Ecco cosa agita il M5S

La rosa allargata ha solo più spine. Finora se ne sono andati in otto, ma le defezioni non preoccupano il capo. Funziona proprio come nel calcio: i dissidenti guastano lo spogliatorio, meglio via

I mmaginate se Beppe Grillo e Walter Mazzarri si ritrovano alle prese con lo stesso problema. È estate. Forse il caldo ha deciso di ritornare da queste parti. C'è da preparare la prossima stagione, quando probabilmente ci si gioca tutto. La politica e il calcio dovrebbero essere mondi lontani, eppure in questo caso la questione da risolvere è più o meno la stessa. La rosa. La rosa nel senso di squadra. È troppo ampia. Troppa gente. Troppo diversa. Troppo indefinita. Ci sono ruoli scoperti e altri dove la concorrenza rischia di diventare feroce. Il problema è quindi se e come sfoltirla. Questo è il nodo tattico e gestionale dell'Inter, e di tante altre squadre, e quello politico dei Cinque Stelle.
Ora, per Mazzarri il discorso è chiaro. Lo ha detto subito. Senza coppe tutta questa gente è inutile. Anzi, dà fastidio. Mugugni, facce lunghe, scontenti, malmostosi, illusioni deluse, frustrazioni tradite. Si sa come sono i calciatori. Non si accontentano di uno stipendio grasso, vogliono pure il palcoscenico. Non si sta all'Inter per sedersi in panchina o abbassare un bottone. Non c'è, però, solo questo. Gli allenatori in genere non amano le rose lunghe, anche non perdere identità. Mazzarri ha il suo progetto di gioco. L'ideale è che in ogni ruolo ci sia una riserva, due per quelli più delicati. Ognuno sa con precisione quello che deve fare. Non ci sono equivoci e quelli che non rientrano nel «progetto» sono un peso, una zavorra, magari entrano in campo e pretendono di interpretare il ruolo a modo loro, libertà che si può concedere a Maradona e alle poche altre divinità del pallone, mica a uno Schelotto qualsiasi. Allora sfoltire, sfoltire, perché i nerazzurri dopo la sbornia del triplete, dopo la vittoria oltremisura, si è sgonfiata, è tornata a terra. Il difficile, come predicava il Trap, non è vincere, ma continuare a vincere. E per continuare a vincere la prima regola è: cambiare pelle senza perdere l'identità.
E Grillo? Qui il discorso magari appare meno immediato. In fondo il compito di un leader politico è portare più gente possibile in Parlamento. Il vaffacomico però aveva già messo in conto un 10-15 per cento di defezioni, tra i 16 e 24 parlamentari su 163. Ogni volta che qualcuno se ne va, per scelta o a sua insaputa, Grillo segna una faccetta smile sull'album delle figurine a cinque stelle. Non lo turbano, al momento gli addii. Per ora la diaspora è di otto. Troppo pochi. Altri, dicono i suoi fedelissimi, dovrebbero arrivare con il prossimo «Restitution day», perché per mandare via qualcuno c'è sempre bisogno di una scusa sui bilanci, sui tetti salariali e gli egoisti che rovinano lo spogliatoio.
Grillo non è stupido e sa di avere gli stessi problemi di Mazzarri. Non ha avuto il tempo di preparare bene le «parlamentarie». La rete sarà pure sacra, ma qui c'è gente finita in lista con i voti dei vicini di casa. La maggior parte di questi non li conosceva. Se li è ritrovati in squadra, con la speranza che la ruota della fortuna non fosse del tutto cieca. Alcuni di quelli che conosceva ha pensato di mandarli a casa subito, un po' come ha fatto Mazzarri con Cassano. Rompicoglioni, li ha definiti. Gli altri ha cominciato a valutarli sul campo. Quelli che non corrispondono al suo progetto tattico, via. Tagliati. Come Mazzarri? Fino a un certo punto. Mazzarri non ha bisogno di delegittimare quelli che non gli piacciono. Non deve dire che sono disonesti, ambiziosi e un po' fetenti. Non li mette alla gogna sul web e, per quanto ne sappiamo, non li fa processare dagli altri compagni di squadra. Mazzarri non ha il problema della trasparenza. Neppure Grillo vuole averlo, ma purtroppo per lui gli è scappata questa cosa della «filosofia dello streaming». Quello che invece hanno in comune è la ricerca di un'identità. Grillo è convintissimo che i Cinque Stelle devono essere compatti, decisi e ognuno ben conscio del suo ruolo, l'ideale è che come nell'Olanda del '74: ognuno all'occasione si presti a fare il clone dell'altro. E pazienza se nel suo gruppo parlamentare non sembra esserci l'ombra di un Cruyff. Forse è pure meglio. Uno vale uno (tranne l'allenatore e il team manager). Solo così, sostiene Beppe, i Cinque Stelle non balleranno una sola stagione. E la democrazia? Una squadra di calcio non ha il dovere della democrazia interna. Ma se è per questo neppure il movimento Cinque Stelle. Pari sono.

di Vittorio Macioce

segue a pagina 5

Caverzan a pagina 5

Commenti
Ritratto di Goldglimmer

Goldglimmer

Dom, 14/07/2013 - 08:30

Articolo totalmente insensato e inutile....almeno che non si voglia distorgere la realtà.

syntronik

Dom, 14/07/2013 - 08:45

M5S, è stato eletto democraticamente da oltre 9 milioni di persone, BENE, questo è OK, allora, prima di tutto, riconosca, che anche Berlusconi, ha avuto un voto democratico, e più di lui, pertanto per fare il politico e non il buffone, inizi a rispettare gli altri, se vuole essere rispettato. Esimio capo movimento, se vuole assumere l'atteggiamento del politico, inizi a rispettare gli altri, e vedrà che sarà automaticamente rispettato, dopo di che vedrà, che automaticamente le daranno lo stesso rispetto ed importanza che esige, altrimenti e destinato al macero, ed avrà sempre chi lo evita dalle cose importanti, se invece, vuoi fare della tua crociata, solo quella di combattere il tuo astratto nemico, sarai sempre destinato a rimanere il comico che ti ritrovi, senza però far ridere.

Publio Sestio Baculo

Dom, 14/07/2013 - 09:35

"la rosa è troppo l'arga" Alla faccia dell'errore di battitura!!!

Ritratto di iLpo£itic@nte

iLpo£itic@nte

Dom, 14/07/2013 - 10:01

non sono dissidenti SONO TRADITORI e sono stati GIUSTAMENTE cacciati via dopo una doppia votazione a maggioranza tra i parlamentari e gli iscritti, attualmente sono fuori dalla squadra disponibili sul mercato del fritto misto ACCATTATAVELLI CHI OFFRE DI PIU'... per il resto spiegatemi cosa agita voi

Ritratto di wtrading

wtrading

Dom, 14/07/2013 - 10:11

Con buona pace di Grillo e di tutti quelli che lo seguono, io penso che Grillo sia un furbacchione, dotato di senso volgare dell'umorismo e che la sua bavosa rabbia, non sempre ben calcolata, unitamente al disprezzo dell'Autorità costituita, sfoci in dichiarazioni offensive ed assurde verso una persona ed il più delle volte senza entrare nel merito. Per lui basta solo creare il nemico di turno e bersagliarlo attraverso la rete formata al 90%, da poveri disgraziati.. Penso, anzi ne sono certissimo, che questo ineffabile individuo abbia urgente bisogno di cure psichiatriche. Solo in Italia può accadere che un elemento di tal fatta possa raggiungere posizioni politiche importanti, trascinando, con il solo eloquio e senza cultura alcuna, masse di frustrati, diseredati,nullafacenti, falliti ( vedi la maggior parte dei parlamentari ) e violenti. Bisogna assolutamente che il Popolo Italiano nelle prossime Votazioni Politiche, stia molto, ma attento a votare.

eovero

Dom, 14/07/2013 - 10:23

Grillo,hai portato dentro al movimento se cosi si chiama..troppi conduttori di pecore,non faranno mai il bene dell'Italia,ma il suo personale!!praticamente hai fallito Grillo!!!

xgerico

Dom, 14/07/2013 - 10:36

@wtrading-- Ma stai parlando di Scilipoti e Razzi??? e Dagli tempo, al M5S, neanche la foto per il badge hanno fatto e già sai con chi hai a che fare!

marchino.blu

Dom, 14/07/2013 - 10:45

@wtrading Secondo lei le prossime elezione chi bisognerebbe aiutare? Ci puo' illuminare,data la sua cultura politica?

Ritratto di randel

randel

Dom, 14/07/2013 - 10:45

@wtrading..........." Solo in Italia può accadere che un elemento di tal fatta possa raggiungere posizioni politiche importanti, trascinando, con il solo eloquio e senza cultura alcuna, masse di frustrati, diseredati,nullafacenti, falliti ( vedi la maggior parte dei parlamentari ) e violenti".........SCUSI, MA A CHI SI STAVA RIFERENDO ? HA FINALMENTE APERTO GLI OCCHI ?

peter46

Dom, 14/07/2013 - 10:53

xgerico...io ho risposto sull'art.di ieri,tu ancora no.Solo una cosa:come ti è saltato in mente di offendermi?Leghista a me?Solo per aver detto Crimi nudo ,in quale posizione vuole ,ed invece che senza giacca e cravatta?...E su Razzi calmi che dovrete ricredervi appena tornerà dalla missione in Corea del Nord con la promessa di Kim a non usare armi nucleari.

antonio fabius

Dom, 14/07/2013 - 11:08

Viva il Movimento 5 Stelle, è l'unica speranza rimasta

Ritratto di vomitino

vomitino

Dom, 14/07/2013 - 11:08

articolo per analfabeti (senza offesa)...tanto non leggerlo è lo stesso! poi lasciamo stare paragoni inutili tipo Mazzarri ed Inter...volendo si poteva fare qualsiasi altro paragone piu' consono! o il giornalista(?) preferisce lo sport!?!

Ritratto di ersola

ersola

Dom, 14/07/2013 - 11:08

articolo da bar fatto per i tifosi del pdl che confondono la politica con il calcio.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 14/07/2013 - 11:38

articolo ottimo per i cretini comunisti, che allo stadio insultano berlusconi quando subiscono un gol :-) che idioti cretini questi imbecilli comunisti mafiosi

Ritratto di bergat

bergat

Dom, 14/07/2013 - 13:29

Fa benissimo Grillo a cacciare le persone non idonee. E'una problematica che è apparsa sin da subito. L'unico aspetto da considerare è che il PD nel caso di caduta del governo possa allearsi con la parte peggiore del M5S ovvero con i dissidenti

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Dom, 14/07/2013 - 14:44

In, un Partito democratico si puo é si deve poter criticare chiunque anche il capo del Partito se la critica é costruttiva, Solo nei partito totalitari non si puo criticare un Leader politico, Ma un leader politico che viene votato da milioni di elettori deve anche prendersi responsabilitá di Governo, Ma Beppe Grillo non sá fare altro che criticare chi vuole governare l,Italia!, Questo é molto facile a Fare; Ma a prendersi le responsabilitá Governative é molto piú difficile, Beppe Grillo é un comico é non uno statista, Lui puo fare il pagliaccio su un palcoscenico per i suoi utili idioti di turno, Ma non potrá mai fare parte di un governo che potrá governare bene l,Italia, Beppe Grillo é un assassino con 3 morti sulla coscienza, É anche se i Giudici l,Hanno assolto le sue mani sono grondanti di sangue innocente!.

Azzurro Azzurro

Dom, 14/07/2013 - 15:37

Ora e' al 15%. Tra 18 mesi sara' al 7%. Caduta verticale, come era da prevedersi per uno che fatica ad esprimersi e parla a vanvera di cose che non capisce.

unosolo

Dom, 14/07/2013 - 15:48

ma dai lo sappiamo che questo movimento è il PD mascherato cioè la filiale incavolata dei giovani , odiano i veterani abbarbicati nelle varie camere e commissioni che prendono incariche anche se non eletti dal popolo , ovviamente quando qualcuno si accorge che fa da stampella ecco che scarica il bagaglio e si siede nel fondo aspettando la maturazione del mandato che comporta bei soldoni , soldoni del popolo a cui nessuno rinuncerà a fine mandato e quelli il Grillo se li scorda in quanto verranno presi e fuggiranno se non rieletti ,.