Sindaco di nuovo nei guai per un logo

Non c'è proprio pace ad Adro, il paese nel Bresciano finito sui giornali un paio di anni fa per la vicenda del Sole delle Alpi fatto dipingere nell'istituto scolastico. Protagonista è ancora una volta l'irriducibile sindaco leghista Oscar Lancini. I carabinieri gli hanno notificato un avviso di garanzia per peculato. In questo caso si tratta di una disputa di Lancini con la Cgil, che nel 2011 lo ha denunciato per aver inviato alle famiglie una lettera su carta intestata del Comune per replicare alle accuse dello stesso sindacato. «La lettera riguardava lamentele da parte mia riferite ad una situazione generata dalla Cgil - si difende Lancini a Teletutto - e la Cgil mi ha denunciato per peculato. È come dire che il sindaco non può comunicare ai cittadini quello che ritiene più opportuno fare. Se poi quello che comunica dà fastidio alla Cgil, pazienza». E rilancia: «A fronte di quello che è successo, ne faccio un'altra di lettera». Sì, ma magari questa volta è meglio «no logo».