Sì allo scudo anti spread Monti canta vittoria ma è soltanto un bluff

Il premier si dice soddisfatto del risultato strappato al Consiglio Ue però tentenna: "L’Italia non ne ha bisogno, in futuro non lo escludo..."

Monti si presenta in sala stampa con i segni di un estenuante braccio di ferro in volto: occhi rossi come il ministro per gli Affari europei Enzo Moavero, immobile alla sua destra; e come il viceministro all’Economia Vittorio Grilli, decisamente distrutto, alla sua sinistra.

Politicamente, il Professore ha vinto: ha piegato le resistenze tedesche e isolato la Cancelliera di ferro. Anche se, a ben vedere, il risultato incassato potrebbe rivelarsi una vittoria di Pirro. Sulla questione Monti è evasivo e all’obiezione che in fondo Berlino non ha ceduto così tanto risponde: «Però ho visto dichiarazioni di segno diverso», rispetto al solito. Ma il famoso bazooka in grado di rispondere con una potenza di fuoco agli attacchi della speculazione rischia di essere una pistola con poche munizioni. Ma tant’è. La speranza di Monti, in fondo, è che la sola esistenza di arma in più anti spread possa far abbassare la febbre del differenziale dei tassi di interesse. Lo dice chiaro, il premier: «È difficile e azzardato fare delle previsioni sulle reazioni dei mercati. Comunque in questo momento l’Italia non pensa di attivare il cosiddetto scudo anti-spread». Ma, consapevole che la situazione è ancora a rischio, aggiunge: «Non escludo niente per il futuro». La misura sembra cucita addosso a noi e, in seconda battuta, alla Spagna. Ma questo non si può dire né, soprattutto, il premier svela quale sia il livello di guardia di spread che potrebbe far partire la richiesta di aiuto. 300? 350?: «Non c’è una soglia che lo farebbe scattare e credo che se lo avessimo non lo diremmo», risponde a una domanda specifica il Professore. Il quale, tuttavia, cerca di lanciare un messaggio rassicurante: «Confermo che non sono necessarie manovre aggiuntive».

Ma la situazione resta nera e Monti non lo nega. Un collega lo incalza: «Sicuro che l’Italia è in regola, vista la recessione, il debito in crescita e il presidente di Confindustria che parla di abisso?». Mastica amaro, il Professore: «Non tocca a me dire se l’Italia è in regola con le procedure europee: lo dicono la commissione e le altre istituzioni europee», risponde stizzito. Quindi graffia il capo degli industriali: «Certo, parlare di abisso come ha fatto il presidente Squinzi...». Poi però ammette: «La situazione è pesante ma non ho mai pensato che si potesse trasformare in leggera in pochi mesi». Quindi cerca di far vedere uno spiraglio di luce: «L’Italia per l’anno prossimo si è ripromessa di avere un avanzo strutturale».

Monti vorrebbe parlare, però, della sua vittoria politica. Ha piegato l’agenda europea e isolato la Merkel sul tema dello scudo anti spread. Ma non cade nella tentazione di riconoscere che la giornata di ieri ha di fatto rafforzato il suo governo: «Siamo qui per rafforzare l’Italia, non il nostro governo. Il nostro obiettivo è fare cose utili per l’economia. Tante cose sono state fatte e di questo mi rallegro con i miei ministri e con il Parlamento». La partita con la Germania è stata dura ma, semi-scherza Monti, «Il dialogo avuto con la Cancelliera Merkel è stato di qualità superiore al dialogo che qualche volta intratteniamo con le parti sociali non per nostra volontà». E ancora: «Con la Cancelliera c’è un ottimo rapporto come c’era prima”. Nonostante questo, il premier non riesce a nascondere che qualche frizione c’è stata eccome: «Merkel ha comprensione per le difficoltà che abbiamo in Italia e noi abbiamo comprensione per le difficoltà che lei ha nel Parlamento tedesco».

E sempre con Berlino il premier ha incrociato le spade sul tema della troika. Per tutta la giornata di ieri, infatti, la Cancelliera aveva sostenuto che i Paesi che avessero azionato lo scudo avrebbero dovuto sottostare alla vigilanza (leggasi diktat) di Fondo monetario internazionale, Bce e Commissione Ue. Tesi, questa, rispedita al mittente con forza dal Professore. Una frizione durata per tutto il giorno. Poi, nel pomeriggio, l’ammissione di Berlino: «Lo scudo non comporterà gli interventi della troika: basterà continuare ad adempiere alle raccomandazioni della Commissione».

Il rischio di una sorta di commissariamento c’è, tanto che l’ex ministro Brunetta parla di «polpetta avvelenata». Una critica a cui Monti risponde con stizza: «Lo scudo non è una polpetta e soprattutto non è avvelenata. Vorrei quindi tranquillizzare un osservatore molto attento, acuto e sempre vigile sulle questioni economiche che è Renato Brunetta. Non ho potuto telefonargli ma gli rispondo qui...».

Commenti

N.M.

Sab, 30/06/2012 - 09:15

Ibis Redibis Non Morietur In Bello

sorans99

Sab, 30/06/2012 - 09:13

Monti "Il nostro obiettivo è fare cose utili per l’economia". "Tante cose sono state fatte e di questo mi rallegro con i miei ministri". Sì, tante cose disastrose che hanno amputato le gambe della parte produttiva, e lo "spread" vola nonostante questo patetico bocconiano. Unica cosa positiva è che lui riceve mani libere alle misure che quando Berlusconi voleva farlo, si mette in moto il carro armato della sinistra con stampa TV e toghe rosse urlando "Bunga-bunga" - Rubygate, Affare Mills, Corruzione e quant'altro. Merkel fa del tutto per affondarci, teme la terza potenza economica dell'UE. Hollande spalleggia Monti solo per indebolire l'eterna concorrenza tedesca ed anglosassone.

sorans99

Sab, 30/06/2012 - 09:18

Monti "Il nostro obiettivo è fare cose utili per l’economia". "Tante cose sono state fatte e di questo mi rallegro con i miei ministri". Sì, tante cose disastrose che hanno amputato le gambe della parte produttiva, e lo "spread" vola nonostante questo patetico bocconiano. Unica cosa positiva è che lui riceve mani libere alle misure che quando Berlusconi voleva farlo, si mette in moto il carro armato della sinistra con stampa TV e toghe rosse urlando "Bunga-bunga" - Rubygate, Affare Mills, Corruzione e quant'altro. Merkel fa del tutto per affondarci, teme la terza potenza economica dell'UE. Hollande spalleggia Monti solo per indebolire l'eterna concorrenza tedesca ed anglosassone. Quindi l'unica utilità di Monti è che Berlusconi potrà usarlo per attivare le misure economiche che furono silurati dalle sinistre, che del destino della gente si frega, conta solo potere e privilegi dei suoi politici.

ErnstJunger

Sab, 30/06/2012 - 09:27

È vero,è tutto inutile,non appena torneranno i vecchi partiti nel 2013,tutto sarà vanificato.

bob82

Sab, 30/06/2012 - 09:28

Le cose che sono successse nell'ultimo anno sono incredibili e ancora non si è capito cosa vuol fare l'europa che è la stessa causa dei suoi mali giacchè i poteri non riescono a cavare un ragno dal buco..le soluzini che sono elementari non si prendono perchè nessuno vuole sacrificare del suo ognuno pensa a se stesso al proprio paese e la dimostrazione che quando ci sono veri problemi si vede quanto è solido un rapporto...la mancanza di regole internazionale sulle immigrazioni di massa sulla crescita esponenziale di altri paesu cina india la globalizzazione..le banche padrone..le ladronerie la corruzione le guerre continue per il petrolio...il terrorismo internazionale rende tutto molto più difficle..non è possibile che un paese come la grecia tenga in scacco tutto ilmondo e ricatti tutti chiedendo soldi continuamente per i propri interessi invece che per risolvere i problemi cosa che non rtiesce a fare...il popolo greco vuole restare in €uropopa mica sono scemi.....

Ritratto di Gian Lore

Gian Lore

Sab, 30/06/2012 - 09:33

Non ho visto da nessuna parte del giornale, notizie riguardo al MES. Penso che la gente dovrebbe essere informata riguardo alla sua esistenza. Capisco che è un argomento ostico, ma gli italiani dovrebbero sapere che vantaggi e rischi si ha aderendo appunto a questo cosidetto "trattato salva stati". Grazie

idleproc

Sab, 30/06/2012 - 09:52

Lo sai ma non ci vuoi credere. E' vero, anche voi qualche volta mi avete censurato, in modo del tutto legittimo, è casa vostra e come gli altri sono ospite. Mi avete però sempre pubblicato commenti anche nettamente contrastanti con l'ipotizzabile linea editoriale, anche alcuni sopra le righe e che mi sono pentito di aver spedito subito dopo l'invio. Nella concorrenza, censurano tutti i commenti per nulla offensivi ma che semplicemente e moderatamente possano aprire un confronto sui processi reali che stanno dietro a questo tipo di crisi e che negano una linea politica che hanno perseguito a rimorchio dei finanzieri globalzzatori. Sembrano un resort della City o di WS. Non dico di aver ragione io, anzi. Neanche discutere sulla sostanza. Devono controllare la loro base che purtroppo per loro comincia a ragionare con la sua testa. Non è uno slogan ma è la natura stessa della subcultura catto-stalinista. Altro che Fascismo. Vi ringrazio di esserci i liberali saranno sempre una vera risorsa

puntocomando

Sab, 30/06/2012 - 10:03

povero monti che pena mi fai,se non era berlusconi che ti ha messo un po di sale nel ****,oggi 30 giugno non saresti qui a parlare di vittoria per il tuo governo,governo di che poi,non siete stati eletti da nessuno,quell'altro *******o che dai media viene definito il salvatore della patria,ma che per me è il peggior capo dello stato dopo scalfaro,è stato l'artefice della defenestrazione di berlusconi,insieme alla culona,la quale culona alle prossime elezioni sparirà,come è sparito l'altro,sarcozio,il francese.in italia vincerà nuovamente berlusca,alla faccia di chi gli vuole male e io che non volevo più andare a votare,solamente perchè berlusca ha dato l'appoggio a monti,ci ho ripensato,gli darò ancora il mio voto,perchè è un grande insieme a balotelli.

Ritratto di pisistrato

pisistrato

Sab, 30/06/2012 - 09:58

Alcuni spunti di riflessione: 1. la Germania con questo accordo non mette un solo centesimo di euro in più di prima in quanto l'ESM non sarà potenziato come anticipato da Schauble e confermato al summit. 2. Con la consistenza attuale l'ESM non ha liquidità sufficiente dopo la ricapitalizzazione delle banche spagnole per sostenere il debito italiano per più di 5 mesi, oltre al fatto che l'Irlanda sta già richiedendo di accedere anch'essa all'ESM al posto del bailout in corso ed altri paesi si faranno probabilmente avanti. I SOLDI QUINDI NON CI SONO Monti parla di successo perché potrà usufruire di un "bailout" di fatto senza sottostare alle rigide regole della troika. La Merkel parla anche lei di successo perché per la Germania è rimasto lo status quo: non tirerà fuori un centesimo in più di prima. I veri perdenti siamo - tanto per cambiare - noi cittadini italiani perché senza una imposizione della troika le riforme liberali non verranno mai fatte

Ritratto di alenovelli

alenovelli

Sab, 30/06/2012 - 09:58

Dunque ricapitoliamo: Monti in Europa fa la voce grossa minacciando di ricorrere al veto (mentre testa d’asfalto lo evitavano tutti come la peste), Monti riesce a far valere le sue ragioni giuste o sbagliate che siano (mentre Al Tappone faceva il cucu’ alla Merkel e raccontava dei suoi guai giudiziari a Obama), Monti riesce a inquadrare l’Italia in un asse di alleanze che contano (su idee che peraltro aveva anche proposto senza successo Tremonti vista la totale mancanza di credibilita’ del migliore presidente di burlesque della storia), con Monti la borsa sale al 6,6 (io mi ricordo un – 7 dopo un weekend passato dal cav. Bellachioma Tinto di Tintura a festeggiare il compleanno di Putin a Mosca), i giornali tedeschi devono togliersi tanto di cappello e riconoscere la sconfitta della Merkel (mentre sbeffeggiavano senza ritegno il fu’ pagliaccio incatramato). Care sparute pecorelle pidielle, cos’altro vi serve per riprendervi dallo stordimento? Siete ridicoli e patetici.

IuniusBrutus

Sab, 30/06/2012 - 10:04

Sono pessimista di carattere. Ma cerco sempre di vedere il bicchiere mezzo pieno. In sostanza tutto deve ancora essere deciso, perché è nella fase attuativa delle scelte politiche, quando si scrivono concretamente i provvedimenti e questi sono ratificati da tutti, che si può stabilire cosa sia stato effettivamente fatto. Per sapere questo, mancano sei mesi buoni. Per ora c'è solo speranza e questo ha portato a fenomeni di euforia finanziaria. Comprare sulle voci e vendere sulle notizie.... Purtroppo nessuna attenzione sembra sia stata rivolta alla concreta creazione di vera ricchezza. Le banche avranno soldi freschi di stampa, finti, per finanziare società immobiliari che si comprino alle aste, ora tutte deserte, le case di quelli che non riescono a pagare i mutui? E poi? Rialzerà la testa la speculazione immobiliare, terribile in Spagna, ma notevole anche da noi? E le famiglie sfrattate? Cosa si fa per dare lavoro alla gente? Che poi paga, se può! Assumiamo un altro milione di @ç&$£?

Ritratto di scorpion12

scorpion12

Sab, 30/06/2012 - 10:08

@ puntocomando ma come? l'articolo dice che è stato un bluff la vittoria di monti. Ergo le istruzioni di Berlusconi, seguite dall'incapace Monti, sono state un bluff. E' semplice logica. Altrimenti l'articolo sbaglia, le valutazioni di mezzo PdL sono errate e Monti ha vinto realmente grazie ai grandi consigli di Berlusconi. In ognuno dei due casi c'è un PdL pasticcione e meschino che o si prende i meriti degli altri o spara stupidaggini. Come al solito insomma.

Ritratto di alenovelli

alenovelli

Sab, 30/06/2012 - 10:09

Ehi bananas, adesso staccate la spina a Monti, se volete sprofondare al -20%. Puah puah puah

Ritratto di alenovelli

alenovelli

Sab, 30/06/2012 - 10:10

Il barzellettiere di Hardcore ci aveva abituati a ben altri bluff...il berlusconismo, bluff durato 20 anni...

Ritratto di alenovelli

alenovelli

Sab, 30/06/2012 - 10:15

“Monti si presenta in sala stampa con i segni di un estenuante braccio di ferro in volto: occhi rossi come il ministro per gli Affari europei Enzo Moavero, immobile alla sua destra; e come il viceministro all’Economia Vittorio Grilli, decisamente distrutto, alla sua sinistra”. Anche testa d’asfalto spesso si presentava con gli occhi rossi oppure si appisolava in situazioni ufficiali oppure annullava impegni istituzionali: in quel caso era colpa dei bunga bunga notturni. Ah come ci manca il regime del fu’ Silvio...quello si che faceva sul serio...

davideg68

Sab, 30/06/2012 - 10:30

ma fatela finita perfavore!!!!! siete diventati come TUTTOSPORT!! E SE LEGGETE TUTTO SPORT SAPETE CHE COSA SIGNIFICA!!!

battista36

Sab, 30/06/2012 - 10:40

Se un decimo di quello che ha ottenuto Monti l'avesse ottenuto Berlusconi i peani si sarebbero sprecati. Suvvia, un pò di obiettività

giuseppe giordano

Sab, 30/06/2012 - 16:25

n.17 battista...inizi a conoscere la nostra lingua e poi innalzeremo molti"PEANA"(forse si confonde con i "peoni" dei quali lei fa parte) per i suoi progressi! Aggiungo: ora tutti si sprecano in peana a Monti,contrariamente a quanto sostiene il battista, dimenticando che il Cav. ha avuto un incontro col Monti/Morfeo e gli ha dettato l'agenda da presentare e far valere a Bruxelles...questa è la verità!!! Sono altresì convinto che il Cav. non sia per nulla soddisfatto del quasi nulla ottenuto dal Prof.Morfeo e presto ne sentiremo delle belle...scommettiamo? Sono sorpreso che anche voi di questo giornale non abbiate tratto tali conclusioni così evidenti! Auguri Italia

Ritratto di centocinque

centocinque

Sab, 30/06/2012 - 17:06

N.M.#1. Temo che pochi siano in grado di comprendere il tuo post, peró sei un grande! Standing ovation....