Sanità, Formigoni ribatte:"Querelo la toga che parla coi giornali e non con me"

Il presidente della Regione Lombardia, nel mirino dei pm milanesi con accuse di corruzione e finanziamento illecito, si difende: "Solo una montatura, c'è chi vuole gettare fango"

Presidente Formigoni, lei ha parlato di fango e manovre torbide. Chi è secondo lei il manovratore?
«Stamattina (ieri per chi legge, ndr) un quotidiano che si chiama Corriere esce con una notizia. Questa notizia è falsa».

Non è vero che lei è indagato per corruzione e finanziamento illecito?
«Formigoni non ha ricevuto alcun avviso di garanzia e non è indagato. Perché hanno pubblicato questa notizia falsa? Per gettare fango e discredito sul presidente della Regione Lombardia. Da mesi mi vengono lanciate accuse e calunnie, false e infondate. Si tratta di una vera operazione militare condotta contro Formigoni e il centrodestra, per abbattere il governo più importante retto dal centrodestra, dopo che sono riusciti ad abbattere il governo Berlusconi».

Vuole spiegare ai lettori quali sono i suoi rapporti con Daccò?
«Conosco Daccò da 15 anni, sono stato suo ospite per alcuni weekend su una barca che in realtà era di Antonio Simone, non di Daccò. In genere in questi weekend erano a bordo o Simone o Daccò o loro familiari e amici. Altro che una barca a disposizione di Formigoni! Io sono sempre stato ospite».

E le vacanze ai Caraibi?
«Sono stato in vacanza due volte nei Caraibi insieme a tanta altra gente, in gruppi vasti di 15 o 20 persone, pagandomi sempre da me la mia quota».

E perché Daccò dice di averle pagato le vacanze?
«È proprio ciò che io metto in dubbio. Sono due quotidiani, Repubblica e Il Fatto, che pubblicano verbali secretati in cui Daccò direbbe questa cosa qui. Ma io metto in dubbio che Daccò abbia fatto queste dichiarazioni, perché non corrispondono a verità. Secondo me Daccò non ha detto quelle falsità. Questo è il motivo per cui ho querelato Repubblica e il Fatto. Al Corriere ho detto che la notizia è falsa, e poiché so che il direttore è persona di rispetto, mi attendo la smentita».

Prendersela con la stampa non è un modo di fuggire la questione?
«Io non me la prendo con la stampa! Chiedo alla stampa di smentire le falsità. Se non smentiscono, querelo e chiedo i danni. Questo è l’ultimo diritto rimasto a un cittadino, sia egli un cittadino qualunque o il presidente della Regione. Insisto: la magistratura non ha in corso alcuna indagine nei miei confronti».

E se ci fosse davvero un’indagine a uno stadio in cui non è ancora necessario l’avviso di garanzia?
«Lei mi sta dicendo che c’è un magistrato di Milano che sta indagando su di me e che non lo dice a me ma al Corriere della Sera? Mi dica il nome del magistrato e io lo querelo. Sarà un processo modello. Lei avanza questa ipotesi, io invece non credo che ci sia un magistrato di Milano che viola così gravemente la legge. Se c’è mi difenderò contro di lui».

Ha ricevuto telefonate di solidarietà dai vertici del Pdl e della Lega?
«Ho ricevuto tantissime telefonate e sms, sia a me sia attraverso la segretaria. Amici e parlamentari sono in rivolta, anche attraverso le agenzie, contro questo sciacallaggio vergognoso. La gente si è ormai resa conto che sono tutte menzogne, una mostruosa montatura. D’altra parte, come tutti sanno, la sanità lombarda è la migliore d’Italia, l’unica in pareggio e senza debiti. Riceviamo dallo Stato meno soldi di tutti gli altri. Qualcuno vuol far credere che siamo corrotti mentre invece non sarebbero corrette le regioni che hanno debiti per miliardi di euro e li fanno pagare ai cittadini? Ormai non ci crede nessuno alla favola che siamo efficienti ma corrotti».

È dispiaciuto, pentito, pensa che ci sia qualcosa per cui chiedere scusa?
«Assolutamente no. Sono arrabbiato, anzi malinconico per il livello di degrado a cui stiamo assistendo in questi mesi, per gli attacchi vergognosi che vengono condotti fondandosi sul nulla. Attacchi che non risparmiano neppure il presidente della Repubblica».

Ha detto di essere disponibile alle dimissioni se venissero confermate le accuse...
«No. Solo nel caso in cui le accuse venissero dimostrate. E io ripeto che non ho tratto vantaggio dall’amicizia con Daccò né lui dall’amicizia con me. Non riusciranno mai a dimostrare l’accusa perché è falsa».

Ha già pensato alle prossime vacanze?
«Andrò in un convento del Dodicesimo secolo in Anatolia... No. Non ho pensato alle mie vacanze. Onestamente ci penso sempre all’ultimo o al penultimo minuto».

Commenti

paci.augusto

Dom, 24/06/2012 - 09:36

Non s'illuda Formigoni? Il magistrato rosso che ha passato la notizia si guarderà bene dall'ammettere la scorrettezza! Non ha imparato niente dai numerosi precedenti di notizie giudiziarie contro Berlusconi, passate dai tribunali ai giornali 'amici', anzi ' compagni '? E, se mi permette Formigoni, è stato anche molto ottimista e compiacente verso i magistrati milanesi quando li ha definti ' persone corrette che, se indagato, mi avrebbero inviato avviso di garanzia '. Aspetta e spera!!! Cacciare dalla magistratura tutti questi ' soffioni ' politici di notizie che DOVREBBERO essere coperte dal segreto d'ufficio! Ma non quando riguardano gli anticomunisti da diffamare!!!

Ritratto di Giovanni da Udine

Giovanni da Udine

Dom, 24/06/2012 - 09:41

E oltre al magistrato, che dubito sarà individuato ma soprattutto in tale ipotesi, è da querelare anche il presidente del tribunale, per responsabilità oggettiva in quanto "non poteva non sapere". Ricordarsene per la riforma della giustizia.

Ritratto di ALESSANDRO DI PROSPERO

ALESSANDRO DI P...

Dom, 24/06/2012 - 10:15

Le querele in Italia servono a poco e niente. Il Codice impone le dovute indagini ma i responsabili dell' osservanza fanno quello che vogliono ; "bello e cattivo tempo" ma di solito ARCHIVIAZIONE.

pgbassan

Dom, 24/06/2012 - 10:35

Un magistrato deve interloquire con l'interessato e non coi giornali (soldi). Coi giornali riferirà circa le indagini e le eventuali prove di reato, quando ci sono. Basta con la gogna mediatica, peggiore della gogna medievale. Si sa che la sinistra è specialista nel rimestare e creare fango. Attaccare sempre e comunque serve a lei per distrarre dalle proprie nefandezze. Roberto Formigoni: fai delle bellissime e meritate vacanze, in barba ai sinistri e ai magistrati disonesti.

Ritratto di mark 61

mark 61

Dom, 24/06/2012 - 10:46

o bravo FORMIGONI finalmente mostri le fatture delle spese da te sostenute .......... pravo cittadini ti 6 fatto fare la ricevuta fiscale

gibuizza

Dom, 24/06/2012 - 10:58

Pur leggendo i 4 giornali più importanti, non sono ancora riuscito a capire se a Formigoni è stato consegnato un avviso di garanzia oppure no! Come possono accadere queste cose? E se per caso dovesse essere vero il magistrato che ha fatto il colpaccio di avvertire prima i giornali e poi l'interessato verrà rimosso dall'incarico?

Ritratto di mark 61

mark 61

Dom, 24/06/2012 - 11:06

"Querelerò la toga che parla coi giornali e non con me"...........PARLARE magari volevi dire donare qualcosa senza ricevuta

Giulio42

Dom, 24/06/2012 - 11:14

Non so nulla su Formigoni ma condivido la scelta di non dimettersi. Di questo passo si torna ai tempi dell' inquisizione. Questo non è giornalismo ma caccia alle streghe.

pgbassan

Dom, 24/06/2012 - 11:21

Un magistrato deve interloquire con l'interessato e non coi giornali (soldi). Ai giornali riferirà circa le indagini e le eventuali prove di reato, quando ci sono. Basta con la gogna mediatica, peggiore della gogna medievale. Si sa che la sinistra è specialista nel rimestare e creare fango. Attaccare sempre e comunque serve a lei per distrarre dalle proprie nefandezze. Roberto Formigoni: fai delle bellissime e meritate vacanze, in barba ai sinistri e ai magistrati disonesti.

erikjanhanussen

Dom, 24/06/2012 - 11:21

Si attacca Formigoni per attaccare Silvio che - nonostante si guardi bene dal ritornare a fare il Premier - fa sempre paura ad una certa opposizione che sa bene di dover dipendere da una forza politica nuova come il movimento di Grillo per raccogliere voti a sufficienza. In altre parole: se domani il Governo Monti cadesse, i più impreparati sarebbero proprio loro: Bersani & C. Meglio infangare Formigoni e PDL: non si sa mai.

bruno Giulio Mario

Dom, 24/06/2012 - 11:18

se avesse un pò dignità, speriamo che qualcuno del pdl gli faccia firmare una bella lettera di dimissione- e con gente come questa che ha pensato solo ed esclusivamente ai propri interessi e credono di essere indispensabili che il pdl ha perso e continuerà a perdere consensi

Ritratto di woman

woman

Dom, 24/06/2012 - 11:27

Tra le tante colpe degli uomini del centro-destra c'è quella, forse la più grave di tutte, di non aver capito che il primo problema da risolvere era quello della (in)giustizia. Vigliaccamente hanno lasciato solo Berlusconia a difendersi dai continui attacchi. Ora cominciano a capire che la stessa persecuzione toccherà a chiunque voglia prendere il suo posto.

enzo1944

Dom, 24/06/2012 - 11:28

Egregio dr.Formigoni,lei sa molto bene che l'IMPORTANTE,in tutte queste vicende messe in piedi dalla magistratura rossa,è far nascere il DUBBIO e la DIFFAMAZIONE dell'avversario politico da vincere o eliminare!!...Non importa se le accuse siano vere o false o inconsistenti! Quello che conta è sputt..........are l'avversario e indebolirlo politicamente! E' una vergogan!......Serve una vera RIFORMA,che il PD non vuole in nessun modo!..del resto l'80% dei Magistrati che entrano in Politica,vanno nel PD!!............perchè?? Lo chieda alla finocchia,a napolitano,a tedesco, a emiliano etc.!!

Massimo Bocci

Dom, 24/06/2012 - 11:24

Certo la giustizia ( si fa per dire) di regime funziona dopo 65 annni di rodaggio, a Milano si indaga un governatore perché colpa grave in un regime di comunisti e mafia come questo fa costare la sanità pubblica meno di tutti e' la più efficiente, ma volete mettere gli hanno pagato le vacanze e forse un caffè, in Toscana dove il regime comunista impera da 60 anni e abbiamo una sanità solo millanta e valida per fare cooptati per il voto scambio, il partito regime depositario di tutti le ruberie e nomine, alla USL di Massa Carrara ha fatto sparire la cassa (220 milioni €) che dovevano essere spesi per l'assistenza ospedaliera ( i compagni si che la sanno fare la spending review loro dove ci sono soldi pubblici fanno ammanchi), ...dunque paragoniamo il maltolto il Formigoni per le vacanze accusato di appropriazione indebita si deve dimettere (come dicono i compagni1 si deve dimettere non e uno che non sa rubare un dilettante),... In Toscana l'attuale governatore che prima e' stato 10 anni alla sanità non sapeva nulla (proprio un messo in mezzo)...che volete fare la giustizia in questo regime e' c'osi ci vogliono dei veri padrini ( mafia??) per non sapere la verità palese dei ladri!!!

Ritratto di orcocan

orcocan

Dom, 24/06/2012 - 11:31

E' l'informazione e buona parte dei giornalisti (compresi quelli del Giornale) che fanno piu' danno all'immagine dell'Italia in tutto il mondo dove i panni sporchi li lavano in casa. Qui da noi e' tutto un susseguirsi di ipotesi, di fuga di notizie quasi sempre fasulle o elaborate a piacimento dell'estensore, quasi tutte seguite da giorni e giorni di articolesse prendendo spunto ad ogni virgola, dichiarazione o presunta tale. Si fanno dibattiti anche sul colore dei calzini di un magistrato. Insomma, mentre negli altri Paesi c'e' un minimo di orgoglio nazionale, qui da noi e' un continuo battibecco tra decine di opinionisti che cercano un colpevole a tutti i costi, Dal Presidente della Repubblica, al Papa. Resta comunque il fatto che la cosa piu viscida e' sbattere il mostro in prima pagina che, come il solito, deve dimostrare la sua innocenza senza conoscere i fatti REALI e, dulcis in fundo, quella parte di magistratura che continua a sobillare.

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Dom, 24/06/2012 - 11:31

"Querelerò le toghe". Che è un po' come dire: chiederò aiuto alle tigri che mi proteggano dalle altre tigri che mi voglion divorare. Povero Formigoni.

Ritratto di 02121940

02121940

Dom, 24/06/2012 - 11:39

Certo, ha tutte le ragioni. Questi magistrati che parlano troppo non sono certamente seri e quindi Formigoni farà bene ad attaccarli con le loro stesse armi. Nel caso suo, però, farà un buco nell’acqua … del resto questo non è un paese serio e non può certo esserlo una magistratura squalificata. Però, mi domando: ma il Formicone i soldi se li sarà presi veramente o no? Si, perché tra le due ipotesi cìè una bella differenza.

Ritratto di marforio

marforio

Dom, 24/06/2012 - 11:42

Una querela non significa in caso di menzogna che il magistrato vadi in galera , o paghi una bella penale di tasca sua. E questo quello che manca in Italia, che i giudici vengano anche giudicati e se colpevoli a pagare .Questa classe di farabutti sono cittadini come noi, ne piu ne meno Liberte Egalite Fraternite; ma dove sono ste chimere tanto acclamate dai giacobini rossi.

pescecane

Dom, 24/06/2012 - 12:06

Se Formigoni non è stato avvertito, se le notizie sulla sua incriminazione ed i relativi verbali sono stati depositati dal magistrato presso la redazione del Corsera e del Fatto, questo rappresenta un delitto molto più grave di qualsiasi reato venga addebitato a Formigoni. Delitto gravissimo perchè perpetrato da funzionari dello Stato che in spregio di quelle leggi che dicono di volere difendere, sicuri della loro intoccabilità, attentano all'istituzione rappresentata dal Presidente della Regione Lombardia che è stato eletto con i voti dei cittadini. Aspettarsi che sia fatta una inchiesta seria da parte dei colleghi, però, mi sembra utopico perchè quegli stessi colleghi, in passato, certamente si sono comportati nello stesso modo illegale.Formigoni sta cominciando, a sue spese, a capire che alcuni magistrati costituiscono un corpo separato dello stato per il quale le leggi non valgono.

omar

Dom, 24/06/2012 - 12:16

Si dimetterà se le accuse "venissero dimostrate": BONTA' SUA? Se le accuse saranno dimostrate, lui finirà in galera, mi auguro, vuol darle da lì le dimissioni? 20 anni di politica, sempre nello stesso ruolo, danno alla testa (anche a chi ha fatto voto di "povertà", sic).

Ritratto di 02121940

02121940

Dom, 24/06/2012 - 12:50

RIPROVO - Certo, ha tutte le ragioni. Questi magistrati che parlano troppo non sono certamente seri e quindi Formigoni farà bene ad attaccarli. Nel caso suo, però, farà un buco nell’acqua … del resto questo non è un paese serio e non può certo esserlo una magistratura squalificata. Però, mi domando: ma il Formicone i soldi se li sarà presi veramente o no? Si, perché tra le due ipotesi cìè una bella differenza.

Ritratto di WjnnEx

WjnnEx

Dom, 24/06/2012 - 12:46

Dunque non un rapporto di affari “di privati tra privati”, come sempre sostenuto dal Presidente della Lombardia, ma, nell’ipotesi accusatoria, un sistematico versamento di tangenti da parte della Fondazione di Pavia (ma anche di altre realtà ospedaliere lombarde) per ottenere, attraverso «l’uomo che risolve problemi», finanziamenti regionali attraverso delibere e decreti firmati, non di rado, da Lucchina, la “new entry” di questa storia anche se non l’ultima, probabilmente. È Lucchina, ai piani alti del Pirellone, a gestire i rapporti con le Asl per conto del Governatore. Ed è con lui che, una volta finite le vacanze e le cene con Formigoni, doveva trattare Daccò. Così spiega, nel suo verbale del 3 febbraio, l’ex assessore ciellino Antonio Simone: « (Con Lucchina) si incontravano in Regione, so queste cose perché me le ha riferite direttamente Daccò.

agostino.vaccara

Dom, 24/06/2012 - 12:58

Mi sembra ieri quando bruti liberati, capo della procura di Milano, diceva, relativamente al caso ruby: no, Berlusconi non è indagato! Poi si è visto!!! Il problema, comunque, non è questo. Il vero problema è che un giornale ha pubblicato notizie che "non potevano non venire" dalla procura di Milano. Ora qualcuno mi dovrebbe spiegare perchè la procura di Milano è un colabrodo quando si tratta di esponenti del Pdl, mentre è del tutto impermiabile quando si tratta di esponenti del Pd! Forse, addirittura, si arriverà a chiedere gli arresti per Formigoni. Ma come mai pur con tutte le prove che si hanno sulle malefatte di Penati non lo si è ancora arrestato??? Perchè si è chiesto ed ottenuto l'arresto di lusi ma non si è arrestato penati??? Forse perchè è stato il braccio destro e sinistro di bersani??? E come mai il "teorema" " non poteva non sapere" è valido per Berlusconi e non per bersani??? Vorrei che Csm, Anm, e magistratura lo spiegassero agli italiani tutti!!!

RobertoDeSable

Dom, 24/06/2012 - 13:24

E poi dicono che Travaglio fa le interviste in ginocchio...

FreedomITA

Dom, 24/06/2012 - 13:26

Secondo me i magistrati non hanno ancora capito il valore del principio della segretezza delle indagini preliminari. Credono sia un principio per tutelare la persona sottoposta alle indagini quando invece serve per tutelare il loro lavoro... ma così non è e la dimostrazione è che ogni volta il loro castello di carte cade inesorabilmente.

piedilucx

Dom, 24/06/2012 - 13:38

se viai a casa fai meglio

piedilucx

Dom, 24/06/2012 - 13:40

riprovo ; va A CASA CHE L'ITALIA E LA LOMBARDIA CI GUADAGNA

Ritratto di Goldglimmer

Goldglimmer

Dom, 24/06/2012 - 15:07

#18 marforio .......tu scrivi "Questa classe di farabutti sono cittadini come noi, ne piu ne meno" La prossima volta parla per te e scrivi "come me" e non "come noi"...... Farabutto sarai tu, ne più ne meno.

tartavit

Dom, 24/06/2012 - 15:04

E' una indecenza!! La stampa, in questo caso il Corriere pubblica che i magistrati stanno indagando contro Formigoni per corruzione e finanziamento illecito, senza che l'interessato ne sappia nulla. Solo qui da noi possono succedere cose simili. Ma la cosa più grave è che questo modo incivile di procedere (sia chiaro, modo incivile sia da parte della magistratura che da parte del Corriere)è ormai diventato un costume e nessuno fa niente né contro la magistratura né contro la stampa. E andremo avanti sempre così? Ma il CSM non dovrebbe una buona volta intervenire per chiarire e per punire? E se il magistrato avesse davvero passato la notizia riservata alla stampa non dovrebbe andare a fare il raccoglitore di pomodori nella piana di Battipaglia?

ilPavo

Dom, 24/06/2012 - 16:42

Mi chiedo a cosa servano il CSM o l'ordine dei giornalisti. Mai nessuno che paghi se commette errori o assume comportamenti scorretti se non illegali. A questo punto si aboliscano tutti gli organi di controllo e ordini professionali che non servono a nulla in questo paese sempre più senza regole, o meglio, dove le regole - chi può - se le fa come crede...

Ritratto di MACzonaMB

MACzonaMB

Dom, 24/06/2012 - 17:01

Propongo una marcia simbolica di agricoltori lombardi su trattori verso il Palazzo di Giustizia a cui, a seguire, possano aderire tutte le persone di buona volontà. Ritengo l'agricoltore una figura emblematica che innegabilmente ci fornisce materia primaria-utile che sta alla base del sostentamento fisico in contrasto con chi si adopra perchè il popolo conosca con esattezza l'esatto numero dei peli che contornano l'orifizio di un Cavaliere e tutto l'indotto che ad esso potrebbe ricollegarsi.

Ritratto di 02121940

02121940

Dom, 24/06/2012 - 17:05

Attaccando Formigoni si attacca Formigoni e di riflesso il Pdl. Punto. E se ha rubato faranno bene a metterlo “al gabbio”. Non facciamo di ogni fatto una bandiera.

antes

Dom, 24/06/2012 - 19:27

Non ha ancora pensato alle vacanze perchè di solito ci pensava Daccò. Forse spera che il suo amico venga rilasciato prima della fine dell'estate e gli organizzi una nuova villeggiatura. Ovviamento pagando alla romana.