impensabile. Ma se il Csm liquidasse la faccenda cacciando da Milano Robledo darebbe la conferma più eclatante proprio di quanto il procuratore aggiunto ha cercato di portare alla luce col suo esposto: la prevalenza della logica delle correnti, e lo strapotere di Magistratura Democratica.

Sul tavolo del Csm ci sono carte che non potranno essere ignorate: come la lettera della Guardia di finanza che smentisce (e sarebbe singolare ipotizzare che lo faccia su ordine di Robledo) la storia del «doppio pedinamento» raccontata da Ilda Boccassini, che accusava il collega di avere intralciato le sue indagini su Expo: «Non si sono registrati episodi di sovrapposizione operativa con personale della sezione di polizia giudiziaria», scrivono i comandi della Gdf. E da ieri a Roma ci sono anche le nuove carte inviate da Robledo, in particolare sul tema scottante dell'inchiesta Ruby, di cui Ilda Boccassini si sarebbe di fatto impadronita col placet di Bruti.

Robledo accusa Bruti di avere «resa al Csm una dichiarazione del tutto difforme dall'effettivo svolgimento dei fatti», ovvero di avere mentito nel corso della sua audizione, quando il procuratore spiegò che il fascicolo sulle notti di Arcore era stato assegnato alla Boccassini con il beneplacito del magistrato che in quel momento avrebbe dovuto coordinarlo, ovvero il procuratore aggiunto Alberto Nobili.

«È invece noto in via diretta allo scrivente - si legge nella missiva di Robledo - che il collega Nobili non è mai stato interpellato sul punto né richiesta la sua opinione. Il collega Nobili venne meramente informato della decisione che era già stata presa dal Procuratore, della quale si limitò a prendere atto senza interloquire o commentare in alcun modo». Dal tenore della lettera, si intuisce che a smentire la versione di Bruti è stato lo stesso Nobili, di cui infatti Robledo chiede l'audizione al Csm: mettendolo in posizione delicata, perché Nobili da tutto questo pasticcio si è finora sempre tenuto alla larga. E soprattutto perché è l'ex marito di Ilda Boccassini.

Commenti
Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Mar, 20/05/2014 - 08:28

GRANDIOSO. CENTO MILLE ROBLEDO. -rip.ris.- 8,27 - 20.5.2014

francesco de gaetano

Mar, 20/05/2014 - 08:50

Chiedo,formalmente, al Presidente della Repubblica un suo intervento drastico sui fatti avvenuti nella Procura di Milano e dare ordine ai magistrati indipendenti di riaprire i fascicoli che riguardano Silvio Berlusconi perchè tutti processi inventati per creare ostacolo al suo movimento politico.Qualora non lo facesse devo dedurre che abbiamo un capo dello Stato che non conta un cazzo.

Ritratto di rapax

rapax

Mar, 20/05/2014 - 08:57

Forza Robledo smascheri quel verminaio, quello a cui stiamo assistendo con quei due loschi figuri in toga e' vergognoso stiamo parlando veramentedi due poco di buono..quello che fa paura e' questo loro potere, che pervade tutta la magistratura, chi c'e dietro questa gente? chi li muove?

elgar

Mar, 20/05/2014 - 09:05

Ahi ahi ahi. Brutta storia. Se uno dichiara il falso è un ladro…. DI VERITA'. Se tanto mi dà tanto…. uno finisce col pensare tante cose. E a non prendere per oro colato tutto ciò che hanno raccontato finora.

angelomaria

Mar, 20/05/2014 - 09:05

boom rt iboom sta giustizia che non e'giusyizia gi grmoctratico hanno dolo il nome poi limtti im vontroluce dono una banda di komunisti della piu'bassa specie!!!!!sparite!!!

pittariso

Mar, 20/05/2014 - 09:45

Magistratura e sindacati politicizzati,che anzichè fare il loro lavoro hanno perseguito solamente interessi di parte contro ogni regola di giustizia e legalità,sono la causa principale del disastro Italiano.Hanno distrutto L'economia,la democrazia e la politica:meriterebbero di essere condannati a pene severissime. Speriamo che finalmente qualcuno possa provvedere,qualunque esso sia.Anche su questo punto aveva ragione la Lega quando proponeva la separazione delle carriere e l'elezione popolare dei giudici:purtroppo la Lega è un movimento democratico e la gente non lo ha capito e non ha dato il neceario consenso.

gustavodatri@vi...

Mar, 20/05/2014 - 09:59

Come mai il comunista napolitano non parla?

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Mar, 20/05/2014 - 10:15

Forse a molti non è chiaro che lo scontro alla procura di Milano non è fra berlusconiani e anti-berlusconiani, ma si tratta solo di polemiche sull'assegnazione dei fascicoli, probabilmente legate a rivalità e interessi personali per fare carriera (e questo non giova all'immagine della magistratura). Riguardo all'inchiesta sul S. Raffaele, ad es., Robledo è più giustizialista di Bruti Liberati, avendolo accusato di rallentare l'azione giudiziaria nella causa su Daccò e Formigoni per finalità sociali (cioè rallentare il fallimento dell'ospedale per evitare i licenziamenti), non certo di avere "inventato" tutto. Il merito dei processi, come quello del processo Ruby, è fuori discussione, non dipende dall'assegnazione dei fascicoli, ma dalle sentenze pronunciate dai collegi giudicanti, e lì siamo già al 2° grado.

Libertà75

Mar, 20/05/2014 - 10:32

Secondo me il fondo della malagiustizia si è toccato con l'accusa di falso a tutti i testimoni pro causa di SB nel processo ruby. Accusare i vari componenti delle forze dell'ordine di aver dichiarato il falso è il massimo del giustizialismo politico. Una vergogna per il Paese. A Milano si è espresso il principio che chi non testimonia secondo la volontà dell'accusa viene perseguito. Infatti sono sicuro che Robledo al limite avrebbe perseguito SB per favoreggiamento della prostituzione minorile e mai per la concussione di pubblici ufficiali sapendo di andare a sbattere la faccia contro il diritto vero e proprio.

giovauriem

Mar, 20/05/2014 - 10:35

facciamo una manifestazione per sostenere il giudice robledo, è sarà una manifestazione a favore della vera giustizia(quella giustizia che recita"la legge è uguale per tutti" e non la legge dei vietti,degli esposito, dei napolitano, dei bruti liberati, delle Boccassini,e del csm(cosorteria sinistra massoni)

cesaresg

Mar, 20/05/2014 - 11:05

Mi dispiace ma i magistrati sono tutti uguali; da Bruti a Robledo passando per la Boccassini ecc. ecc.. Si tratta solo di carriera e basta. Lo sappiamo tutti che il magistrato che mette sotto accusa, per qualsiasi motivo, Berlusconi, fa carriera anche politica.

bruna.amorosi

Mar, 20/05/2014 - 11:15

che ci sia del marcio nella magistratura era noto .ma il silenzio di NAPOLITANO è la conferma che è lui il manovratore .prima o poi questa storia si chiarerà così come altre con un nulla di fatto persone SPUTTANATE DA MAGISTRATI INFEDELI alla loro missione di giustizia .ma il guaio è che ci sono persone che ancora gli credono e solo x dispetto . a questo punto non si sa se sono più pericolosi gli uni oppure gli altri.ricordatevi kompagni vedersi rifiutare i testimoni domani può accadere anche a voi . meditate ,tanto quelli non pagheranno MAI . grazie anche a voi .oggi .

Ritratto di Y93

Y93

Mar, 20/05/2014 - 11:38

va a casa....Ilda.....di danni ne hai combinati gia troppi.... TROPPE PERSONE HAI SACRIFICATO PER LA TUA CARIERA E PER I TUOI COMPAGNI DI MERENDA..... è ora di finirla...

ciannosecco

Mar, 20/05/2014 - 11:44

"liberopensiero77"A mio modesto parere lei sottovaluta la questione,qualificandola come mera bega carrieristica tra Magistrati.La rotazione,nell'assegnazione dei fascicoli,o l'assegnazione all'Ufficio preposto per competenza specifica,risponde a esigenze di trasparenza.Violando il presupposto, porta gli osservatori a pensare che,se sono stati violati i principi di trasparenza si è legittimati a pensare che l'iter delle indagini abbia seguito questo criterio.Basta ascoltare l'audio integrale del processo o leggere gli atti reperibili sul web,per capire che,quasi tutte le eccezioni della difesa,da quelle procedurali a quelle delle acquisizioni delle prove sono state sistematicamente respinte,quasi a disegnare un progetto preordinato.Persino l'applicazione della concussione,sconfessata da un pronunciamento delle Sezioni Unite della Cassazione,va in quella direzione.Quindi,affermare che,l'assegnazione ad un diverso ufficio inquirente,non avrebbe portato ad un giudizio diverso,non trova conferma.Saluti.

Ritratto di Uchianghier

Uchianghier

Mar, 20/05/2014 - 12:05

Ma perché non si toglie la gran parte della scorta alla Boldrini e non si rafforzi soprattutto adesso, quella del procuratore aggiunto Alfredo Robledo?

pgbassan

Mar, 20/05/2014 - 12:27

francesco de gaetano: purtroppo non è che non conta un cazzo, ma è da sempre e spudoratamente schierato. Da politico (diciamo così) era cosa legittima, ma da presidente (indegno) della repubblica (di Pulcinella) è una cosa vergognosa, per usare termini esenti da querela.

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Mar, 20/05/2014 - 12:31

ciannosecco, quello che dici riguarda fasi del procedimento giudiziario successive alle indagini preliminari affidate al PM inquirente. Nel procedimento giudiziario comunque sono i fatti che contano, e come vengono giudicati, l'assegnazione ad uno o ad altro PM di una pratica per le indagini preliminari è una questione molto relativa e poco rilevante ai fini del giudizio finale. Anche nel mio ufficio (dove lavoro) a volte sorgono dei bisticci sulla assegnazione delle pratiche (certo, non a livello della Procura di Milano ...), e anche a me è capitato di dover prendere in carico dei fascicoli che non mi spettavano, perchè così voleva il Capo, ma nessuno ha mai contestato la validità degli atti prodotti ... Esiste perfino, nella p.a., la figura del funzionario di fatto (questione trattata dai giuristi Sandulli, Terranova e Giannini), il quale, anche se non è formalmente incaricato di un dato compito, se lo svolge senza arrecare danni ai soggetti interessati, legittima comunque gli atti che vengono posti in essere. Confermo quindi che secondo me lo scontro alla Procura di Milano verte sull'organizzazione del lavoro e ha motivi carrieristici alla base; chi vuole contestare le sentenze deve contestare i fatti che sono emersi e la loro interpretazione, non certo l'assegnazione delle pratiche, che resta comunque una faccenda interna agli uffici, che, nel nostro caso, se non ci fosse stata la denuncia di Robledo, nemmeno si sarebbero saputi. Cordialmente.

tonipier

Mar, 20/05/2014 - 12:46

" CON IL CSM LA VERITA' NON VERRA' MAI A GALLA" Il cittadino può fare invio di diecine di esposti a questo CSM loro cestinono tutto specialmente se vai a toccare la loro casta in generale....proprio, il non funzionamento della giustizia ci troviamo a combattere con la bancarotta.Il capo dello STATO chi è...gli altri chi sono? sventurati noi.

agosvac

Mar, 20/05/2014 - 12:54

In questa vergognosa vicenda di ciò che succede realmente nella procura di Milano si evince una sola cosa: la completa inefficienza dell'organo di controllo della magistratura! Un Csm efficace avrebbe dovuto "immediatamente" sospendere in via cautelativa sia bruti liberati, sia robledo sia tutti i magistrati coinvolti nel caso!!! Questo non si è visto e dà adito al sospetto, che diventa sempre più certezza, che tutta la magistratura si protegga a vicenda.Loro, i magistrati, sbagliano ma non pagano mai. Loro, i magistrati, non sono controllati da nessuno perchè chi li dovrebbe controllare appartiene alla loro stessa categoria. Noi, gli italiani, ci sentiamo sempre più indifesi. Chi, malauguratamente, ci dovrebbe giudicare, neanche sa dove stia di casa l'integrità morale e l'onestà del proprio operato! E lasciamo anche stare il Csm, anche loro possono sbagliare, ma dove sta il "vero" Presidente del Csm??? Perchè non prende provvedimenti drastici su ciò che succede?????

gian paolo cardelli

Mar, 20/05/2014 - 13:21

liberopensiero77, quando un leader politico viene processato e condannato solo in base a teoremi ("non poteva non sapere"), quando chi emette condanne del genere appartiene ad un Tribunale ben determinato e quando poi si scopre (non certo per sete di giustizia: Sallusti tempo fa è stato fin troppo chiaro sulla faida interna alla Magistratura) che questo Tribunale favoriva i PM che dovevano aggredire il suddetto leader politico, solo un grosso ingenuo puo' fare distinguo come quelli che ha fatto lei.

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Mar, 20/05/2014 - 13:25

Altro che Antimafia! La Procura di Milano è il covo incontrastato dei peggiori lestofanti togati che da oltre 20 anni continuano indisturbati a sovvertire le decisioni del Popolo Sovrano. Subito Commissione di Inchiesta e, parallelamente, immediata sospensione dall'incarico di Procuratore Capo del Boss Bruti Liberati!!!!

Ritratto di dbell56

dbell56

Mar, 20/05/2014 - 13:29

Forse un anelito di coscienza comincia ad infondersi nell'animo di quei magistrati onesti, stufi delle prevaricazioni dei loro poco raccomandabili colleghi di MD! Siamo con voi!

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Mar, 20/05/2014 - 13:32

Il mai pentito comunista Napolitano non potrà mai intervenire, come dovrebbe, quale Presidente del CSM per ripulire l'indecente Procura di Milano semplicemente per il fatto che molti dei ridicoli processi intentati contro Berlusconi hanno avuto il suo diretto quanto vergognoso appoggio. E' ora che questo satrapo senza pari venga prelevato dai nostri Carabinieri e rinchiuso in isolamento per il resto del tempo che gli resterà da vivere, visto che in Italia, purtroppo, non può essere fucilato faccia al muro!

Il giusto

Mar, 20/05/2014 - 13:45

Attenti perché il tentativo di delegittimare la giustizia potrebbe ritorcersi contro il pregiudicato!Si dovrebbero controllare anche tutti i processi in cui,grazie a cavilli o prescrizioni,non si è arrivati alla condanna del delinquente!Per me va bene,ma a voi?

narteco

Mar, 20/05/2014 - 14:05

Lo scannamento alla procura di Milano senza esclusione di colpi ,smaschera definitivamente la farsa sull'assegnazione dei fascicoli in base all'imputato,trattandosi di silvio il fascicolo fu reclamato dalla Bocassini,idem dicasi x Esposito a cui fu affidato il giudizio grazie a gravi ed illecite modificazini di date e scadenze nonostante la non titolarità o totale incompetenza sia territoriale che di ruolo per entrambi i casi,quanto alle rivalità e interessi personali per fare carriera nonchè alla vocazione ad essere sempre sotto le luci della ribalta da parte di quei magistrati (e questo non giova all'immagine della magistratura ma solo al suo totale discredito visto che un magistrato non solo deve apparire riservato ed imparziale bensì esserlo oltre ogni ragionevole dubbio), la realtà è l'esatto contrario ossia partigianeria politica e videoconferenze a profusione per autoglorificarsi agli occhi dell'opinione pubblica specie a giornalisti filotogati come travaglio,ezio mauro ecc che li magnificano e difendono ogni giorno.In Italia urgono misure severe contro le toghe ideologizzate d'assalto,la farsa del processo Ruby basato sul nulla visto che ruby nega ogni rapporto con Silvio e l'agente nega ogni pressione da parte di Berlusconi è la regia prova,resta solo la ridicola versione partigiana della Bocassini non corroborata da alcun elemento probante se non la sola persecuzione personale vs Berlusconi,dunque il casus belli non attiene tanto all'assegnazione dei fascicoli a quello o a quell'altro magistrato, ma alla volontà di Bruti di assegnare tale inchieste ad Ilda Bocassini ossia all'acerrima nemica di Berlusconi che trepidava da decenni per avere un qualunque pretesto per eliminare totalmente e per sempre Berlusconi dalla scena politica,altro che collegio giudicante super partes!!!le sentenze pronunciate sono una vera farsa.In un siffatto sistema partigiano,il rispetto per le leggi e per il principio di legalità e terzietà non esiste, lo Stato di diritto e la società liberale sono oppressi come in un qualunque totalitarismo comunista, la sporca legge prevaricatrice del più forte prevale,ed il popolo deve subirne le sentenze senza fiatare pena la medesima fine.Csm ed in primis Napolitano stanno a guardare e quando intervengono lo fanno contro Berlusconi,Re giorgio così come ben descritto da Friedman nel suo libro è l'emblema della colpevolezza non solo per il mancato controllo sul csm e toghe politicizzate bensì per non aver mai fatto o difeso gli interessi nazionali,il complotto contro Berlusconi e nomina di Monti su diktat della Merkel e lobbies finaziarie la dice tutta sul suo alto tradimento della nazione Italia nonchè premier democraticamente eletto dal popolo italiano.

narteco

Mar, 20/05/2014 - 14:14

Lo scannamento alla procura di Milano senza esclusione di colpi ,smaschera definitivamente la farsa sull'assegnazione dei fascicoli in base all'imputato,trattandosi di silvio il fascicolo fu reclamato dalla Bocassini,idem dicasi x Esposito a cui fu affidato il giudizio grazie a gravi ed illecite modificazini di date e scadenze nonostante la non titolarità o totale incompetenza sia territoriale che di ruolo per entrambi i casi,quanto alle rivalità e interessi personali per fare carriera nonchè alla vocazione ad essere sempre sotto le luci della ribalta da parte di quei magistrati (e questo non giova all'immagine della magistratura ma solo al suo totale discredito visto che un magistrato non solo deve apparire riservato ed imparziale bensì esserlo oltre ogni ragionevole dubbio), la realtà è l'esatto contrario ossia partigianeria politica e videoconferenze a profusione per autoglorificarsi agli occhi dell'opinione pubblica specie a giornalisti filotogati come travaglio,ezio mauro ecc che li magnificano e difendono ogni giorno.In Italia urgono misure severe contro le toghe ideologizzate d'assalto,la farsa del processo Ruby basato sul nulla visto che ruby nega ogni rapporto con Silvio e l'agente nega ogni pressione da parte di Berlusconi è la regia prova,resta solo la ridicola versione partigiana della Bocassini non corroborata da alcun elemento probante se non la sola persecuzione personale vs Berlusconi,dunque il casus belli non attiene tanto all'assegnazione dei fascicoli a quello o a quell'altro magistrato, ma alla volontà di Bruti di assegnare tale inchieste ad Ilda Bocassini ossia all'acerrima nemica di Berlusconi che trepidava da decenni per avere un qualunque pretesto per eliminare totalmente e per sempre Berlusconi dalla scena politica,altro che collegio giudicante super partes!!!le sentenze pronunciate sono una vera farsa.In un siffatto sistema partigiano,il rispetto per le leggi e per il principio di legalità e terzietà non esiste, lo Stato di diritto e la società liberale sono oppressi come in un qualunque totalitarismo comunista, la sporca legge prevaricatrice del più forte prevale,ed il popolo deve subirne le sentenze senza fiatare pena la medesima fine.Csm ed in primis Napolitano stanno a guardare e quando intervengono lo fanno contro Berlusconi,Re giorgio così come ben descritto da Friedman nel suo libro è l'emblema della colpevolezza non solo per il mancato controllo sul csm e toghe politicizzate bensì per non aver mai fatto o difeso gli interessi nazionali,il complotto contro Berlusconi e nomina di Monti su diktat della Merkel e lobbies finaziarie la dice tutta sul suo alto tradimento della nazione Italia nonchè premier democraticamente eletto dal popolo italiano.

Libertà75

Mar, 20/05/2014 - 14:25

@liberopensiero, è ovviamente un fatto di visibilità, non importa a nessuno quanto sia più giustizialista, semmai più intransigente e ci sta. Ma soprattutto che segua reati dimostrabili e non ipotizzabili in base all'umore del giudice come quello di concussione (smentito dai pubblici ufficiali che l'avrebbero subita e per questo ora sotto processo per falsa testimonianza). I colpevoli devono essere puniti, ma non si può trasformare il diritto in una soap opera.

honhil

Mar, 20/05/2014 - 14:28

Ora è arrivata l’ora di dire basta a tutto il lerciume che viene a galla alla procura di Milano. Basta. E ancora basta. Quella non è più una procura. Anzi, allo luce dei misfatti che stanno venendo fuori, non lo è mai stata. Era ed è una corte feudale dove il barone di turno imponeva ed impone il suo verbo. Da ciò gli scannamenti, sempre finora consumati nei sotterranei del maniero, senza che il Csm e l’Anm, espressione plastica della rappresentanza di forze tra le toghe, roba da “Manuale Cencelli", nulla ha potuto e può fare. E mentre tutto questo succedeva e succede, a Milano come a Catania, a Palermo come a Napoli, a Genova come a Torino, e qui e là per l’italico suolo, la Stampa, quella dalla schiena dritta e quella con evidenti segni di scoliosi, come una scolaretta dalla beltà avvizzita ancor prima di sbocciare, a perdersi dietro ai falsi problemi che essa stessa creava e crea a ruota libera. Così che, nel polverone sollevato e reso permanente, a tutti è più facile rubare. Grattare. Sgraffignare. E tutti, in modi e forme diversi, si davano e si danno un gran da fare. E mentre tutto questo accadeva e accade, in questo gioco di società escogitato e tenuto in vita artificiosamente, le toghe, la stampa, i poteri di ogni forza e colore e anche l’eclettico ladruncolo che si faceva e si fa le ossa prima di tentare il grande salto di qualità e quantità, puntavano, tutti insieme, l’indice sull’unico diavolo non omologabile e perciò alieno a ciascuno. Fino ad oscurare del tutto il faro della Giustizia. Allora, se non ora quando porre riparo a questo disastro? Se non ora quando mettere le mani alla riforma delle riforme? E’ così difficile capire che senza una radicale riforma della Legge il far west regnerà indisturbato e agli italiani non resterà altro che votare per Grillo, anche se il suo frinire apre la porta ad una forma perniciosa di labirintite acuta?

Ritratto di ASPIDE 007

ASPIDE 007

Mar, 20/05/2014 - 14:56

...Per fortuna mi sono sempre dissociato da coloro che, al contrario, hanno sempre creduto nella giustizia così concepita, in verità pochi, manifestando sempre il mio scetticismo. Se così non fosse stato, oggi, visto ciò che sta accadendo: "I medici del pronto soccorso litigano mentre i pazienti muoiono", mi sarei dovuto vergognare. Per mia fortuna

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Mar, 20/05/2014 - 15:03

Mah, vedo che alla fine si stanno scatenando i soliti epigoni del "Silvio santo subito", leader senza macchia e senza paura che difende l'Italia e gli italiani dalle prevaricazioni dei cattivi "magistrati comunisti", e combatte contro i complotti interni e internazionali che cercano di escluderlo dalla vita politica. Aprite gli occhi cari signori, il mondo non è mai tutto bianco o tutto nero, la realtà è fatta a colori ...

ciannosecco

Mar, 20/05/2014 - 15:21

"liberopensiero77"Se ha avuto il piacere di leggermi sono giorni che scrivo di sistemi scandalosi per assegnare un fascicolo al Gip gradito che, dovrà prendere provvedimenti cautelari su una propria inchiesta,o come vengono assegnati i processi.Simili furberie finiscono per inficiare tutto un processo.Il PM si sceglie il suo GIP preferito,poi si potrebbe far arrivare il fascicolo al GUP di cui si conoscono gli orientamenti ( più garantista,meno garantista).Così facendo uno si trova ad affrontare un processo,nonostante,magari,gli indizi risultano già preconfezionati e pronti all'uso in udienza.Così si spiega,come molti processi,finiti con una condanna definitiva,vengano riformati,magari con prove nuove,che però fanno risaltare il pregiudizio che ha accompagnato i processi.Riguardo alla diatriba in Procura a Milano,più che uno scontro con interessi carrieristici da ambo le parti,ritengo che si è giunti ad una saturazione.Evidentemente la cosa andava avanti da tempo e non è neppure un fatto originale.Sono fatti che sono sempre successi nelle Procure.Ma tale comportamento,oltre a ledere il prestigio della Magistratura,denota la possibilità di alterare le regole per raggiungere un'obbiettivo.Adesso bisogna stabilire quale era questo obbiettivo, e se questo modo d fare è tipico solo della Procura di Milano piuttosto che,di tutto il Palazzo di Giustizia.Saluti.

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Mar, 20/05/2014 - 15:39

ciannosecco, vedo che stai fondando una nuova materia, la mitologia giudiziaria anti-silvio, ovvero come i diabolici magistrati manovrano e orientano i processi con esito predefinito. Dovresti scrivere un libro, magari potresti avere successo. Naturalmente ci sono altre mitologie che circolano, come quella - contrapposta - che veicola Travaglio, secondo cui Silvio sarebbe addirittura entrato in politica al solo scopo di farla franca nei processi che lo hanno riguardato, nei quali è assolutamente colpevole, compresi quelli in cui è stato assolto o è andato in prescrizione. Io mi limito a prendere atto solo delle sentenze passate in giudicato, ma per molti sono comunque per questo un pericoloso bolscevico. Saluti.

ciannosecco

Mar, 20/05/2014 - 16:41

"liberopensiero77"Tutti i pareri sono legittimi,ma quelli che hanno un fondamento lo sono ancora di più.Saluti. http://www.radioradicale.it/scheda/406717/il-rovescio-del-diritto

narteco

Mar, 20/05/2014 - 17:09

La Procura di Milano è il covo incontrastato dei peggiori lestofanti togati che da oltre 20 anni continuano indisturbati a sovvertire le decisioni del Popolo Sovrano. Subito Commissione di Inchiesta e, parallelamente, immediata sospensione dall'incarico di Procuratore Capo Bruti Liberati e bocassini o compagni di merende.Quando un leader politico viene processato e condannato solo in base a teoremi ("non poteva non sapere"), quando chi emette condanne del genere appartiene ad un Tribunale ben determinato con orientamento antiberlusconiano da sempre solo un servo servente può sostenere il contrario,contro berlusconi sentenze di condanna già preconfezionate da decenni, Sallusti tempo fa è stato fin troppo chiaro sulla faida interna alla Magistratura e relative correnti che questo Tribunale favoriva,i PM designati a giudicare silvio erano militanti doc come bocassini,gandus,depasquale,spataro,mesiano,ingroia,esposito ecc ecc dovevano aggredire e poi condannare il suddetto leader politico, il resto sono solo buffonate dei sinistrati come serventepensiero77 che ironizza su un fatto ovvio ed irrefutabile come la militanza di molte toghe rosse che orientano e manovrano i processi con esito predefinito e scontato ossia con la condanna di Berlusconi,ma serventepensiero77 si limita a prendere atto solo delle sentenze passate in giudicato,e non su chi le ha emesse calpestando ogni codice o codicillo del diritto nazionale ed internazionale pur di eliminare Berlusconi,e poi lo dice anche zagrebelsky silvio si finge vittima,i veri perseguitati sono le toghe rosse d'assalto che subiscono la furia Berlusconiana da oltre 20 anni,urgono folle oceaniche a difesa della bocassini e compagni di lotta,la prevaricazione del super despota Silvio ha oltrepassato ogni limite umano,non solo ha espulso Ilda dal tribunale di milano applicando la legge severino in modo retroattivo ma le ha imposto un anno di servizi sociali a Cesano Boscone.VERGOGNA!!!!!! ILDA SANTA SUBITO!!!!!! 6 meglio della immacolata concezione!!!! non ti arrendere mai!!! el pueblo unido jamas serà vencido!!!

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Mar, 20/05/2014 - 17:41

Appunto, come dicevo prima, sono considerato un bolscevico, l'ha detto narteco, quindi sarà vero ...

ciannosecco

Mar, 20/05/2014 - 19:27

"liberopensiero77"Non credo che lei sia un bolscevico,è solamente un antiberlusconiano,uno dei tanti.Vorrei farle notare che, anche Gesù Cristo ha avuto una condanna passata in giudicato.la Storia è piena di sentenze passate in giudicato emesse da una Giustizia asservita al potere del momento.Le sentenze sono emesse da uomini,come io e lei.Quindi sono fallaci per definizione.Io eviterei per prenderle per oro colato,anzi fossi in lei,viste le ultime notizie,sarei ancor di più sospettoso.Poi lei è libero di pensarla come vuole.Saluti.

bruna.amorosi

Mar, 20/05/2014 - 21:00

liberopensiero77 è vero la verità è una sola quella che volete voi ROSSA . .

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Mer, 21/05/2014 - 09:57

ciannosecco, secondo me sarebbe meglio evitare di paragonare Gesù Cristo con Berlusconi, mi sembra quanto meno temerario. Comunque voglio stare al gioco, per quel che ne so Gesù non ha avuto una sentenza di terzo grado (all'epoca non si usava), mentre il Cav si, ha avuto tutte le guarentigie previste dall'ordinamento, e i migliori avvocati (pagati anche da noi). Gesù purtroppo venne condannato anche a livello popolare (Gesù o Barabba?), a dimostrazione del fatto che non sempre le piazze hanno sempre ragione ... Se poi vogliamo fare un discorso serio sulla magistratura, è evidente che va riformata, perché è inefficiente, al pari del resto della pubblica amministrazione. Tuttavia il tentativo di delegittimare tutto l'ordine giudiziario, come fate voi berlusconiani col discorso infondato e semplicistico che "sono tutti comunisti" e che i processi sono tutti predefiniti, mi trova totalmente in disaccordo. In Italia c'è già abbastanza illegalità e corruzione, se venisse delegittimato l'intero ordine giudiziario, le conseguenze sarebbero irreparabili. Spero che ve ne rendiate conto. Saluti.

narteco

Mer, 21/05/2014 - 11:24

Serventepensiero77 non potevi smentirti,non 6 un bolscevico 6 solo un povero minus habens molto diffuso a sinistra,ecco riassunto il pensiero unico dei sinistrati cerebrolesi e loro marionette:Tuttavia il tentativo di delegittimare tutto l'ordine giudiziario, come fate voi Berlusconiani col discorso infondato e semplicistico che "sono tutti comunisti" e che i processi sono tutti predefiniti, mi trova totalmente in disaccordo.Ahahahahahaahah Nessun Berlusconiano ne meno che meno Silvio hanno mai affermato che tutti i giudici sono comunisti o militanti doc antiberlusconiani,lo stesso Berlusconi ha affermato in più occasioni che su circa 8600 toghe solo una minoranza molto agguerita pari a circa 500 600 unità è realmente faziosa e militante antiberlusconiana di cui una trentina veramente pericolosa per la democrazia perchè totalmente fuori controllo ed immune da qualunque punizione esemplare,i restanti ossia la maggioranza non lo sono di certo,fatto sta che personaggi come la bocassini,ingroia,esposito,mesiano,depasquale,gandus,spataro,palamara,caselli,borelli,davigo,d'ambrosio ecc hanno dimostrato una irrefutabile fede antiberlusconiana,molti gettata la toga sono stati candicati nelle file della sinistra da dipietro,ingroia,d'ambrosio,finocchiaro ecc ecc svariate sentenze di condanna contro Berlusconi sono basate sul nulla oltre ad aver violato ogni codice del diritto nazionale ed internazionale, vedasi processi farseschi su ruby e mediatrade,il caso ruby era già stato archiviato dallo stesso capo della procura milanese bruti liberati poi scavalcato dalla bocassini che lo ha riaperto con il prestesto ridicolo della PM fiorillo altra toga rossa doc sanzionata dal csm per violazione del riserbo quando come minimo avrebbe dovuto essere licenziata in tronco, senza contare che Ilda Bocassini non aveva alcuna titolarità sul caso ruby basato sul nulla visto che ruby nega tutto idem l'agente di polizia,dunque alcun reato,perfino Maroni in parlamento disse procedure rispettate e bruti liberati confermò tutto,dunque processo cubano a falce e martello!!! idem dicasi su sentenza emessa da esposito che fino a qualche mese prima si vantava di essere militante antiberlusconiano doc e la sentenza da lui emessa lo riconferma pienamente,l'espulsione dal senato di Silvio fu il colpo di grazia finale,una vera infamia visto che per cacciarlo hanno applicato la legge Severino irretroattivamente.Da carlo nordio a luciano violante ad esimi costituzionalisti si coferma questa infamia verso Silvio Berlusconi,ma per i serventi sinistrati come ridicolopensiero77 i giudici citati sono tutti Berlusconiani o corrotti contano solo quelli come zagrebelsky o bocassini,quelli come pierluigi vigna o luciano violante o carlo nordio sono al più dei provocatori vendutisi per un piatto di minestra, peccato che la loro verità sia irrefutabile rispetto ai militanti sinistrati del circo sinistrense.

narteco

Mer, 21/05/2014 - 11:44

Gli unici che hanno delegittimato la magistratura sono un manipolo di toghe rosse ben aguerrito che da oltre 20 anni sperperano tonnellate di denaro pubblico per una stolta guerra personale contro Silvio Berlusconi e alleati,la maggioranza degli italiani ne è disgustata visto che tutto quel denaro avrebbo potuto e potrebbe essere usato per coprire le voragini di bilancio della giustizia,,stampanti,carta,tribunali obsoleti che cadono a pezzi,sentenze sempre rinviate per mancanza di personale ecc ma chissenefrega meglio continuar a gettar nel cesso milioni di euro per continuare la sporca guerra persa in partenza contro Berlusconi,la dura crisi che soffoca gli italiani può attendere meglio cercar di scoprire se ruby era la nipote di Mubarak o di gheddafi,una volta scoperta tale verità al supermarket potremo avere un bonus per comprare il latte gratis.

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Mer, 21/05/2014 - 12:44

narteco, perché non ti dai una calmata, ti prendi un sedativo e utilizzi il tuo tempo in modo più produttivo invece di difendere sempre e comunque il tuo Cavaliere "senza macchia e senza paura"? Magari vai ad aiutare il tuo idolo a Cesano Boscone nell'assistenza ai vecchietti, unica pena ricevuta dal "complotto dei magistrati comunisti" che, invece di metterlo agli arresti domiciliari come qualunque cittadino, lo hanno favorito lasciandogli fare attività politica. Naturalmente ognuno è libero di credere in quello che vuole, ma per pensare che Berlusconi sia una vittima quando non ha fatto nemmeno un giorno di galera, bisogna proprio avere il cervello fuso.

narteco

Mer, 21/05/2014 - 13:38

Servopensiero77 ancora una volta non rispondi ai fatti irrefutabili succitati dandomi ragione x l'ennesima volta,se le toghe rosse hanno concesso a Berlusconi i servizi sociali è perchè lo prescrive la legge,inoltre se gli avessero dato gli arresti domiciliari silvio avrebbe preso più voti alle prossime elezioni e questo le sporche toghe non lo volevano di certo,ottusamente e cialtronescamente difendi pendagli da forca che vilipendono ed infangano l'onorabilità della maggioranza dei magistrati onesti e super partes che non appartengono nè a magistratura democratica nè ad altre correnti o fazioni di miliziani antiberlusconiani in servizio permanente che sono una vera falange armata in toga,dunque falla finita con le tue sporche menzogne sui magistrati che sono tutti golpisti e comunisti 6 ridicolo, su 8600 toghe solo una trentina lo sono veramente e non perchè lo affermo io ma perchè loro stessi lo dimostrano continuamente ed irrefutabilmente da oltre 20 anni con le loro sentenze e azioni golpiste a senso unico, la lista non esaustiva di alcuni di loro e conosciuta da tutti in Italia,io ne ho elencati solo alcuni, dunque muto.Io mi baso su fatti concreti e non refutabili tu sai solo belare e scrivere slogan alla travaglio dei poveri da puro cerebroleso ideologizzato servente,quelli che dovrebbero essere in galera e da tempo sono quelli che tu cialtronescamente difendi,dalle toghe rosse d'assalto a debenedetti,zagrebelsky,coop rosse,monte dei paschi di siena,monti,merkel e lobbies associate finanziarie devasta italia!!! unico baluardo e vero difensore di sto putrido sistema era e sarà Silvio Berlusconi!!!! PS va ad aiutare il tuo immacolato compagno Greganti che fino a pochi minuti prima di essere arrestato sparava le tue stesse stronzate e menzogne su Berlusconi difendendo quel putrido sistema delle coop rosse e relative tangenti e malversazioni milionarie che doveva essere un modello esemplare per tutti specie per la super corrotta e mafiosa mediaset del Berlusca ahahahahahaha moralista dei mei stivali, salutami ilda e gustavo ahahahahahahahahah

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Mer, 21/05/2014 - 17:03

Narteco, intanto la legge prevede gli arresti domiciliari in prima battuta, i servizi sociali sono una concessione che viene fatta su richiesta, che può anche essere respinta. Gli arresti veri e propri poi sono previsti anche in 3 casi di custodia cautelare: pericolo di fuga, pericolo di reiterazione del reato e pericolo di turbamento delle indagini, tutti elementi che un magistrato "rosso" e prevenuto non avrebbe avuto difficoltà a riscontrare, e invece, anche in passato, non è mai stato fatto. "Se gli avessero dato gli arresti domiciliari Silvio avrebbe preso più voti alle prossime elezioni": spiegazione assolutamente fasulla e indimostrata, uno che non fa campagna elettorale, perché è isolato a casa, prende più voti rispetto a quando fa campagna elettorale? Ridicolo, allora i politici dovrebbero tutti farsi arrestare, così prenderebbero più voti alle elezioni? C'è poco da fare, il cervello è fuso, e i ragionamenti sono conseguenti alla fusione.

ciannosecco

Mer, 21/05/2014 - 18:06

"liberopensiero77"Egregio,lei non deve stare al gioco,Gesù è uno dei tanti che,hanno avuto un verdetto definitivo.Non capisco di quali garanzie parla.Nel caso della condanna a Berlusconi,sono riusciti a costruire l'impossibile.Hanno preso un reato caduto in prescrizione e l'hanno ripescato con una sentenza creativa.In un'altro caso,hanno deciso che,la corruzione non si compie al momento della dazione di denaro,ma quando si inizia a spenderlo.Se per combattere la corruzione dilagante,si accoppa chi non delinque,non facciamo un buon servizio alla legalità.I Magistrati devono essere criticati per due motivi,hanno un potere abnorme, superiore a quello dei politici,possono disporre della nostra libertà quanto gli pare e piace.E se sbagliano,non pagano.Evidentemente la lezione Tortora o della recente Rignano Flaminio,non le hanno dato spunti di riflessione.Saluti.

ciannosecco

Mer, 21/05/2014 - 18:06

"liberopensiero77"Egregio,lei non deve stare al gioco,Gesù è uno dei tanti che,hanno avuto un verdetto definitivo.Non capisco di quali garanzie parla.Nel caso della condanna a Berlusconi,sono riusciti a costruire l'impossibile.Hanno preso un reato caduto in prescrizione e l'hanno ripescato con una sentenza creativa.In un'altro caso,hanno deciso che,la corruzione non si compie al momento della dazione di denaro,ma quando si inizia a spenderlo.Se per combattere la corruzione dilagante,si accoppa chi non delinque,non facciamo un buon servizio alla legalità.I Magistrati devono essere criticati per due motivi,hanno un potere abnorme, superiore a quello dei politici,possono disporre della nostra libertà quanto gli pare e piace.E se sbagliano,non pagano.Evidentemente la lezione Tortora o della recente Rignano Flaminio,non le hanno dato spunti di riflessione.Saluti.

ciannosecco

Mer, 21/05/2014 - 19:24

"liberopensiero77"Egregio,un'ultimo appunto.Ecco alcuni esempi di gente in carcere o ai domiciliari,che non hanno fatto campagna elettorale,ma che hanno avuto un'enorme successo politico.Aung San Suu Kyi,Gandhi,Nelson Mandela,Lech Walesa,ecc.ecc.Saluti.

narteco

Mer, 21/05/2014 - 21:21

Se le toghe rosse hanno concesso a Berlusconi i servizi sociali è perchè lo prescrive la legge,inoltre se gli avessero dato gli arresti domiciliari silvio sarebbe stato ancor più vittima della tracotanza e accanimento giudiziario partigiano e di conseguenza avrebbe preso ancor più voti alle prossime elezioni ma mi rendo conto che tali ovvietà per un minus habens come te dementepensiero77 non potevano esserlo,non è colpa tua 6 nato sinistrato dunque totalmente fuso e i tuoi ragionamenti sono conseguenti alla tua totale demenza partigiana.Il pericolo di fuga, pericolo di reiterazione del reato e pericolo di turbamento delle indagini,sono tutti elementi che un magistrato perfino uno"rosso" come bocassini o esposito benchè super militanti e prevenuti non avrebbero mai potuto richiedere, pena la rivolta popolare vista la già totale farsa di una simile condanna emessa da un corrotto e fazioso come esposito, già più volte attenzioanto al csm per gravi violazioni,corrutele e prevaricazioni di ogni genere,la storia pregressa e attuale del compagno Esposito ha di fatto reso carta straccia la sua sentenza Cubana,lo dice la legge stessa, il giudice che sia prima che dopo la sentenza aveva manifestato la propria ostilità politca e personale in qualsivoglia maniera al poi condannato va sospeso dall'uffico e tradotto innanzi al Csm che deciderà se spostarlo ad altra mansione o revocarne la funzione per sempre,è scontato affermare che il processo va rifatto essendo il ricusato incompatibile per giudicare serenamente uno a cui da sempre avrebbe voluto far vedere i sorci verdi con una condanna tanto esemplare quanto fasulla ed irricevibile per il modus operandi seguito,ma nonostante simili evidenze proprio come in un paese totalitario a falce e martello Berlusconi è stato lo stesso condannato,al csm il compagno Esposito per le dichiarazioni rilasciate al mattino ha preso solo un rimprovero formale,poi sicuramente si provvederà a santificarlo e glorificarlo come tante altre toghe distintesi per imparzialità e serenità di giudizio verso Berlusconi.Siete un circo!!!! Buffoni!!! una scoreggia Vi sepellirà!!!!!!

narteco

Mer, 21/05/2014 - 21:22

Gli unici che hanno delegittimato la magistratura sono un manipolo di toghe rosse ben aguerrito che da oltre 20 anni sperperano tonnellate di denaro pubblico per una stolta guerra personale contro Silvio Berlusconi e alleati,la maggioranza degli italiani ne è disgustata visto che tutto quel denaro avrebbo potuto e potrebbe essere usato per coprire le voragini di bilancio della giustizia,,stampanti,carta,tribunali obsoleti che cadono a pezzi,sentenze sempre rinviate per mancanza di personale ecc ma chissenefrega meglio continuar a gettar nel cesso milioni di euro per continuare la sporca guerra persa in partenza contro Berlusconi,la dura crisi che soffoca gli italiani può attendere meglio cercar di scoprire se ruby era la nipote di Mubarak o di gheddafi,una volta scoperta tale verità al supermarket potremo avere un bonus per comprare il latte gratis.

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Gio, 22/05/2014 - 10:53

ciannosecco, i personaggi che tu citi sono stati per gran parte della loro vita all'opposizione e perseguitati politicamente (non per reati comuni) da regimi autoritari; progressivamente hanno quindi guadagnato consenso popolare, e infine sono andati al potere a furor di popolo, guadagnando anche il premio nobel per la pace. Per Berlusconi è molto diverso, si tratta di un magnate ricchissimo (a differenza di quelli che citi che erano poveri), processato per reati comuni, che ha governato per molti anni, e che ora, nella fase del declino politico, ha subìto anche condanne penali in via definitiva, mentre il consenso internazionale è andato comunque molto diminuendo. Insomma, non credo proprio che se B. fosse finito ai domiciliari, avrebbe accresciuto il suo consenso elettorale, magari avrebbe solo guadagnato qualche manifestazione di piazza, di quelle che conosciamo, ma nulla di più. Invece il partito si sarebbe sfasciato, e questo bisognerebbe metterlo pure nel conto ...

ciannosecco

Gio, 22/05/2014 - 11:32

"liberopensiero77"Secondo il mio modesto parere,lei guarda il particolare, sfuggendo al carattere generale dell'esempio che gli viene proposto.Come aveva già fatto in precedenza,sugli esempi di condannati in via definitiva,lei si è soffermato sui personaggi e sulla diversità del rito processuale,non osservando che,il principio di condannato in via definitiva,può essere fallace,specialmente se si ha come oggi,l'opportunità di leggere delle sentenze.Essere impedito a svolgere campagna elettorale,provoca la reazione contraria ,viene vista da chi osserva, una vittima.Non cerchi spiegazioni razionali,è un fenomeno che succede.Non penso che,uno come Berlusconi non abbia previsto gli arresti domiciliari.Anzi,sono quasi certo che avesse preparato un'offensiva mediatica e che, i Magistrati, hanno stoppato sul nascere.L'effetto è quello che lei senz'altro avrà letto nei commenti appena successivi al provvedimento dell'affidamento in prova,ovvero che non c'era prova dell'accanimento dei Magistrati,che avrebbero addirittura emesso un provvedimento a favore di Berlusconi.Pensi,dopo più di una 40 na di processi ci tocca sentire pure questo.Saluti.

angelomaria

Ven, 06/06/2014 - 16:01

e intanto chi hapagato e'ilnistro amatoSILVIO BERLUSCONI!!!

angelomaria

Ven, 06/06/2014 - 16:02

e il solito discorso fino a quando puoi vivere con lafeccia affianco!!!

angelomaria

Ven, 06/06/2014 - 16:03

o avrei dovuto dire CIRCONDATO!!

angelomaria

Gio, 02/10/2014 - 10:29

IL MARCIO E'COSI PROFONDO MA BISIGNA SANARE VEDIAMO DE IGIUSTI AVRANNO RAGIONE SULLA MALGIUSTUZIA NOSTRANA !!!!

angelomaria

Gio, 02/10/2014 - 10:30

ROBLEDODEI TUTTI NOI!!!