Sinistra in tilt sull'Imu chiede la cabina di regia

Partito in ritardo sui temi economici in vista del Consiglio dei ministri del 23. Ma dal governo nessuna convocazione

Parla Cesare Damiano (Pd) e sembra un Renato Brunetta o Daniele Capezzone di qualche mese fa. La richiesta al governo che da un po' sta salendo dai democratici (in sintesi: serve la cabina di regia sui temi economici prima di settembre) dimostra quando il primo partito della sinistra stia vivendo questa fine estate con angoscia. Le scadenze fissate dal governo si stanno pericolosamente avvicinando e il Pd rischia di trovarsi con un pugno di mosche in mano. Colpa dei tanti nel partito che avevano scommesso su una fine prematura del governo Letta dopo la sentenza della Cassazione su Silvio Berlusconi e per questo avevano lasciato in secondo piano le policy, quindi la trattativa sulle scelte in economia, per dedicarsi a tempo piano alla lotta per il potere dentro e fuori dal partito. Colpa anche del pressing pidiellino sui temi fiscali, che non si è interrotto nemmeno nelle fasi post sentenza più roventi.

Se la soluzione sull'Imu che uscirà dal Consiglio dei ministri di fine mese, probabilmente il 29, non sarà esattamente quella di bandiera del Pdl, il centrodestra avrà comunque portato a casa un altro provvedimento che porta il suo marchio. L'altro Consiglio dei ministri, probabilmente il 23 agosto o il 26, avrà all'ordine del giorno delle misure sul pubblico impiego. Il Pd avrebbe voluto altro. «La riunione del Consiglio dei ministri si terrà la prossima settimana. Ci auguriamo - ha dichiarato ieri Cesare Damiano, ex ministro del Lavoro ed esponente Pd - che il governo convochi preventivamente una cabina di regia per mettere a punto le priorità complessive di medio periodo. Non è possibile, come pretenderebbe il centrodestra, che tutto si riduca all'Imu, con il rischio di assorbire la gran parte delle risorse disponibili per un solo obiettivo». L'esponente democratico indica le altre priorità che sarebbero dovute finire nell'ordine del giorno del governo. Intanto «il rifinanziamento della cassa integrazione» poi «le correzioni al sistema pensionistico». Tutte scelte che necessitano di coperture. E che quindi, il Pd vorrebbe discutere alla cabina di regia insieme all'Imu.

Ma la richiesta ha poca speranza di essere esaudita. Non ci sono convocazioni della cabina di regia in vista. Il ministro dell'Economia Fabrizio Saccomanni, ha preso qualche giorno di riposo e si rifarà vivo la prossima settimana, a ridosso degli ultimi due consigli dei ministri di fine agosto che al momento sono blindati sull'imposta comunale e pubblico impiego.

La partita Imu resta comunque difficilissima anche per il Pdl. Uno spiraglio è arrivato con il calo dello spread e quindi con la minore spesa per interessi dello Stato. Circa due miliardi di euro di minori spese nel bilancio del 2013 che, comunque, via XX Settembre non ha intenzione di lasciare a provvedimenti di spesa. E che non metterà nella contabilità fino alla fine di settembre, con le nuove previsioni su crescita e sul deficit.

In questa incertezza, il Pdl non interrompe il pressing. «Abolire l'Imu su prima casa e agricoltura costa solo 4 miliardi, cioè appena la duecentesima parte della spesa pubblica (800 miliardi circa)», ha sottolineato Daniele Capezzone, presidente della Commissione Finanze della Camera, che ha pronte sei ipotesi di copertura sull'Imu. Tutte realizzate con tagli di spesa. Il braccio di ferro, insomma, è alle battute finali. Ma il Pd sembra non avere nemmeno iniziato la sua partita.

Commenti
Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Sab, 17/08/2013 - 10:04

grazie all'Imu ho ridotto i miei consumi del 30% e con l'aumento delle imposte comunali di un'altro 20% tra qualche mese il Fisco si accorgerà dei danni economici che il Governo sta facendo, chi può faccia partire all'estero i propri figli se non li vorrà barboni tra 5 anni e dopo gli studi.

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 17/08/2013 - 10:13

La sinistra e' in tilt su tutto.....

leo_polemico

Sab, 17/08/2013 - 10:33

Considerato che i sinistri vogliono il mantenimento dell'IMU o della tassa sulla prima casa, perchè non la pagano volontariamente, così come fanno per l'offerta, esente da tassazioni, per il voto alle primarie del loro partito, povero ma con i miliardi di MPS? A proposito com'è che non si parla più di questo "affare"? Dimenticavo: non c'è di mezzo Silvio.....

unosolo

Sab, 17/08/2013 - 10:36

attenzione su questa IMU , ci mollano una grande fregatura , non è stata abolita la prima rata quindi in ogni momento possono spingere al pagamento , lasciando sempre i soliti esentati e la franchigia oltre allo sconto per i figli a carico . La cosa strana se è tassa sulla casa perche la franchigia e i sconti per i figli ? senza franchigia ed abbassarla leggermente in base ai MQ entrerebbero più soldi allo stato e sarebbe una tassa pari per tutti , se poi si vuole agevolare gli appartamentini per necessità allora esenzione sotto i 50 MQ , sarebbe più equo per tutti senza esenzioni , le tasse sono tasse per tutti.

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Sab, 17/08/2013 - 11:11

licenziare tanti dipendenti pubblici, regionali e comunali così si risanano i bilanci altro che evasione fiscale son proprio loro che fanno doppi lavori in nero ne conosco a decine sono una vergogna perchè il 90% di essi votano a sinistra tra poco finirà la pacchia anche a loro quando verranno denunciati dai liberi professionisti tartassati

cast49

Sab, 17/08/2013 - 11:43

leo_polemico, per il caso mps i pm non hanno voluto che se ne parlasse, così noi non sappiamo nulla, e si tratta esclusivamente dei piddini; se ci fosse di mezzo B. si saprebbe tutto e subito; il pd dorme sonni tranquilli, tanto i magistrati non fanno nulla contro i delinquenti komunisti, sono culo e camicia, mai sia che si possa dire che il problema mps è un problema komunista.

titina

Sab, 17/08/2013 - 11:52

x Dragon_Lord. Non è solo l'imu che ci ridurre di parecchio i consumi, ma il continuo aumento dei prezzi. Faccio un ultimo esempio: qualche mese fa ho pagato dei cerotti medicati 22 euro, ieri me ne hanno chiesti 26 8000 lire di più!!!! e la mia pensione è la stessa!): non li ho comprati.