SE NE RIPARLA A SETTEMBRESlitta alla Camera il ddl sui tagli ai contributi

Mentre l'Europa allarga i cordoni della borsa sui finanziamenti ai partiti in Italia la situazione resta al palo. Nonostante i roboanti annunci del governo e della maggioranza anche il disegno di legge sull'abolizione del finanziamento pubblico ai partiti, calendarizzato ad agosto, è slittato a settembre. La conferenza dei capigruppo di Montecitorio ha stabilito, infatti, che il provvedimento andrà in aula a partire dal 10 settembre, subito dopo il via libera al disegno di legge costituzionale. Durante la riunione dei capigruppo alla Camera, il presidente dei deputati 5 Stelle Riccardo Nuti ha avanzato la proposta di procedere con una seduta fiume a partire da venerdì sul disegno di legge che abolisce il finanziamento ai partiti, ma la richiesta non è stata accolta dagli altri capigruppo. Settembre sarà il mese giusto?