Sondaggio di La7: il partito dell'ex governatore raccoglie il 2% dei consensi, Fli soltanto l'1,8

RomaUn clamoroso testa a testa, con l'ex allievo che supera l'ex maestro: 2% alla Destra di Francesco Storace, solo 1,8% a Futuro e libertà di Gianfranco Fini.
Si tratta solo un sondaggio, commissionato da Enrico Mentana per il Tg della 7 di ieri sera, come ogni lunedì. Ma questa settimana la novità più succulenta è il sorpasso a destra di Storace, che aumenta di uno 0,1% rispetto alla settimana scorsa e supera in volata la creatura politica del presidente della Camera, che perde lo 0,4% nelle rilevazioni. Storace gongola, e c'è da capirlo dopo anni di aspra contestazione al suo ex capo, fin dai tempi del Msi in cui era il giovane portavoce del segretario Fini. E dal suo blog, invoca pure «la ramazza» chiedendo una nuova legge elettorale: «Fare pulizia, usare la ramazza, cancellare il vecchiume. La regole di voto non devono servire a garantire chi sta in Parlamento da trenta o quarant'anni. Deve essere utile al rinnovamento della Repubblica. È igiene», proclama. Poi la provocazione: «“Non è candidabile al Parlamento chiunque ne abbia fatto parte almeno dal 1983”: sono pronto ad accettare qualunque legge che porti scritta questa frase». E se non fosse chiaro a chi si riferisce, Storace lo dice esplicitamente: «Anche per Fini deve venire il tempo della pensione». Chissà, magari avesse saputo dell'exploit di ieri sera su La 7 ci sarebbe anche andato più duro.
Per il resto, il sondaggio non cambia il quadro generale dei poli: anche se il Pdl rosicchia quasi un punto in più nelle dichiarazioni di voto (+0,7) arrivando a quota 20,3%, il centrodestra nel suo insieme, Lega inclusa, resta sotto il 30%, al 28,1%. Il centrosinistra invece arriva al 43,7%, con il Pd al 27,09%, Sel al 5,7% e l'Idv (inclusa nella coalizione, anche se Bersani sembra avere tutte le intenzioni di liberarsene) al 7,5%. E il M5S di Grillo veleggia sempre al 16,1%.