Per cosa si vota

Urne aperte dalle 7 alle 23 di domenica per eleggere i 73 membri italiani del Parlamento europeo, i presidenti e i consigli regionali del Piemonte e dell'Abruzzo e i sindaci di alcune città

Per eleggere i 73 membri italiani del Parlamento europeo urne aperte domenica 25 maggio 2014, dalle ore 7 alle ore 23. Nello stesso giorno si vota anche per scegliere i presidenti e i consigli regionali dell’Abruzzo e del Piemonte nonché i sindaci di 3.900 comuni delle regioni a statuto ordinario (di cui 24 capoluoghi di provincia), 131 sindaci del Friuli Venezia Giulia, 37 della Sicilia e 18 della Sardegna (di cui 2 capoluoghi di provincia).
Nei comuni fino a 15mila abitanti è previsto un solo turno: diventa sindaco chi ottiene più voti. In quelli superiori a 15mila abitanti è previsto il ballottaggio nel caso in cui nessun candidato ottenga il 50% più uno dei voti validi. Il secondo turno è in programma domenica 8 giugno dalle ore 7 alle ore 23.
Lo scrutinio dei voti per il Parlamento europeo inizierà a partire dalle ore 23 di domenica 25 maggio, subito dopo la conclusione delle operazioni di voto e l’accertamento del numero dei votanti. Per le elezioni regionali e comunali, ove previste, lo scrutinio verrà rinviato alle ore 14 di lunedì 26 maggio, dando la precedenza allo spoglio delle schede per le elezioni regionali.