Sogno Pd di mezza estate: il ribaltone impossibile

 Il documento "pro larghe intese" di Boccia fa infuriare i renziani e i fautori del governo coi grillini. Il premier prende le distanze dal suo fedelissimo

L'accelerazione di Enrico Letta sulla riforma del Porcellum («Ad ottobre il Parlamento la approverà») alimenta nuove tensioni con il Pdl e riaccende lo scontro interno al Pd.
«Non comprendo le motivazioni della fretta», dice il capogruppo Pdl al Senato, Renato Schifani, che esclude ci siano «margini di avvicinamento» tra i due alleati di governo sulla legge elettorale, che può al massimo essere corretta «sulla soglia di sbarramento». Mentre dal fronte Pd il vicepresidente della Camera Roberto Giachetti attacca Anna Finocchiaro, rea di aver «scippato» a Montecitorio la legge elettorale per incardinarne l'esame nella commissione del Senato da lei presieduta. E Giachetti critica anche il premier e tutto lo stato maggiore Pd, invitandoli a prendere una posizione chiara su quale legge elettorale si vuole, perché «nelle dichiarazioni di queste ultime settimane a favore del “superamento” del Porcellum si nasconde una perdurante ambiguità che non può più proseguire». Il sospetto di Giachetti (e di molti sostenitori del maggioritario in casa Pd) è che in realtà si punti a un accordo al ribasso con il Pdl, o in alternativa con i Cinque Stelle, per un maquillage del Porcellum (cui starebbe lavorando il ministro Franceschini) che si limiti ad alzare copra al 40% la soglia del premio di maggioranza. Superando così le obiezioni della Corte Costituzionale, ma soprattutto tornando a un impianto ferreamente proporzionale (graditissimo ai grillini) che renderebbe pressoché inevitabili nuovi accordi consociativi nella prossima legislatura, e renderebbe estremamente arduo l'obiettivo di vincere con una chiara maggioranza anche al favorito Matteo Renzi. «Grandi intese for ever, per far fuori Matteo, questo è questo l'obiettivo», dicono i renziani.

Nel frattempo c'è chi nel Pd riesuma le ipotesi dello sfortunato «governo di cambiamento» con i grillini per cercare di spaventare il Pdl che minaccia la crisi se verrà votata la decadenza di Berlusconi dal Parlamento. E l'indimenticato ex capogruppo Cinque Stelle Vito Crimi annuncia che i grillini sono pronti a scendere in campo: «Adesso abbiamo un'autorevolezza che prima, da esordienti, non potevamo avere. Per questo ci sentiamo pronti a governare», assicura. In realtà, a parte l'ineffabile Alessandra Moretti e un po' di movimentisti alla Civati, nessuno nel Pd crede alla possibilità di maggioranze alternative con Grillo e Casaleggio. Men che mai Letta. «L'unico patto possibile con i Cinque Stelle può essere quello di fare una legge proporzionale e andare subito al voto», nota un dirigente vicino al premier. E in quel caso Letta, «forte di una leadership che in questi mesi è cresciuta dentro il partito, e del lavoro fatto dal governo», sarebbe pronto a scendere in campo per la premiership. Nella convinzione che, se la rottura arrivasse sull'incandidabilità di Berlusconi, Letta potrebbe rivendicare davanti all'elettorato di sinistra il merito di aver mandato lui a casa il Cavaliere, a prezzo del suo governo.

A Palazzo Chigi, però, la speranza resta quella che «Berlusconi, che è un lucido uomo d'azienda, capisca che lo show down non gli conviene, e che ha tutto da perdere dalla caduta di questo governo, dopo il quale rischia di avere un risultato elettorale più debole e di ritrovarsi con Prodi al posto di Napolitano», dicono i Letta boys.
Se non bastassero i grossi guai che deve fronteggiare sul versante governo, a Letta in queste ore tocca anche tenere a bada il turbolento dibattito precongressuale del Pd. Ieri ha dovuto allontanare da sé il sospetto di essere il mandante del documento pro-governo, durissimo con la «vecchia classe dirigente», messo a punto dal lettiano Francesco Boccia: «Non entro nelle vicende interne dei partiti, e a maggior ragione il mio», giura il premier.

Commenti

Gius1

Mar, 20/08/2013 - 08:44

Signori, questa e´la politica Italiana. A cambio di concentrarsi qer risolvere qualche "problemino", i politici con il governo pensano solo ai voti che prenderebbero o perderebbero se....ci fossero le elezioni. E noi come scemi ,ascoltiamo i telegiornali e leggiamo i giornali.VIVA l´ITALIA

Ritratto di paola29yes

paola29yes

Mar, 20/08/2013 - 08:59

Da quando i grulli hanno l'autorevolezza per (s)governare? L'autorevolezza gliela deve dare il popolo, o sbaglio!

libertà primo amore

Mar, 20/08/2013 - 09:03

I governi comunisti hanno creato tre milioni e mezzo di disoccupati, un debito pubblico monstre, le tasse più alte al mondo. Loro che fanno: giochino di Palazzo. Italiani veri sveglia, i komunisti stanno distruggendo il vostro paese e con esso il domani dei tuoi figli! ### Compagno Letta, che fine ha fatto la terza settimana ...

angelomaria

Mar, 20/08/2013 - 09:05

nonli posso piu' ne've dere ne' sentire tra pd e grilluni uno se ne fa'una mazza tanta e buongiorno e buontutto a voi cari lerttorii

Rooster69

Mar, 20/08/2013 - 09:31

@paola29yes - infatti hanno preso 8 milioni di voti (senza alleanze) ed è il primo partito in Italia. Forse lei non vive in Italia, si informi meglio prima di sentenziare.

bruna.amorosi

Mar, 20/08/2013 - 09:36

e.............facciamoli ,governare. io già mi sto scompisciando dalle risate .nel pensare la rabbia dei sinistri ,a me va bene intanto me levano l'imu .poi levano il rimborso elettorale .e..li ci sarà da ride per i kompagni .loro non lo hanno un padrone che paga .

Ritratto di alasnairgi

alasnairgi

Mar, 20/08/2013 - 09:36

La politica italiana è un pasticcio immane! Solo che il pasticcio va rimestato solo quando è bello caldo. Se si raffredda sono dolori per il cuoco,vero sig. Letta?

jakc67

Mar, 20/08/2013 - 09:40

al voto, al voto!!!

Libertà75

Mar, 20/08/2013 - 09:42

@paola29yes, hanno preso i voti, quindi l'autorevolezza ce l'hanno a prescindere in un sistema democratico. Semmai il problema sta nel cosa farebbero oltre una legge elettorale e soprattutto chi vorrebbero come primo ministro (cosa che non ci vogliono dire)

jakc67

Mar, 20/08/2013 - 09:44

non bisogna più concedere niente ad un PD che per non perdere voti a favore di grillo porta il grillismo in coalizione. se così vogliono dobbiamo lasciare: che se le facciano con i grillioti le riforme... se no al voto che tanto la legge elettorale con i pdemocratici passivi come sempre al web ed a debenedetti/prodi cambierebbe solo il nome, ...

James Cook

Mar, 20/08/2013 - 09:48

Come si può andare a votare con il porcellum?(deputati al parlamento scelti dalle segreterie,o dall "capo" del PDL) ma il PDL non aveva promesso a Napolitano,che avrebbe cambiato la legge elettorale? il PD sta guardare..... è inutile che cercate di ricattarlo (il PD) ha già pronto un altro cavallo con transfughi delPDL l'economia sta andando bene.... nessuno cerca un salto nel buio, nel PDL stanno facendo la voce grossa solo quelli,che non hanno futuro politico,quelli che sanno solo sparare slogan scritti da altri. qualcuno riesce a darmi torto?

Giacinto49

Mar, 20/08/2013 - 09:55

In tutto questo porcaio di strategie elettorali a chi diavolo vuoi che interessi il bene del Paese? Questi si scannano solo per i loro interessi privati e di parte. Adda veni.....Benito!!!

James Cook

Mar, 20/08/2013 - 09:55

Rooster69, non mi risulta,che il PDL abbia vinto le elezioni! si informi meglio prima di sentenziare (avete fatto"alleanze" con il PD per governare insieme)ora state leccando il fondo del barile per ottenere il "salvacondotto" si informi meglio prima di..........

Ritratto di gianluca1961

gianluca1961

Mar, 20/08/2013 - 10:07

Ad un comunista che giura, c'è proprio da crederci.. Invece adun Franceschini che incipria una Legge, ci credo, non può aspirare ad altro. I comunisti sono talmente democratici che ti sorridono davanti e un secondo dopo ti accoltellano alla schiena,(già provato sulla mia schiena) ma anche fra di loro è sport quotidiano. E questo sarebbe il senso dell'Onore che queste persone vorrebbero espandere sul mondo (tutto rosso ai loro occhi)?

swiller

Mar, 20/08/2013 - 10:09

Andatevene a casa buffoni.

bruna.amorosi

Mar, 20/08/2013 - 10:22

LIBERTA'75 bravo hai detto bene DOPO bisognerebbe vedere chi e che cosa gli farebbero fare .vuoi sapere chi sarebbe il primo ministro?basta aspettare . non ti ha insegnato nulla la storia passata ? o sei ingenuo oppure in malafede . sono sicura che dovremmo rimpiangere e tanto questi anni passati e fatti sprecare .

Atlantico

Mar, 20/08/2013 - 10:32

Tranquilli, i grillini non servono per fare il Letta bis. Sono sufficienti una ventina di parlamentari PdL che già ci sono ed il nuovo governo con Silvio all'opposizione è già servito. Berlusconi lo sa benissimo, il messaggio è stato inviato e recapitato e quindi dobbiamo prepararci, dopo la votazione della decadenza di Berlusconi, a nuove propalazioni sul 'senso di responsabilità nazionale' del PdL. Letta ci porterà dritti dritti al 2015.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 20/08/2013 - 10:36

letta lo sta dicendo a voi comunisti, avete sempre tramato per far cadere il governo e scaricare le vostre colpe su berlusconi. se questo è il vostro modo di ragionare, siete degli IRRESPONSABILI di fronte a 60 milioni di italiani che NON hanno soldi per campare!!

Ritratto di £'apriscatole..

£'apriscatole..

Mar, 20/08/2013 - 10:37

non ci sarà alcun governo tra il pd(pdl) ed il M5S... l'unica alternativa ad un governo a GUIDA 5S è un accordo per abolire il porcellum ed andare AL VOTO

Ritratto di bergat

bergat

Mar, 20/08/2013 - 10:57

Non sono d'accordo con l'analisi della Cesaretti. Io credo che la mossa vincente sia da parte di Berlusconi, dimettersi far cadere il governo e presentarsi nello stesso giorno presso la casa circondariale per essere recluso. Se il PD farà un accordo con i Grillani sarà presto perdente. In ogni caso le elezioni verranno indette e il PDL supererà il 60% dei voti.

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Mar, 20/08/2013 - 11:26

Sono d'accordo con l'apriscatole. Accordo M5S e PD per la sola legge elettorale e poi al voto per far decidere gli italiani e non le liste bloccate. Se il PD non lo farà si disgregherà. Non è berlusconi il problema, ormai fa parte del passato. Il problema sono quattro sbandati, come Boccia, che stanno assaporando la poltrona.

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Mar, 20/08/2013 - 11:26

Caro Silvio, sono ridicoli. VOGLIONO CHE IL PAESE NON TI ASCOLTI PER LEGGE... La demenza autoritaria dell´apparato burocratico statale, mafioso e parassita sopra la pelle dei Lavoratori si contorce tanto nel suo luridume che finisce per essere ridicola ... La Veritá é che se la fanno sotto i dementi: o si incide il cancro con il ferro o é default, distruzione totale e guerra civile.

chinawa58

Mar, 20/08/2013 - 11:44

X James Cook di quale economia parli o di quale Stato,non sicuramente quella italiana,ma dico prima di liberare cazzate collegate il cervello.Comunque se qualcuno spera che la linea del Governo Letta sia quella giusta non vedo il perchè dentro il PD cercano e parlano in centomila ognuno si sveglia e detta una linea da proseguire e guarda caso non è mai coerente con la massa dei vari appartenenti:Civati,Scalferotto,Bindi,Zanda,Fassina,Moretti,De Michele,Zanonato,ecc.Persino il demagogo Renzi che spera un giorno diventare premier quando non si sà credo che sarà molto lontano.

Ritratto di SEXYBOMB

SEXYBOMB

Mar, 20/08/2013 - 12:04

...TUTTI IN piddì SOGNANO qualcosa SUL "LETTINO"

bruna.amorosi

Mar, 20/08/2013 - 16:07

ho!!!!!Luigipiso ha capito che il problema non è BERLUSCONI .allora le cose sono 2 o è disperato o. finalmente ha capito che la sinistra non vale niente .ma mica per niente .hanno perso il senso del'appartenenza non sanno,neanche loro chi sono più .Caduto il muro hanno fatto BUM!anche loro .e così pur di governare si alleano anche con il diavolo .ma il poi è storia vecchia . quando si arriva al voto c'è sempre qualcuno che gli fa mangiare la polvere.però tu dici BERLUSCONI finito ,io ci andrei cauto ,ma se non è lui è di sicuro un altro . ciao bello .