Sfigurò bimbo «Ergastolo» per il pitbull

Sconterà l'«ergastolo» ma è stato salvato dalla «pena di morte» per aver aggredito un bambino. È la storia di Mickey, il pitbull che aveva ferito il piccolo di 4 anni qualche tempo. La vicenda aveva fatto discutere in Arizona: nel febbraio scorso, l'animale aveva assalito il piccolo Kevin, mentre il bimbo ero sotto sorveglianza della baby sitter. L'incidente mentre la piccola vittima stava giocando nel cortile di casa: quando si è avvicinato troppo al cane, questi ha reagito con ferocia, azzannandolo ripetutamente al viso. Da lì si è scatenata una battaglia tra chi riteneva che Mickey dovesse essere soppresso e chi, invece, sostenevano che la colpa dell'aggressione fosse della babysitter, per aver consentito al bimbo di giocare vicino all'animale. Quando tutto sembrava deciso per la soppressione, un'associazione animalista si è fatta avanti, presentando un'assistenza legale per il cane grazie ad una raccolta fondi appositamente organizzata. E così i giudici hanno dato ragione alla difesa.