Si riapre il caso della donna kazaka I pm volteggiano attorno ad Alfano

Uno spettro si aggira sulla testa di Alfano. È quello del caso Shalabayeva, la moglie dell'oppositore politico kazako fermata e rispedita nel Paese di origine mesi fa. Il ministro degli Interni, allora, rischiò grosso. Sembrava essere passata la buriana, ma ora Angelino torna a vedersela brutta. I pm di Perugia hanno trovato alcune mail che proverebbero le ricostruzioni lacunose del Viminale sul nodo dei passaporti diplomatici. E i grillini presentano una mozione di sfiducia.

a pagina 5

Commenti
Ritratto di 02121940

02121940

Dom, 11/05/2014 - 10:17

Quisque faber fortunae suae. Angelino è sempre stato un cattivo "costruttore" ed in tutti gli incarichi ricevuti ha fatto solo brutte figure. Penso che ciò sia dipeso essenzialmente da incapacità, ma non mi meraviglierei che ci sia anche dell'altro, dato che è persona cresciuta nella politica. Comunque prima di crocefiggerlo aspettiamo di conoscere i fatti e gli eventuali misfatti.

Mannik

Dom, 11/05/2014 - 11:14

Ma come? Pagine e pagine di Fausto Biloslavo per difendere Alfano e l'azione e adesso sembra che abbia cannato? Perché non lo avete scritto subito?

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Lun, 12/05/2014 - 12:57

Ma se l'allora verginello Alfano fu tenuto all'oscuro di tutto... Lì vi fu veramente un abuso di potere da parte dei burocrati. Comunque la colpa è sempre del Napo che allora, quale capo dell'esercito, doveva mandare i Caramba per arrestare i topi di ministero.