Il sex appeal dei politici crolla ai minimi storici

Il sex appeal dei parlamentari è ai minimi storici. Parola di italiani e sessuologi. Saranno gli scandali, o la mancata tassazione dei loro vitalizi, ma solo una donna su 10 vorrebbe sposare un deputato o un senatore. Lo rivela il quotidiano online Lecco News che pubblica una ricerca, realizzata su un panel di 1300 donne italiane tra i 20 e i 70 anni, secondo cui risultano essere molto più appetibili i presidenti delle province, che affascinano 5 italiane su 10. Interrogate sull'aspetto estetico, lo charme, lo stile e l'eleganza dei Presidenti delle province del Belpaese, le donne intervistate non hanno dubbi: al primo posto, con il 27% delle preferenze, svetta il giovane presidente della provincia di Lecco, Daniele Nava, 38 anni, sguardo intenso e profondo, un fisico atletico, uno stile sobrio ma curato nel vestire, e soprattutto un portamento elegante, sono queste le armi vincenti che hanno sedotto il pubblico femminile proiettando il presidente di una delle province più virtuose d'Italia in vetta a questa speciale classifica. Ma perché il sex appeal dei parlamentari è ai minimi storici? Secondo la sessuologa Serenella Salomoni dell'associazione Donne e Qualità della vita: «Fare il parlamentare è diventato motivo di imbarazzo. Spesso c'è un forte disprezzo sociale per cui non rappresentano più uno status symbol erotico. Molto meglio gli industriali allora. Quanto ai presidenti delle Province sono meno visibili e singolarmente meno oggetto di attacchi».