La solidarietà dei lettori

Sei stato tanto bravo da indurmi a non comprare più la Repubblica (lettore abituale dalla nascita del giornale) e già mi sono abituato, con la mia famiglia, da circa 15 giorni, a leggere il Giornale. Non farti imbavagliare.
Vincenzo Buonagiunto

***
Sono un elettore di sinistra e lo sono sempre stato, ma nonostante ciò ammiro il suo operato degli ultimi giorni per la vicenda del portavoce Sircana. Sono sdegnato dal comportamento di questo signore che è stato giustamente sottoposto alla gogna mediatica e non tanto per lo scalpore di pubblicare o meno le foto in questione, ma semplicemente per il comportamento di un padre di famiglia che si difende dicendo «è stata una stupida curiosità». Mi chiedo: che curiosità ci può essere sapendo benissimo che ha un organo maschile tra le gambe? A me personalmente, come credo a molti eterosessuali, fa schifo solo il pensiero. Ma ancora più sdegno provo per questo governo che io ho votato (ahimé pentitissimo), che alla vigilia dello scandalo fa emanare un provvedimento apposito dal garante delle privacy con una norma ad personam per impedire uno scandalo annunciato (peggiorando la situazione). Sono disoccupato ormai da oltre sei anni e ho smesso di cercare lavoro tornando a vivere con i miei genitori, giusto per dirle che è giunto il momento di cambiare strada, mi dimetto da elettore di sinistra e passerò in futuro a destra.
Michele

***
Su Sircana uomo credo sia venuto il momento di fare silenzio: la sua lettera a La Stampa è dignitosa; non ha commesso alcun reato; si può dire vittima di un marchingegno che tutto divora, tutto travolge. Purtroppo per lui, gli rimarrà sempre appiccicata addosso questa storia. A Sircana politico non è stato concesso di ritirarsi in buon ordine, come, probabilmente, desiderava lui stesso e come, sicuramente, avrebbero gradito molti della maggioranza; se la veda lui: non è interessante. Su certi giornalisti «moralizzatori», sul Garante, su Rcs che si può dire, se non che per loro il soccorso al potente di turno è un riflesso pavloviano con profumo da tartufo annesso? L’Ordine dei giornalisti abbia, però, almeno il buon gusto di chiedere scusa a Belpietro.
Paolo Merci

***
Dopo quanto accaduto, non c’è la possibilità di fare una manifestazione di tutti i giornalisti per la libertà di stampa? Solo così si possono smuovere le coscienze e far capire che il Governo deve essere il primo a dare il buon esempio.
Luciano Giorgi

***
Sono un ex lettore del Corriere e apprezzo molto il suo coraggio di fare e dare libera informazione contro il regime da ex Unione Sovietica che i comunisti hanno istituito nel nostro oramai povero Paese, spero solo che lei e il «nostro» Giornale continuiate a essere quel baluardo (oramai quasi l’ultimo) contro questo ignobile e becero modo di fare giornalismo e informazione. Non mollate, siamo con voi e più numerosi di quanto vi crediate.
Francesco Sica

***
Grazie direttore! Ha dimostrato che le «bufale» non le costruiva il Giornale ma la verità era nascosta da qualche suo collega al soldo della maggioranza!
Simone Guarnieri

***
Tutto qui il famoso scandalo? Un’auto presa da dietro? Otto pagine dedicate ieri a ’sta faccenda! E per cosa? Sono anni che compro il Giornale e vorrei leggere altre cose! Chi se ne frega di ciò che fa Sircana! Sono fatti suoi.
Flavia Sgarbi

***
Solidarietà ai giornalisti del Corriere che denunciano l’occultamento della «notizia Sircana» da parte del loro giornale. Certo fa specie che una testata così prestigiosa acquisti un servizio per chiuderlo in cassaforte, in spregio al diritto di cronaca. Avevano capito, eccome, cosa gli era capitato in mano, ma avevano impedito che si pubblicasse. Questo è giornalismo? Come si può definire il goffo tentativo di proteggere il potente di turno, negando al lettore il vero volto di questi?
Gennaro Follonica

***
È mai possibile che nessuno dei suoi colleghi direttori di giornali non si siano chiesti – ma forse ha fatto loro comodo tacere – come faceva lei a sapere che nessun altro giornale quel giorno avrebbe pubblicato il nome di Sircana? Anche gli altri erano al corrente, avrebbero potuto anche scriverlo, lei l’ha fatto a prescindere da quanti altri l’avrebbero fatto. Coerenza con il proprio ego o sudditanza e opportunismo di altri?
Gianfranco Morandin

***
Dal susseguirsi degli articoli pubblicati nei giorni scorsi su il Giornale non era apparso del tutto chiaro che le foto del caso Sircana fossero veramente in vostro possesso. Ora le vedo pubblicate e quindi ogni dubbio sparisce. Come sempre ha detto la verità dimostrandosi una persona affidabile ed onesta. La leggerò sempre con la massima attenzione e considerazione.
Armando Concari