Sinistra nel caos: vuole solo aumentare le tasse

In un Paese normale il condono è inimmaginabile. Ma nel nostro si impone: serve a salvare il salvabile

Pier Luigi Bersani e Matteo Renzi

Per attaccare Silvio Berlusconi non c'è bisogno di inventare. L'uomo non è infallibile, quindi ha la sua bella collezione di errori e basta sceglierne uno per dargli contro con un minimo di efficacia. Nei giorni scorsi, invece, i suoi detrattori, nella foga polemica motivata da esigenze elettorali, hanno detto che la caduta della Borsa e il rialzo dello spread sono stati provocati da lui. Perché? Il Cavaliere, in una conferenza stampa a Milano, aveva detto di voler togliere l'Imu sulla prima casa e restituire la somma pagata dai cittadini nel 2012.
Lunedì, poi, durante il programma televisivo L'aria che tira condotto da Myrta Merlino su La7, aveva aggiunto, rispondendo a una signora del pubblico presente in studio, di essere favorevole a un condono tombale allo scopo di tagliare le unghie a Equitalia che sta uccidendo tante imprese a gestione familiare. In coincidenza di queste (definite sbrigativamente) sparate, le quotazioni borsistiche hanno subìto uno scossone e hanno perso terreno.
La ghiotta occasione è stata colta al volo dagli avversari - la rimonta del Pdl nei sondaggi li terrorizza - per ricominciare a suonare la solita vecchia musica: ogni volta che l'ex presidente del Consiglio apre bocca fa crollare i mercati finanziari, gettando discredito sull'Italia a livello internazionale. Come dire: cari italiani, non fatevi incantare dall'ex premier, non vi venga neanche in mente di votarlo perché la sua presenza al governo sarebbe una calamità per la patria.
Che certi discorsi siano improntati a pura bischeraggine è noto da tempo, ma adesso esiste una prova clamorosa. Infatti, Piazza Affari lunedì è arretrata di vari punti perché i titoli bancari, funestati dallo scandalo del Monte dei Paschi di Siena, sono cascati, rendendo negativo l'indice. Non è una nostra interpretazione libera, ma una semplice osservazione alla portata di tutti coloro che sappiano leggere i listini.
Quanto allo spread, è risaputa la sua tendenza a fluttuare indipendentemente dal dibattito politico nazionale. Tant'è vero che ieri, cioè 24 ore dopo il gratuito allarme lanciato dagli antiberlusconiani, sia la Borsa sia lo spread sono tornati su posizioni standard; e le cosiddette sparate del Cavaliere hanno sortito l'effetto di ridurre ulteriormente il distacco tra Pdl e Pd. Un segnale preoccupante per la sinistra, incapace di concepire una soluzione diversa dall'inasprimento fiscale, e incoraggiante per il centrodestra, le cui speranze di raggiungere e superare i progressisti ormai non sono più campate in aria.
I quali progressisti si sforzano di dissimulare la paura di essere sorpassati, assumendo atteggiamenti spocchiosi nei confronti di Berlusconi, convinti che liquidare le sue iniziative come velleitarie (autentiche favole, balle, dice qualcuno), sia il modo migliore per far sì che gli elettori gli voltino le spalle. In realtà al tema tasse gli elettori sono sensibili e dovendo scegliere fra chi promette di contenerle e chi viceversa pare intenzionato a fare il contrario, ovvio, si buttano sulla prima opzione.
Anche perché è falso sostenere che il Cavaliere voglia abolire l'Imu completamente: ha precisato che non si pagherà l'imposta solo sulla prima casa. D'altronde sono parecchie, quasi tutte, le famiglie che hanno acquistato un alloggio indebitandosi con la banca ossia accendendo mutui per i quali sborsano rate mensili talmente pesanti da decurtare lo stipendio ai limiti della sopravvivenza.
C'è poi un dramma che la sinistra trascura colpevolmente: non sono rari i casi in cui chi è rimasto disoccupato non è più in condizione di saldare le rate del mutuo, cosicché rischia di essere privato dell'appartamento, poiché l'istituto di credito, vantando l'ipoteca, glielo soffia. Ebbene, il fisco di Monti non sente ragione: anche gli sfigati sono schiavi dell'Imu. Un'ingiustizia, una crudeltà che il Pd tollera mentre il Pdl si è impegnato a eliminarla. Fatale che una massa di voti, magari destinati altrove, piovano in tasca a Berlusconi. Meglio la prospettiva di un beneficio che la certezza di una fregatura.
Sulla questione del condono, facile dire: è una schifezza. Lo è. Ma sempre meno di ciò che lo rende indispensabile. Equitalia ha massacrato i piccoli imprenditori (artigiani, commercianti, industrialini) ai quali le banche negano credito, i clienti non onorano le fatture, lo Stato non rimborsa l'Iva ma chiede tasse insostenibili. Risultato: la spina dorsale dell'economia italiana rischia di spezzarsi con conseguenze nefaste, di cui si avvertono già i segnali. O condono o morte. La stessa morte toccata a migliaia di imprenditorelli, costretti a chiudere, senza avvenire.
In un Paese normale il condono è inimmaginabile. Ma nel nostro si impone: serve a salvare il salvabile. Altrimenti l'Italia sarà presto un immenso cimitero. Berlusconi l'ha capito perché capisce la gente. La sinistra non è più sinistra, non è più niente. Tant'è che si è data come socio Monti, il ciambellano delle banche e degli speculatori; nel suo programma hanno la priorità i diritti dei gay e la cittadinanza ai figli degli immigrati. Nulla da eccepire: sono problemi seri, da risolvere. Ma vi sembra intelligente, in questo momento di sciagure, di precipizi e di catastrofi considerarli priorità? Ma che razza di sinistra è? E poi si stupisce che il popolo preferisca Berlusconi e Beppe Grillo. Svegliatevi, compagni, ripassate i vostri sacri testi o almeno imparate dal Cavaliere.

Commenti

Lino1234

Mer, 06/02/2013 - 14:50

A proposito di condono tombale. Quali altre proposte capaci di riavviare le migliaia di imprese che sono già fallite o stanno fallendo, consentirebbe alle stesse di rinascere nell'arco di qualche giorno: massimo un mese. Per rilanciare la produzione ci sono anche altre strade, ma nessuna sarebbe rapida come quella di mettere in condizione decine di migliaia di imprenditori che anzichè dover correre, con disperazione ai problemi infiniti di un fallimento, poter invece riprendere in mano, con rinnovata fiducia, le energie perdute dallo spettro del fallimento e riprendere la forza di trovare i finanziamenti per ripartire a pieno ritmo con le loro fabbriche. La fiducia, in economia, fa miracoli. In pochissimo tempo sarebbero riassunti tutti i lavoratori licenziati. Quando la produzione marcia a pieno ritmo e con entusiasmo, non c'è ricchezza con non possa essere raggiunta. Uno slogan che Berlusconi conosce bene : intelligenza + entusiasmo + produttività + ritmo = ricchezza. Per tutta la società. Forza Silvio. Saluti. Lino

are

Mer, 06/02/2013 - 15:36

#fottiamocenedellopread! e #tornaacasamonti perchè il 25 prossimo ti restituiremo alla Germania e alla tua direttora Merkel.

gianluca....64

Mer, 06/02/2013 - 15:48

un condono potrebbe avere senso: punto e a capo, abbassare le aliquote e chi non paga le tasse in galera.

Ritratto di unLuca

unLuca

Mer, 06/02/2013 - 15:51

Non sanno fare altro.

Ritratto di miladicodro

miladicodro

Mer, 06/02/2013 - 15:59

Grande Dott. Feltri,la realtà dei bersanov,dei vendola.dei monti,dei giannino ( dispettoso) sta tutta nel non capire gli umori della gente,troppo impegnati nel cercare soluzioni inerenti ad altre tassazioni,al problema dei vendolini,ai figli degli immigrati,siamo immersi in un mare di problemi e abbiamo tempo per discutere di religioni portando in casa Budda e Shiva,mentre ho fior di amici artigiani che stanno chiudendo delle piccole bellissime aziende perchè in questa anarchia lo stato e le grandi industrie pagano dopo centoventi giorni,poi all'ora dei pagamenti saltano fuori mille contestazioni,infine la banca chiede il rientro dello scoperto i sindacalisti occupano l'officina per il mancato stipendio ed il datore di lavoro si impicca.Maledetti manager di maledette banche sperperanti miliardi per degli investimenti fasulli,intascanti mostruose prebende e neganti credito a chi lavora e produce,poi arriva un pirla nominato dall'assiso sul trespolo quirinalizio e cosa ti fa? Una mostruosa tassazione perchè secondo lui siamo sul baratro e con la Kulona ci butta dentro.Ora assistiamo ai clown,al Rrevoluzzzzzionario magister,al bersanov,all'oxfordiano che denigrano il Cavaliere,il solo che possa,malgrado i suoi errori,altamente umani e comprensibili,tirarci fuori da questa disastrosa situazione di cui il massimo artefice è l'assiso sul trespolo quirinalizio.Ahimè purtroppo è un vecchio compagno e porta tutto all'ammasso. Forza Cavaliere facci sognare.

Ritratto di massacrato

massacrato

Mer, 06/02/2013 - 16:01

Dio salvi l'Italia. Troppi ragionano a slogan e col paraocchi, non sanno fare i conti, non hanno il coraggio di opporsi o uscire dai dictat europei e affonderanno la nazione, un po' per egoismo, un po' per cattiveria e per tanta ottusità. Tutti contro uno. Sembra un poema di Omero: Cassandra inascoltata e la città alle fiamme. Troppe volte va così: anzichè dirti grazie, ti insultano e ti perseguitano. Quanti casi nella Storia!

Ritratto di Geppa

Geppa

Mer, 06/02/2013 - 16:04

L'importante è gettare discredito sugli altri.

vince50_19

Mer, 06/02/2013 - 16:07

Il fatto è, dott. Feltri, che non si può più parlare di destra, centro e sinistra. Non esistono più schieramenti "omologati" a quelle idee, tranne alcuni partitini mignon che fanno dell'ideologia un surrogato alle loro idee molto vicine al nulla. Oramai c'è solo una cosa che "ispira": il "dio denaro" e a questa sirena NESSUNO è insensibile, proprio nessuno dei "contendenti" per la conquista della poltrona "salvifica". Il guaio, in fin dei conti, è che in quel posto la prenderemo sempre noi cittadini, sia che vinca questa o quella coalizione perchè qualsiasi governo che, dopo qualche mese, inizierà ad imbardarsi, a incasinarsi e saremo sempre punto e a capo. Sarà sempre L'Ue il vero avversario non dico da battere ma, per lo meno, da tenere a bada. Fatelo capire, per favore, anche a quella cima d'intelligenza di Luigipiso che ancora gioca, come i ragazzini 13enni, a guelfi contro ghibellini, alle battutine da Ambra Iovinelli però non sconce, intrise delle solite berlusconofobie trite e ritrite. Poareto..

vince50_19

Mer, 06/02/2013 - 16:07

Il fatto è, dott. Feltri, che non si può più parlare di destra, centro e sinistra. Non esistono più schieramenti "omologati" a quelle idee, tranne alcuni partitini mignon che fanno dell'ideologia un surrogato alle loro idee molto vicine al nulla. Oramai c'è solo una cosa che "ispira": il "dio denaro" e a questa sirena NESSUNO è insensibile, proprio nessuno dei "contendenti" per la conquista della poltrona "salvifica". Il guaio, in fin dei conti, è che in quel posto la prenderemo sempre noi cittadini, sia che vinca questa o quella coalizione perchè qualsiasi governo che, dopo qualche mese, inizierà ad imbardarsi, a incasinarsi e saremo sempre punto e a capo. Sarà sempre L'Ue il vero avversario non dico da battere ma, per lo meno, da tenere a bada. Fatelo capire, per favore, anche a quella cima d'intelligenza di Luigipiso che ancora gioca, come i ragazzini 13enni, a guelfi contro ghibellini, alle battutine da Ambra Iovinelli però non sconce, intrise delle solite berlusconofobie trite e ritrite. Poareto..

Ritratto di alenovelli

alenovelli

Mer, 06/02/2013 - 16:08

Il solito messaggio elettorale per i delinquenti. Feltri, dipendente del vate, si vada a vedere l'analisi seria di Stella sui mancati benefici dei condoni (in 40 anni di condoni si e' recuperato un anno di evasione) e poi ne riparliamo.

Ritratto di Il corvo

Il corvo

Mer, 06/02/2013 - 16:08

Sono d'accordo con Vittorio Feltri il condono è una schifezza.

CHIMERITA

Mer, 06/02/2013 - 16:10

Ma si, speriamo che torni Berlusconi, così qualcuno si vedrà rimborsata l'IMU tanto odiata e saremo salvi dalla sinistra distruttrice e dal mostro Mario Monti. Se dopo, quando dovrà governare tutti gli altri problemi che affliggono questo nostro strano paese, il vostro tanto amato cavaliere si mostra per quello che è (e cioè il nulla) che se ne frega ... tanto come minimo dirà che non è colpa sua (come al solito). Secondo me la colpa è degli Italiani i quali pensano che dandogli il voto fanno gli interessi delle loro tasche (finora però gli è andata male, chissà perchè ?). Però potranno dire di aver riavuto indietro la faraonica spesa dell'IMU (che se la bevano ...).

Ritratto di alenovelli

alenovelli

Mer, 06/02/2013 - 16:11

Cari destricoli, credete che far pagare le tasse o combattere l'evasione sia divertente o vantaggioso in un paese di evasori e furbastri come l'Italia? Credete che Prodi e Monti lo abbiano fatto per sadismo o per autoflagellazione? O perche' necessario? Molto meglio pero’ raccontare barzellette, spacciare sogni e promettere favole nel paese dei balocchi che far pagare tasse necessarie, nevvero destricoli? Anche se poi le tasse le ha aumentate pure Berlusconi. Con una sola differenza: poi al risveglio dal sogno ha lasciato un paese in bancarotta, ha passato vigliaccamente la patata bollente in mano agli altri, si e' rifatto una verginita' ed e' ancora qui a fregare ancora una volta i fessi nel 2013.

Fabrizio Di Gleria

Mer, 06/02/2013 - 16:15

Direttore Feltri, scusi se la contraddico, ma BERLUSCONI ha parlato di CONDONO TOMBALE, ma solo su interessi, aggi, e spese da USURAI di EQUITALIA, da quello che ho capito, e lo sentito bene anche ieri da BERLUSCONI, l'IMPONIBILE si DEVE PAGARE, in comodo rate, questo è ovvio e lo aggiungo io, se è così mi pare una cosa EQUA e SOLIDALE, le parole che ama la SINISTRA e C. Fabrizio Di Gleria

Ritratto di stegalas

stegalas

Mer, 06/02/2013 - 16:15

Esiste il problema dei cosiddetti DMW, che non significa stavolta "Dead Men Walking" ma "Dead Men WORKING", i "morti che lavorano", volgarmente chiamati "aziende zombie". Sono attività che hanno ormai un debito fuori controllo con le banche, che non solo hanno tagliato ogni finanziamento ma che hanno avviato le procedure di recupero del credito. Con la crisi che ha decimato il fatturato, nemmeno con 50 anni di lavoro sarebbe possibile ripianare il debito. Nonostante questo, tali attività sono ancora vive, danno lavoro a dipendenti, producono fatturato, pagano persino le tasse, se possono. Quanto andranno avanti? Mesi, forse un anno o magari due. Ma, se non si fa qualcosa, sono già morte e sono decine e decine di migliaia: quando chiuderanno, avremo altri milioni di italiani a spasso...

gigi0000

Mer, 06/02/2013 - 16:18

"In un paese normale" non potrebbero avvenire fatti che noi diamo per normali, ma che normali non sono, almeno nel resto del mondo. L'IMU sulla prima casa non è normale in Italia, dove più dell'80% delle case sono proprietà di chi vi abita, quasi sempre gravato di mutuo, ma lo è all'estero, dove una ridotta elite - 10 /20% - delle case sono in proprietà degli abitanti più abbienti. In un paese normale il condono è appunto impensabile, anche perché esiste un vero controllo. In un paese normale la detassazione alle imprese per l'assunzione di giovani e disoccupati è prassi abituale. In un paese normale Equitalia non esiste. In un paese normale la vicenda MPS non sarebbe nemmeno ipotizzabile. In un paese normale..., ma l'Italia non è normale e gli italiani, meno ancora.

reliforp

Mer, 06/02/2013 - 16:21

Sbaglia Feltri e per due motivi fondamentali . Il primo è perché lei parte da un assioma giusto , "l'Italia non è un paese normale" per arrivare a giustificare il condono. Invece è il contrario. E i condoni passati sono lì a dimostrarlo. Se sempre condonato e non s'è mai debellata l'abitudine d'evadere. Il condono non educa affatto , semmai il contrario, si continuerà ad evadere e s'aspetterà, comodamente , il prossimo condono. Il secondo motivo è economico. Sì e no se si recuperano una decina di miliardi di euro. Il gioco non vale la candela . La preferisco quando si occupa delle mig...tte del Pdl. E'stato magnifico!!

Ritratto di massacrato

massacrato

Mer, 06/02/2013 - 16:25

E siamo alle solite. Berlusconi non ha fatto nulla. E non è vero. Ma altri HANNO FATTO DANNI. Meglio il nulla o i danni? Il solo fatto di essere riuscito a sopravvivere ad un INGIUSTIFICATISSIMO ODIO (non spiegabile col buon senso) è stato un miracolo che ad altri non sarebbe riuscito.

Resiudicata

Mer, 06/02/2013 - 16:28

Feltri, per favore. Va bene difendere il Cav. Nulla di male, ci mancherebbe. Ma a tutto c'è un limite. Io sono un elettore di destra e sono letteralmente esterrefatto dalla proposta di Berlusconi sul condono. E ritengo che, come me, siano inorriditi tutti quei cittadini che hanno pagato le tasse fino all'ultimo centesimo. Non c'è dubbio che l'entità e la qualità della tassazione in Italia sia da tempo ampiamente al di sopra dei livelli di umana tollerabilità (fermo restando che Berlusconi - da Presidente del Consiglio - nulla ha fatto per diminuirla, alla faccia delle reiterate promesse elettorali), e che il nostro sistema fiscale debba essere completamente rivisto. Ma questo non giustifica certo un condono. Anzi, in questo modo si conferma per l'ennesima volta che i furbi, Italia, saranno sempre difesi. Ci sono persone in difficoltà che non riescono a pagare le tasse? Questi non sono evasori e su queste situazioni si può intervenire banalmente con l'adozione di provvedimenti che consentano una lunga rateazione del debito fiscale. Magari anche senza interessi. Ma il condono serve esclusivamente agli evasori, agli elusori, ai furbi e a farci perdere ancora un po' di credibilità. Quando potrò vedere una destra (come ovunque nel mondo) che considera gli evasori come dei criminali e non come dei furbacchioni da perdonare e a cui strizzare l'occhio?

Massìno

Mer, 06/02/2013 - 16:29

Ma che salvare il salvabile, il condono serve a salvare gli evasori e basta. E i soliti pirla continuano a pagare. Ma stare a destra non significa stare dalla parte della legalità, dell'ordine? Che idea di legalità c'è nel condonare sempre e comunque. Considerato poi quanto portano in cassa i condoni...

Ritratto di WjnnEx

WjnnEx

Mer, 06/02/2013 - 16:31

"o almeno imparate dal Cavaliere" ma si , bunga-bunga tutto l'anno, e del resto che ci fotte??? Grande Feltri, i Suoi articoli sono impagabili.

Ritratto di bassfox

bassfox

Mer, 06/02/2013 - 16:32

forza Silvio! abolisci anche gli scontrini fiscali e le fatture! e un caffè gratis al bar per tutti!

Ritratto di WjnnEx

WjnnEx

Mer, 06/02/2013 - 16:32

"o almeno imparate dal Cavaliere" ma si , bunga-bunga tutto l'anno, e del resto che ce ne fotte??? Grande Feltri, i Suoi articoli sono impagabili.

Ritratto di IoSperiamoCheMeLaCavo

IoSperiamoCheMe...

Mer, 06/02/2013 - 16:34

@Lino1234 Lei evidentemente é una di quelle persone che ha evaso le tasse, o costruito case abusive o quant'altro, per cui ritiene opportuno che gli venga condonato il reato. Ma chi ha pagato le tasse onestamente, sudando e facendo fatica, non lo ritiene per niente un modo corretto per risanare i conti dello stato anzi e un rubare ancora di piu' alle persone oneste. Lo stato deve far pagare gli evasori e non farglieli condonare. Purtroppo in Italia ci sono i Berlusconi e i Feltri che girano sempre tutto a tarallucci e vino trovando ogni volta una scusa per giustificare la loro tendenza verso l'illegalità.

giancarlo13

Mer, 06/02/2013 - 16:45

Renzi ti darei il mio voto,ovunque tu sia, ma nel pd cè troppa monnezza, basta pensare alla bindi, ho detto tutto.

Frank67

Mer, 06/02/2013 - 16:47

Caro bersani ricordati che è Meglio stare zitti e passare da idioti che parlare troppo e fugare ogni dubbio. quindi parla pure che ci fai solo un gran favore

LedZ

Mer, 06/02/2013 - 16:51

Come inizio passi anche il condono fiscale (mai quello edilizio e quella cagata del piano casa). E' evidente che il condono fiscale è necessario, e non sarebbe neppure così tremendo se lo Stato non si finanziasse più con le tasse ma, come faceva un tempo, creando la propria moneta dal nulla (la moneta cartalista, come il dollaro, la lira, gli yen, la sterlina, il franco ecc..) la moneta sovrana. Oggi che lo Stato italiano è costretto a comprare una moneta non sua, che non può creare, è evidente che per restituire la moneta presa in prestito, la deve estorcere letteralmente, tutta, riprendendola ai cittadini con tasse, tasse degne di un tiranno più che di uno Stato. Il fatto è che quando la pressione fiscale supera una certa soglia, allora possiamo parlare di Stato che tiranneggia i cittadini. Se avessimo la nostra moneta sovrana, e non comprassimo quella emessa dal nulla da una banca privata (BCE), cioè se non fossimo così "coglioni", ci saremmo tirati fuori da questa trappola da un bel pezzo. Tra l'altro, lo Stato non può comprare gli euro direttamente dalla BCE, ma solo dagli istituti finanziari a cui la BCE li vende all'1%. Tra questi istituti che hanno l'esclusiva di partecipare al collocamento dei titoli di Stato c'è, guarda caso, la Goldman Sachs, di cui Monti era International Advisor fino a poco prima di essere nominato senatore a vita. Ma non vi stupite, molti ministri e personalità politiche hanno come padrone una banca, si pensi, p.e. a Giuliano Amato è Senior Advisor di Deutsche Bank, la Fornero ha lavorato per 20 per quegli stessi istituti assicurativi che vorrebbero mettere le mani sulla sanità e la previdenza pubblica (Eurizon, Intesa San Paolo, Ina Ass.. )e così via. Capito perchè non dobbiamo uscire dalla trappola dell'euro? Perchè mentre noi piangiamo, altri, pochi ma potenti rentiers, festeggiano godono e se la ridono a pensare che ci teniamo il cappio al collo da soli. Fuori dall'euro e dalla UE.

Il giusto

Mer, 06/02/2013 - 16:51

ma si,perdoniamo gli evasori.magari la prossima volta fanno i bravi...

Ritratto di ferdnando55

ferdnando55

Mer, 06/02/2013 - 16:54

nemmeno ti leggo vitto', come sei caduto in basso fascistello inutile, un abbraccio al lumicino999

Rossana Rossi

Mer, 06/02/2013 - 16:58

Bravo Feltri, purtroppo queste ragioni i sinistrati non le capiscono perchè abituati a mangiare alla sostanziosa greppia statale e bancaria non sanno nemmeno cosa sia una piccola impresa e quali fatiche e sacrifici costi oggi mandarla avanti, cosa che invece è ben chiara a Berlusconi. Forza Silvio........

Rosario46

Mer, 06/02/2013 - 17:00

Per alenovelli. Non è quello che dice Stella che conta, ma vedere le cose coi propri occhi. Un paese è alla bancarotta quando gli imprenditori si suicidano perchè non possono più andare avanti. Prodi e Monti hanno tassato a più non posso per fare regalie a banche, enti inutili, fancazzisti ecc. ecc. e forse anche lei mi sembra un beneficiario di Monti o Prodi, lo dimostra il suo livore esagerato, e poi in fatto di promesse Napoli è stata ripulita da Berlusconi, non da Prodi. Mi fermo qui, perchè lei sulle promesse mantenute da Berlusconi cala il sipario. Saluti

lamwolf

Mer, 06/02/2013 - 17:01

La sinistra e ora si aggiunto il Montitasse non avendo programmi, sono capaci solo di strozzarci dalle tasse. Visco del governo Prodi e Monti che di tecnico non ha nulla ma ora avendoci preso gusto, visto i privilegi e la notorietà promette stupidaggini e sconti tasse per prendere per il cul@ l'elettorato.Siamo stufi di questi seminabaggianate andate a lavorare e sporcatevi le mani.....

isolafelice

Mer, 06/02/2013 - 17:01

A tutti i commentatori che ancora non hanno capito: il condono è relativo alle sole quote di sanzione, mora, interessi: se il debito è, poniamo, di 1ooo eurozzi resta tale e quale ma sgravato delle sanzioni, mora ed interessi, quote che per qualcuno che non aveva i soldi per pagare in tempo utile, trasformano il debito non più a 1000€ ma a 1400€. Uno stato veramente attento al popolo, e più ancora in tempi di crisi nera, è giusto che pretenda la tassa non pagata che è iscritta a bilancio statale, ma può fare lo sforzo di non pretendere troppo a chi non ha risorse.Per un imprenditore "risparmiare" quei 400€, citati a solo titolo di esempio, della somma richiesta da Equitalia è un sollievo che aiuta a tirare avanti, riprendere fiato, onorare gli impegni con fornitori e clienti, riprendere a produrre e conseguentemente influire positivamente sul PIL. C'è chi non riesce a pagare tutta la cifra ad equitalia e chiude l'azienda, si vede pignorare la casa ecc. ecc. La loro colpa: non avere ammortizzatori sociali, non avere CIG, non avere tutela da bidonisti che non pagano, non avere tutela dalle modifiche contrattuali unilaterali delle banche.

Ritratto di LoZioTazio

LoZioTazio

Mer, 06/02/2013 - 17:02

Signor Feltri, concordo con lei in tutto meno che in una cosa: non capisco perché insista a chiamare le sinistre col nome "Progressisti". La sinistra italiana é tutto meno che progressista, anzi, é l' esempio del conservatorismo spinto all' estremo. I veri progressisti oggi stanno a destra, solo i liberal vogliono cambiare le cose, la sinistra ha come obiettivo appena il mentenere inalterato lo status quo, quindi io credo che sarebbe piú appropriato parlare di liberal e progressisti di destra e di conservatori e reazionari di sinistra

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mer, 06/02/2013 - 17:08

Le tasse dovrebbero funzionare tutte come quella sulla televisione: loro ti dicono quello che devi pagare. Tu paghi quello che c'è scritto sulla cartella ed hai il "condono tombale". Se c'è scritto un importo sbagliato è colpa di Equitalia che, com'è giusto, si fa carico dei suoi errori.

Triatec

Mer, 06/02/2013 - 17:16

Non credo che Berlusconi possa mantenere quello che ha promesso, ma ho paura che il duo Vendola Bersani, con l'appoggo di Monti possano mantenere le loro promesse. Tasse.. tasse... stipendifici che non creano ricchezza.. vedremo.. IMU.. solo un po'... IMU vedremo.. se le risorse... risorse... si equitalia.... equitalia ma più come dire?... rimodulazioni.. rimodulazione della spesa ..incremento della spesa... posti agli amici... finanziamento pubblico ai partiti... abbiamo un'idea....conflitto d'interessi...art. 18..Angela Merkel ..si... Angela si...Confusione mentale TANTA!!

no b.

Mer, 06/02/2013 - 17:19

bè, uno che come primo obiettivo vuole allargare il buco del debito pubblico di ulteriori 8 miliardi, senza avere la minima certezza di recuperarli, è proprio un genio!

no b.

Mer, 06/02/2013 - 17:20

are: fottiamocene dello spread? Sai quanto costa in termini di debito ogni punto di spread? E alla fine paghi tu con l'aumento di tasse (e povertà!)

Ritratto di alenovelli

alenovelli

Mer, 06/02/2013 - 17:30

@ Rosario46 - vede io le ho sottolineato la differenza tra chi fa un giornalismo serio (Stella e Rizzo) e i pennivendoli che vengono pagati per fare propaganda al suo editore (Feltri, Sallusti, e molti altri). Capisce la differenza? Non mi pare molto difficile il concetto...

ilbarzo

Mer, 06/02/2013 - 17:31

La sinistra e' sempre stata e ,rimarrara' per sempre il partito delle tasse,che vi piaccia oppure no'.Datevi una regolata!

Ritratto di alenovelli

alenovelli

Mer, 06/02/2013 - 17:36

Da quando in qua "i pm della sinistra" sono chiamati a giudicare la costituzionalita' dei disegni di legge del governo? Lo ha detto ieri il vate. Poveretto, ormai vaneggia.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mer, 06/02/2013 - 17:37

Quelli di Equitalia continuano a menare il torrone per anni con tassi di usura finchè non vai in rovina. Amen. Però c'è un precedente storico nei condoni tombali e questo si chiama "Giubileo" o "Perdonanza". Dato che la Chiesa, tramite il clero era delegata dai nobili all'esazione delle imposte, e ai nobili restava il compito di "picchiare" gli eretici cioè gli evasori, ogni 50 anni, o ogni 25, si cancellavano gli "anni di purgatorio" cioè le tasse da pagare. Ecco perché la gente era tanto contenta: perché ripartiva l'economia. E tutti stavano meglio, popolo, feudatari e vescovi. E così sia.

Ritratto di elio2

elio2

Mer, 06/02/2013 - 17:40

Piuttosto di riconoscere i meriti di Silvio i sinistrati apprezzano le tasse di monti che si sommeranno a quelle del loro scalcinato leader. Capisco che l'intelligenza non stazioni a sinistra, è stato ampiamente dimostrato, ma santoddio, mi sembra sia meglio la prospettiva di una riduzione delle tasse, che la certezza di un aumento, però anche qua per poterlo capire ci vuole il cervello libero dalla più strampalata e sempre fallimentare ideologia mai apparsa sulla faccia della terra.

isolafelice

Mer, 06/02/2013 - 18:02

alenovelli: caspita ma non riesci mai a scrivere qualcosa, oltre alle solite fesserie, senza offendere qualcuno? Devi avere grossi problemi al fegato. Ma vai a scrivere sui siti di Repubblica, il Fatto ecc.

Ritratto di alenovelli

alenovelli

Mer, 06/02/2013 - 19:06

@ isolafelice - fino a prova contraria, questo "quotidiano" viene tenuto in vita con soldi pubblici per fare becera propaganda al suo editore, quindi se permetti io scrivo dove mi pare. Se smettete di usare denaro dei contribuenti, e io me ne vado. Non ti pare?

are

Mer, 06/02/2013 - 19:47

x no b.delle 17:20 "are: fottiamocene dello spread? Sai quanto costa in termini di debito ogni punto di spread? E alla fine paghi tu con l'aumento di tasse (e povertà!)"Fottiamocene dello spread lo dicevo prima e lo ridico adesso perchè se un partito o un leader come Berlusconi non può presentare il proprio programma che come apre bocca lo spread vola allora arriviamo alla conclusione che è meglio non andare a votare e rimanere una colonia della Germania che tramite il suo proconsole montitasse fa il bello e il cattivo tempo portandoci, essi sì, alla miseria. Quando uno stato rinuncia alle sue prerogative e dipende da stati più forti economicamente, tanta strada questo stato non la fa e quel mio fottiamocene dello spread era inteso in questo senso!

Ritratto di elio2

elio2

Mer, 06/02/2013 - 20:07

Caro alenovelli, lei è il sinistrato tipo, è sufficiente conoscere il suo pensiero (sic) per capire perché la sinistra non ha mai vinto (lealmente ) e mai vincerà, (Lealmente).