Berlusconi azzera tutto: via le mele marce

Il Cavaliere pronto alla rivoluzione nel partito. Verso l’uscita "morbida" di alcune correnti. Ma al voto tutti federati

Roma Ora basta. Berlusconi è deluso, amareggiato, disilluso. Ma anche determinato a cambiare tutto. È pronto a buttare a mare le mele marce, a fare pulizia, a rivoluzionare il partito. A cambiarlo da cima a fondo. Chiuso ad Arcore, l'ex premier è sconsolato per l'affaire Lazio ma non solo. Nel dettaglio, per lui la governatrice del Lazio non avrebbe dovuto dimettersi. In fondo la Polverini non è accusata di niente. Ma poi, parlando sia con lei sia con il segretario del partito Alfano, decide di appoggiare qualsivoglia decisione della governatrice. Dimissioni? Dimissioni siano.
La verità amara è che la Polverini è rimasta incagliata in una lotta per bande nel suo Pdl. Guerra per bande, correnti l'una contro l'altra armate, ras di quartiere e personaggi improbabili. Ecco: già questo è motivo di delusione per il Cavaliere che ha sempre sognato di amalgamare le varie anime del Popolo della libertà. Operazione non riuscita. Così, adesso il Cavaliere è orientato a rivoluzionare ancora una volta la sua creatura. Un cambiamento di pelle profondo che verrà annunciato domani ai vertici del Pdl che dovrebbero riunirsi nell'ufficio di presidenza.
Sul tavolo due questioni: una politica, l'altra organizzativa. Dal punto di vista politico, il Cavaliere è certo che la sua ricetta tradizionale è quella vincente: meno Stato, meno tasse, meno burocrazia, meno sprechi. Ancora una volta saranno queste le parole d'ordine della campagna elettorale. Dal punto di vista organizzativo, Berlusconi è pronto all'azzeramento totale del suo Pdl. Così non si può più andare avanti. Per cui, rivoluzione con rimescolamento delle carte. E se nell'operazione si dovessero staccare dei pezzi che già adesso scalpitano per fare qualcosa di nuovo e di diverso, e sia. Non una scissione traumatica, per carità. Ma una separazione consensuale per poi federarsi, sì.

Ormai il vecchio Pdl sta insieme con lo spago e non con il filo di ferro, come avrebbe sognato il Cavaliere. Tanto vale, quindi, cambiare tutto e non assistere più allo stillicidio quotidiano delle dichiarazioni degli uni contro gli altri: gli ex An contro gli ex Forza Italia e viceversa. Per ora valuta tutte le ipotesi in campo ma all'orizzonte c'è un nuovo partito, un nuovo nome e un nuovo simbolo. E, naturalmente, facce nuove. Nei prossimi giorni si entrerà nel vivo di un'operazione non facile. Molti saranno i colonnelli preoccupati del loro futuro politico. Ma il Cavaliere intende andare avanti con rinnovato entusiasmo: quasi a ricercare lo spirito del '94 che permise il miracolo di bloccare la strada a Occhetto, che sulla carta aveva già vinto le elezioni. Sintomo che il Cavaliere si sente in forma, il fatto che per la prima volta sceglierà il treno per arrivare a Roma, al posto del solito aereo.
In ogni caso il Cavaliere già oggi sarà in campo per affrontare il capitolo degli sprechi nelle Regioni. Tema toccato a lungo anche con il governatore della Lombardia, Formigoni e che verrà sviscerato oggi nel parlamentino di palazzo Grazioli e al quale parteciperanno i coordinatori regionali, i capigruppo, i presidenti e vice presidenti dei consigli regionali di tutta Italia. Ordine del giorno ufficiale della riunione. Il punto cardine: gestione trasparente del denaro. Una delle ipotesi allo studio è che i soldi dei consiglieri non siano vengano più usati dal singolo ma che confluiscano in fondi che possano essere usati a livello regionale per il partito.

E che Berlusconi sarà al centro della scena, lo dimostra anche un'intervista al Cavaliere che apparirà oggi sulla nuova avventura italiana dell'Huffington Post, nuovo sito di informazione diretto da Lucia Annunziata. Un portale che si avvarrà della collaborazione di circa 200 blogger, ma punta ad arrivare almeno a quota 600. Tra i nomi noti che collaboreranno ci sono, tra gli altri, Giulio Tremonti e Daniela Santanchè.

Commenti
Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 25/09/2012 - 08:57

Berlusconi,solita aria fritta:"meno Stato,meno tasse,meno burocrazia,meno sprechi"....Parchè non parli chiaro,di voler ridurre DRASTICAMENTE il numero delle poltrone pubbliche,dei fondi,delle prebende,dei privilegi,di questi "signori",della SPESA PUBBLICA pazzesca,assistenziale,etc.etc... Sempre discorsi populisti. Per ridurre le tasse(modificando di sana pianta, l'impianto impositivo,cosa che NESSUN PARTITO PARLA...),IN GENERALE,occorre ridurre i costi di cui sopra,ma non un 10%,,,,come minimo al 50%!! Parla chiaro,se vuoi recuperare al danno fatto in tutti questi anni!! Poi voglio vedere,che fine faranno i vari personaggi del "passato",all'interno del PDL...Come verranno "ripuliti"? Mi viene in mente Scajola....Come lo ripulite?...E Tremonti,lo smemorato,che non sapeva,....Ma va là!!

tag

Mar, 25/09/2012 - 09:01

mi spiace ma queste cose le dovevi lasciare ai comunisti....

Ritratto di antonio vivaldi

antonio vivaldi

Mar, 25/09/2012 - 09:23

Altro che mele, qui deve andar via un albero di mele intero. Estirpare proprio le radici, per paura che possa ricrescere.

onurb

Mar, 25/09/2012 - 09:25

Si parte con il piede sbagliato: i soldi dei consiglieri non devono confluire in fondi usabili a livello regionale per il partito perchè non ci devono essere più fondi, nè per i consiglieri, nè per i partiti. I cittadini contribuenti non sono più disponibili a sostenere con le proprie tasse la massa di nullafacenti che vive di politica con stipendi da favola, godendo inoltre di benefici assurdi come i rimborsi mensili, 3 o 4 volte lo stipendio di un operaio, che la trasmissione Quinta Colonna di ieri sera ha messo in evidenza. Qualcuno sostiene che i politici non sono tutti uguali. Falso: i politici sono tutti uguali, se accettano il sistema scandaloso di retribuzioni e benefits che la politica si è data. I politici diversi sono quelli che, in concreto, rifiutano la logica del sistema e la combattono con tutte le loro forze per modificarla. Questo tipo di politici non esiste perchè la semplice manifestazione di intenzioni antisistema provoca la reazione del sistema stessa che impedisce loro di emergere in politica.

loreta borghero

Mar, 25/09/2012 - 09:27

Sto aspettando da un po' di tempo che ci sia un vero cambiamento: ci sono tante persone preparate e disponibili mettersi a servizio per fare politica seria, sia giovani che meno giovani (questi magari hanno un po' di esperienza): chissa' sia la volta buona!. Questo vale per la politica nazionale, regionale e anche comunale!

loreta borghero

Mar, 25/09/2012 - 09:27

Sto aspettando da un po' di tempo che ci sia un vero cambiamento: ci sono tante persone preparate e disponibili mettersi a servizio per fare politica seria, sia giovani che meno giovani (questi magari hanno un po' di esperienza): chissa' sia la volta buona!. Questo vale per la politica nazionale, regionale e anche comunale!

Ritratto di marino.birocco

marino.birocco

Mar, 25/09/2012 - 09:54

Berlusconi azzera tutto: via le mele marce. Allora resterete in pochi.

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Mar, 25/09/2012 - 09:55

Allora, forse, resterai solo.

vabbeh

Mar, 25/09/2012 - 09:56

cara Loreta ma ancora si fida di questa gente? "Sintomo che il Cavaliere si sente in forma, il fatto che per la prima volta sceglierà il treno per arrivare a Roma, al posto del solito aereo" sono passati quasi 20 anni dal 94 ma che vuoi azzerare? intendiamoci vale anche per pd e compagnia bella. voti MS5 per mandarli via poi ne riparleremo, tanto peggio di cosi' c'e' solo la birmania. saluti

baio1969@libero.it

Mar, 25/09/2012 - 10:02

Non vi siete accorti che ormai appartenete alla preistoria, state ancora parlando di Berlusconi e il PDL. Vi do una notizia, non esistono più !!!!!

Ritratto di centocinque

centocinque

Mar, 25/09/2012 - 10:02

meno Stato, meno tasse, meno burocrazia, meno sprechi: il cavalier Berlusconi conosce le iniziative del suo ex ministro giulio tremonti?come pensa di essere credibile quando ha lasciato mano libera a questo individuo che ha fatto solo provvedimenti recessivi e liberticidi?

baio1969@libero.it

Mar, 25/09/2012 - 10:23

Domanda: E' peggio FIorito/Polverini o Formigoni ? Dura rispondere, eh ?

Giancarlob

Mar, 25/09/2012 - 10:23

Caro presidente si dia da fare e trasformi in fatti operativi le chiacchere.....e faccia notare a Frattini che parla di mele marce, non di meloni.

Ritratto di Goldglimmer

Goldglimmer

Mar, 25/09/2012 - 10:25

Un'altro grande annucio?...WOW....ma stiamo aspettando ancora quell'annuncio di Silvio e Angelino che doveva cambiare la politica italiana fino nei prossimi secoli a venire.

bruna.amorosi

Mar, 25/09/2012 - 10:28

meglio pochi e buoni che tutta quella accozzaglia di gente inutile ..

Ritratto di magicmirror

magicmirror

Mar, 25/09/2012 - 10:35

se non se ne è accorto prima.....vorrà dire qualcosa?

Atlantico

Mar, 25/09/2012 - 10:38

Sono anni che periodicamente si annunciano 'grandi cambiamenti' nel PDL ma, per comprendere che non è una cosa realistica, basta notare che i coordinatori non cambiano mai e, come si sa, il pesce puzza sempre dalla testa.

baio1969@libero.it

Mar, 25/09/2012 - 10:38

Dite a silvio e ai suoi soldatini, che non c'è niente da azzerare. Si sono già azzerati da soli.

rokko

Mar, 25/09/2012 - 10:45

Questo articolo mi fa fare delle grasse risate ...

cast49

Mar, 25/09/2012 - 10:46

Zagovian, è l'unico che può fare la rivoluzione, a sinistra non vogliono neanche mandare a casa i vecchi, vedi la bindi...campa cavallo, quindi...

cast49

Mar, 25/09/2012 - 10:51

marino.birocco, ma anche tutti gli altri partiti devono mandare a casa le mele marce, e ce ne sono tante anche lì, è inutile che la sinistra dica di essere onesta, nessuno più ci crede dopo i fatti di errani, penati e tantissimi altri...Basta andare in liguria, nelle marche, in puglia, in umbria ecc...per trovare i delinquenti e i corrotti, ma la magistratura non li deve coprire come ha atto fino ad oggi.

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 25/09/2012 - 11:25

Silvio ha detto: “Adesso cambiamo tutto”. Però lo votiamo dall'altro secolo e non è riuscito a cambiare niente. Quanto alla sua stima per Polverini devo dire che è tutta sua e non la condivido affatto: se il Pdl ripresenterà Polverini voterò contro, in quanto l'astensione non mi sembra sufficiente.

loreta borghero

Mar, 25/09/2012 - 11:29

Avete mai letto con attenzione le varie leggi fatte da alcuni governi e che hanno fatto della Pubblica Amministrazione un carrozzone e nessuno ne parla mai?

Giovanmario

Mar, 25/09/2012 - 17:03

Ma da quando in qua l'informazione è entrata a far parte del bagaglio culturale dell'Annunziata?

Giovanmario

Mar, 25/09/2012 - 17:08

gzorzi.. non è detto.. ci sono ancora dodicimilioninovecentonovantanovemilanovecentoottanta italiani che stanno dalla sua parte.. e senza ostriche o caviale

Ritratto di robert1978

robert1978

Mar, 25/09/2012 - 17:58

VIA LE MELE MARCE ??? E CHI CI RIMANE?

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 25/09/2012 - 17:59

Silvio ha detto che vuole imbarcare gente nuova, scelta fuori dalla politica e, si spera, fuori dalla Casta egemone. Però il professionismo della politica si può eliminare (anzi "ridurre") solo stabilendo la regola della non rieleggibilità dopo due mandati. Comunque Silvio non si deve fare illusioni: se guardiamo tra i “non politici” reclutati da Monti possiamo constatare che una buona parte sta già in fila per passare dalla categoria dei “tecnici” a quella degli effettivi. Tutto il mondo è paese ed evidentemente i anche i ricchi “montiani” ne avrebbero un apprezzabile tornaconto, persino gli ex banchieri multimilionari.

alessandro_marangon

Mar, 25/09/2012 - 18:16

ma B. ci sei o ci fai?

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 25/09/2012 - 18:53

Riprovo1. Silvio ha detto che vuole imbarcare gente nuova, scelta fuori dalla politica e, si spera, fuori dalla Casta egemone. Però il professionismo della politica si può eliminare (anzi "ridurre") solo stabilendo la regola della non rieleggibilità dopo due mandati. Comunque Silvio non si deve fare illusioni: se guardiamo tra i “non politici” reclutati da Monti possiamo constatare che una buona parte sta già in fila per passare dalla categoria dei “tecnici” a quella degli effettivi. Tutto il mondo è paese ed evidentemente i anche i ricchi “montiani” ne avrebbero un apprezzabile tornaconto, persino gli ex banchieri multimilionari.