Scontri di Roma, Grillo: "La Repubblica è morta"

Il leader del M5S dal suo blog: "Non abbiamo neppure la dignità di un buon funerale"

"La Repubblica è morta, ma i suoi funerali sono indegni, troppo imbarazzanti". Lo scrive Beppe Grillo sul suo blog commentando gli scontri di ieri allo stadio di Roma prima della finale di Coppa Italia. "Ieri all’Olimpico veniva da piangere, come a un funerale Alessandra Amoroso sembrava recitare un Requiem. I politici sono stati tra i primi a scappare, amorevolmente scortati nelle loro auto blu, quelle non ancora vendute su Ebay (per ora ben sei!) dall’Ebetino incazzato nero per la Partita del cuore. Antognoni non gli passerà la palla e lui non calcerà un calcio di rigore...". E poi ancora: "Ieri sera mi si è stretto il cuore, vedere Alessandra Amoroso cantare l’inno d’Italia sommersa dai fischi in uno stadio sequestrato dagli ultrà con la Polizia impotente e i politici in tribuna d’onore, gente del calibro di Renzie. La Repubblica è morta, ma i suoi funerali sono indegni, troppo imbarazzanti. Non abbiamo neppure la dignità di un buon funerale. Devono andare fuori dal Parlamento e dalle Istituzioni i corrotti, gli indagati, i condannati in primo grado (Renzie)". Secondo il leader del Movimento 5 Stelle "un pregiudicato che colloquia amorevolmente al Quirinale con Napolitano e che sconta una pena ridicola vale come cento stadi fischianti. Ma nessuno ci fa caso. Hanno tutti e due la cravatta, non sono tatuati non urlano. Sono diversamente ultrà. La Repubblica è morta e i suoi cittadini non hanno più rappresentanza, la pentola a pressione sta per saltare. La Polizia è attonita e anche parte della Magistratura, ma gli italiani sono sempre più incazzati di fronte allo scempio del Paese".

Commenti

@ollel63

Dom, 04/05/2014 - 14:24

anche tu sei uno che contribuisce parecchio a questo stato di cose.

giordaano

Dom, 04/05/2014 - 16:03

strilla, strilla ... tanto non sta riuscendo a convincere, e con la sua totale incapacità di costruire alleanze, a governare non ci arriverà mai

guerrinofe

Dom, 04/05/2014 - 18:21

Strilla e insiste a voler far credere le sue fandonie. L'articolo 643 del codice penale parla chiaro . LUI STA RISCHIANDO GROSSO.

robertit2002

Dom, 04/05/2014 - 19:15

ANCHE GRILLO CHE VUOLE IL REATO DI TORTURA PER I POLIZIOTTI ABBASSI LA TESTA E SI VERGOGNI è COME GLI ALTRI TUTTI A TIRARE SUI POLIZIOTTI POI QUANDO SONO NEI GUAI ......AIUTO POLIZIA

roberto.morici

Dom, 04/05/2014 - 19:22

Forse, se il pluriomicida contribuisse urlando meno ed evitando di insultare a destra e a manca, si potrebbe ripristinare di nuovo un clima meno permeato di così tanto isterismo.