Sicilia, è guerra aperta tra Crocetta e Pd

Il partito contro un'intervista in cui il governatore accusa il Pd di volere il rimpasto per le poltrone: "Dovevamo incontrarci"

C'è aria di crisi nella Regione siciliana, con Pd e Rosario Crocetta ai ferri corti per delle dichiarazioni rilasciate dal governatore a Repubblica.

"Siamo indignati col presidente Crocetta", ha detto il segretario del Partito democratico Giuseppe Lupo alla fine di una riunione nella segreteria regionale. "Per il metodo delle comunicazioni a mezzo stampa, quando avevamo convenuto di incontrarci, e per il merito delle sue dichiarazioni, secondo cui il Pd pone il tema del rimpasto per una questione di poltrone".

Nel corso della riunione, a cui hanno preso parte esponenti delle diverse correnti del partito, in molti hanno sottolineato che è difficile ricucire la frattura, a una settimana dalla direzione regionale. In particolare, non convince il partito la posizione di Crocetta che esclude la possibilità di inserire in giunta deputati regionali. Nel corso della direzione sarà sicuramente riproposto il tema della compatibilità tra l’appartenenza del governatore al Pd e l’iperattività del suo Megafono. Nelle scorse settimane i garanti nazionali avevano posto un ultimatum, al momento disatteso. Dal 19 al 22 settembre a Catania si svolgerà il primo "MegaForum" al quale sono annunciati, ministri, sindaci e industriali.

Commenti
Ritratto di Reinhard

Reinhard

Lun, 09/09/2013 - 19:11

Tipico stile dei piddini... Le poche volte che riescono nell'impresa di vincere, si auto-distruggono all'istante.

scipione

Lun, 09/09/2013 - 19:55

Che volete,anche Crocetta manda a fa....lo i COMUNISTI,ipocriti stalinisti -leninisti.

Ritratto di Scassa

Scassa

Lun, 09/09/2013 - 20:24

scassa Lunedi9settembre Marricordavo a Sicilia bedda quanno comandavano lì Masculi e i fimmini stavano accorte !!!!!!!! Coraggio Trinacria ,ognuno si sceglie la sua Croce...!

BeppeZak

Lun, 09/09/2013 - 20:43

Non trovano assolutamente pace. Se vincono e come avessero perso. Se guidano un governo si scannano tra loro, si ostacolano l'uno con l'altro. Ora ho capito come mai per avere un successo sicuro si sono rivolti al braccio armato della magistratura. Comunque ho i miei dubbi che, una volta eliminati gli avversari riescano a non litigare e autodistruggersi.

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Lun, 09/09/2013 - 21:40

lo hanno scelto che se lo tengano soddisfatti i siciliani, cosa si aspettavano da un omosessuale comunista ? fame, povertà e matrimoni gay he he

Ritratto di Maurizio Da Lio

Maurizio Da Lio

Lun, 09/09/2013 - 22:50

Film già visto oltretutto assai pessimo!

bruna.amorosi

Lun, 09/09/2013 - 23:19

se io penso che forse domani cadrà il governo e allora ci sarà da ridere con questi kompagni Governano e non sono capaci neanche di essere onesti e uniti tra loro Povera ITALIA .ma in fondo capiranno che tolto BERLUSCONI per loro saranno guai .

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mar, 10/09/2013 - 00:49

Sarebbero un esempio di buon governo, come dicono loro, ma in effetti non fanno che scannarsi per le poltrone. Chissà perché la loro vera faccia la fanno vedere dopo che hanno messo il culo sulle poltrone.