Spending review, nella bozzatagliati 18mila posti lettoIn arrivo le pagelle online

Nell'ultima bozza del decreto sulla revisione della spesa pubblica, spuntano nuovi tagli alla sanità. Risparmi anche su intercettazioni, auto blu e istruzione

In questi giorni il governo sta mettendo a punto il decreto sulla cosiddetta spending review, la revisione della spesa pubblica per cui sono stati raccolti i suggerimenti della popolazione ed è stato nominato come supercommissario Enrico Bondi. Ecco le principali novità previste nell'ultima versione della bozza

Via 18mila posti letti, tagli per 3 miliardi

Entro il 30 novembre le Regioni dovranno ridurre un totale di 18mila posti letto negli ospedali, circa lo 0,3 per mille abitanti. La riduzione dei posti letto è a carico dei presidi ospedalieri pubblici "per una quota non inferiore al 40% del totale dei posti letto da ridurre ed è conseguita esclusivamente attraverso la soppressione di unità operative complesse". Confermato inoltre il taglio di 3 miliardi di euro per il fondo sanitario nazionale nel 2012-2013, con un miliardo in meno quest’anno e due miliardi a partire dal 2013.

Meno spese per le intercettazioni

Il ministero della Giustizia razionalizzerà costi e servizi di intercettazione telefonica in modo da assicurare risparmi non inferiori a 20 milioni di euro per l’anno 2012.

Iscrizioni alle scuole statali solo on line

Dall’anno scolastico 2012-2013, le iscrizioni alle istituzioni scolastiche statali di ogni ordine e grado per gli anni scolastici successivi si potranno fare esclusivamente on line. Via mail anche note, sospensioni, pagelle e tutte le comunicazioni scuola-famiglia

Tagli per la presidenza del Consiglio

Saranno soppresse alcune strutture di missione come la Segreteria tecnica dell’Unità per la semplificazione e la qualità della regolazione, il Progetto Opportunità delle Regioni in Europa, l'Unità per l'e-government e l’innovazione per lo sviluppo.

Meno auto blu

La stretta sulle auto blu colpisce anche la Consob

Salta la riorganizzazione di Cnr, Infn e Ingv

Non saranno soppressi l’Istituto nazionale di ricerca metrologica, la Stazione zoologica Anton Dohrn, l’Istituto italiano di studi germanici, l’Istituto nazionale di alta matematica e l’Istituto nazionale di oceanografia e di geofisica sperimentale, l’Istituto nazionale di astrofisica e il Museo storico della fisica e centro di studi e ricerche "Enrico Fermi".

Commenti
Ritratto di emanuelem57

emanuelem57

Ven, 06/07/2012 - 19:58

Senza provvedimenti del genere ed altri molto più drastici la macchina mangia-soldi statale inghiottirebbe anche le ultime possibilità di uscita dal precipizio in cui incoscienti visioni delle spese statali ci hanno condotto. Altre molto più coraggiose azioni andrebbero fatte, speriamo che il governo Monti riesca a compierle. Temo che qualsiasi governo eletto democraticamente avrebbe una maggioranza che proteggerebbe le caste consolidate colpevoli del disastro attuale. Sarebbe il colpo di grazia per l’Italia

vfangelo

Ven, 06/07/2012 - 22:22

Qui si parla solo,ma nessuno pone fine a questi tagli che ci riducono alla fame,i sindacato sanno solo parlare ma, non accochn nu c...o,specialmente la camusso sa Solo sbraitare come un'oca,ma ormai sappiamo che e' solo uno spaventapasseri che sta li perche deve starci. Gli operai ancora credono in questi bambocci,se c'era Berlusconi già avrebbero fatto cento scioperi generali, ma quando la smettiamo di credere a questi buni a nulla,le loro urla sono solo finti, il governo lo sa e perciò continua la sua marcia distruttrice. Siete dei venduti vergognatevi.

vfangelo

Ven, 06/07/2012 - 22:18

Qui si parla solo,ma nessuno pone fine a questi tagli che ci riducono alla fame,i sindacato sanno solo parlare ma, non accochn nu c...o,specialmente la camusso Sto arrivando! Solo sbraitare come un'oca,ma ormai sappiamo che e' solo uno spaventapasseri che sta li perche deve starci. Gli operai ancora credono in questi bambocci,se c'era Berlusconi già avrebbero fatto cento scioperi generali, ma quando la smettiamo di credere a questi buni a nulla,le loro urla sono solo finti, il governo lo sa e perciò continua la sua marcia distruttrice. Siete dei venduti vergognatevi.

Ritratto di Rosella Meneghini

Rosella Meneghini

Ven, 06/07/2012 - 22:28

Se i sindacati non fossero sul piede di guerra, dimostrerebbero di avere un minimo di intelligenza. Vi sembra possibile?

alberto51

Ven, 06/07/2012 - 22:38

Ma chi se ne ***** della Camusso, anche il suo sindacato è responsabile quanto i governi che ci sono stati del DISSESTO ITALIA.Quindi che si chiuda in una stanza e non esca più.

Ritratto di jasper

jasper

Ven, 06/07/2012 - 22:46

Che i sindacati siano sul piede di guerra fa ridere i polli. Loro ormai non fanno più paura a nessuno. Gli statali in servizio stiano su con le orecchie: ora possono essere licenziati finalmente. Se scioperano potrenno essere messi in lista d'attesa per essere mandati a casa a pedate. alla prima occasione...a parte il fatto che se gli statali 'scioperano' o 'lavorano' non se ne accorgerebbe comunque nessuno: le due parole sono dei sinonimi per loro. Monti vada avanti così. Anche in modo brutale la barca va rimessa in sesto.

MARCO45

Ven, 06/07/2012 - 23:28

Ma tutti questi parlamentari che prima facevano sfaceli se Berlusconi proponeva di fare qualche riforma con tagli giusti per la P.A. le province ed altri settori inutili appunto dicevo ma loro non si tagliano mai? Eì una vergogna sono in più di mille ed il 90per cento è inutile. Vanno in parlamento e giocano sul telefonino o fanno parole crociate e direi che fanno schifo. Basta e tutti a acasa.

aladino77

Ven, 06/07/2012 - 23:34

Spero che sia la prima breccia aperta nell'enorme apparato burocratico-parassitario costruito indifferentemente dai quei cancri chiamati partiti, di destra e di sinistra, che hanno distrutto questo Paese. E i sindacati non rompessero i maroni.

quipercaso

Ven, 06/07/2012 - 23:48

ragazzi, un video ECCEZIONALE da vedere, ascoltare e DIFFONDERE... byoblu.com intervista l'economista Alberto Bagnai. è importante per capire gli squilibri dell'eurozona che sono all'origine della catastrofe economica che stiamo vivendo, per comprendere le responsabilità di chi, come e quando ci ha fatto sprofondare nel baratro e per meditare sulla natura dell'euro(follia)...............http://www.youtube.com/watch?v=gEhZMldT-FE&feature=youtu.be......................da non perdere assolutamente!

quipercaso

Ven, 06/07/2012 - 23:57

gentile Redazione, una richiesta: che ne dite di intervistare il professor ALBERTO BAGNAI sulla crisi €uropea? il suo blog, goofynomics.blogspot.it, è preso d'assalto da migliaia di persone in cerca di una spiegazione veritiera e razionale della crisi che stiamo vivendo. lo vogliamo a "Il Giornale".......grazie!

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Sab, 07/07/2012 - 01:04

Gli ottusi sono sul piede di guerra. Nel bel mezzo di una crisi economica pesantissima mancava proprio l'apporto dell'ottusità dei sindacati per rincarare la dose. Alle grane che già piovono sui lavoratori, gentilmente offerte dal governo, ora si aggiungono anche le lamentazioni degli ottusi che si ostinano a chiamarsi "sindacalisti". L'inutile protesta degli scioperi in questo momento difficile assume la connotazione di un reato contro i lavoratori.

papik40

Sab, 07/07/2012 - 03:08

I sindacati (italiani) sono la disgrazia dei lavoratori e dell'Italia! Professori a quando i bilanci certificati per questa massa di politici travestiti da sindacalisti? Quando smetterà di farli arricchire "automaticamente" in violazione del referendum senza che si sappia quanto "rubano" ogni anno all'insaputa o senza l'assenso dei cittadini e, principalmente, senza sapere cosa ne fanno? Quando manderà la Guardia di Finanza per far smettere gli incassi in NERO per le tante "assistenze" ai singoli ? Ha paura che scatenino gli scioperi? Bene dica le ragioni ai cittadini in TV e vedrà che in piazza ci andranno solo i sindacalisti, i facinorosi ed i bastian contrari che non mancano mai! Purtroppo temo che non lo farà mai perché ho un dubbio: non è che quando ha fatto la riforma delle pensioni (se la faceva un qualsiasi partito politico spariva!) ha garantito di non toccare i loro privilegi per avere uno sciopero ridicolo ed incredibile di sole 3 ore?

Talero67

Sab, 07/07/2012 - 03:59

Vergognatevi!!!Già gli ospedali pubblici sono una ****a e in più continuate a tagliare la Sanità!Ospedale di Ravenna per un semplice prelievo venoso, per esami routine, la media sono 130/140 persone in fila ogni giorno...Siete delle ****e!!!Via auguro di ammalarvi di cancro e di morire in un ospedale di ****a come è morta mia madre mentre una polacca della cooperativa rossa delle pulizie dava lo straccio per terra...Maiali a morte!!!Non c'è più la democrazia in Italia,questi professori del ***** prendono decisioni per conto loro in barba alla legge più importanate della costituzione il suffragio popolare!!!ABC ****e!

marcomanno

Sab, 07/07/2012 - 04:41

Tutte cose che avrebbe potuto/dovuto fare il governo Berlusconi e che non ha fatto

ffortini

Sab, 07/07/2012 - 08:04

Ma di cosa stiamo parlando? Hanno tagliato circa lo 0,5% del debito pubblico: cioe' in pratica non hanno fatto nulla. Ovviamente lo 0,5% non sposta niente, di certo lo spread non calera' perche' abbiamo abbassato il debito pubblico dello 0,5%. Tutta questa gran cassa mediatica serve solo a nascondere il fatto che non stanno facendo nulla, che sono ininfluenti, che ci siano o non ci siano non cambia nulla. Molti piu' risparmi ci sarebbero andandosene subito da Iraq e Afghanistan (e dagli altri cento posti nel mondo dove stiamo non si sa a che fare) e rinunciare a tutti gli aerei da guerra che dobbiamo ancora comprare. A questi (Monti e Berlusconi, Casini, Bersani che lo sostengono) non importa di distruggere totalmente l'Italia nel giro di un paio di anni: a questi gli importa solo arricchirsi ancora un po' prima di scappare all'estero.

flip

Sab, 07/07/2012 - 08:27

l'apparato statale a tutti i livelli (politici, presidenti, dirigenti, impiegati, ecc.) sia che siano in servizio o in pensione, sempre quwllo ci costano. monti ha scoperto l'acqua calda.

flip

Sab, 07/07/2012 - 08:27

l'apparato statale a tutti i livelli (politici, presidenti, dirigenti, impiegati, ecc.) sia che siano in servizio o in pensione, sempre quwllo ci costano. monti ha scoperto l'acqua calda.

flip

Sab, 07/07/2012 - 08:49

Perchè non diamo una sforbiciata alle spese del quirinale che dal bilancio di "previsione" per il 2012 ci costerebbe "solo" circa 450 miliardi delle vecchie lire? Con tutti quei lacchè, più o meno gallonati, che ci sono......

flip

Sab, 07/07/2012 - 09:01

perchè non diamo una sforbiciata ai costi del quirinale che stando al bilancio di previsione per il 2012 ci costerebbe "solo" circa 450 miliardi delle vecchie lire? con tutti quei lacchè più o meno gallonati che ci bazzicano.....