Spese pazze, nei guai un consigliere Idv

Nel mirino dei Pm l’utilizzo di 450mila euro di fondi regionali. Trovate fatture per il rimborso di convegni mai avvenuti o di 4 cene nella stessa sera

Roma Il cibo, le cene, la fame atavica della classe politica,anche qui,anche per l’Italia dei valori. Non saranno ostriche, forse fet­tuccine al ragù visto che siamo a Bologna, ma il conto è sempre a carico pubblico, per­ché si paga coi fondi dei gruppi regionali. C’è un indagato per peculato,Paolo Nanni, ex capogruppo Idv in Regione Emilia Roma­gna, attualmente consigliere provinciale a Bologna sempre in quota Idv. La Guardia di finanza sta analizzando le note spese pro­dotte da Nanni in cinque anni di Consiglio regionale, su un totale di 450mila euro di fondi per il gruppo (di cui peraltro era l’uni­co membro), spesi secondo modalità da chiarire. Tutto documentato da un ex dipie­trista, Domenico Morace, che ha denuncia­to la gestione allegra delle casse regionali di cui è tesoriere l’onorevole Silvana Mura, che è anche tesoriere nazionale dell’Idv. Nel fiume di spese risulterebbero diverse stranezze. O Nanni ha il dono dell’ubiqui­tà, o riesce a cenare quattro volte nella stes­sa sera, perché all’attenzione della Gdf ci so­no quattro ricevute di ristoranti con la stes­sa data e la stessa fascia oraria e diversi ospi­ti.
Ci sono anche convegni di partito, le cui spese sono state rimborsate all’ex capo­gruppo, che ha le relative fatture. Peccato che quei convegni, come risulta a un primo controllo, non ci sarebbero mai stati. Così hanno detto i responsabili dei locali coin­volti, e anche una delle persone che è indi­cata nella locandina come partecipante. Nel faldone che accusa il consigliere pro­vinciale Idv c’è anche un passaggio di 11.500 euro, sempre di fondi regionali per l’Idv,sul conto corrente personale di un di­pendente del gruppo che poi li girò a Nanni tramite assegni. E il rimborso per una tra­sferta estiva a Santa Margherita Ligure, do­ve però il consigliere ha una casa per le va­canze...
Ma non è finita qui. Nell’elenco di spese balza all’occhio l’anno 2008, con la bellez­za di 93mila euro prelevati da Nanni dai fon­di
di finanziamento al suo monogruppo. Per farne che? Più di 37mila euro in «spese di rappresentanza», 18mila euro di «rim­borsi », 11mila euro di consulenze, 16mila euro di «iniziative pubbliche». La motiva­zione del dipietrista per l’uso di quasi cento­mila euro l’anno di soldi pubblici è questa: «Dovevo far conoscere l’Italia dei valori».Il dipietrista ha speso in un anno 2.418 euro di alberghi, 1.300 euro di ristoranti, e 600 eu­ro al mese in media per il noleggio di auto con conducente. Ci sono 3.400 euro a favo­re della compagnia di teatro comico «Pro­getti Dadaumpa », giustificati così dal fede­le di Tonino: «Convegni». Poi svariate mi­gliaia di euro bonificate a tv locali, come Re­te8, Sesta Rete, È Tv. Anche questi spiegati come «convegni, che si svolgevano in tv».
Il dipietrista Nanni era già balzato agli onori della cronaca locale qualche mese fa, nell’inchiesta sui furbetti del pass handi­cap a Bologna. Anche il consigliere dell’Idv era risultato possessore del pass arancione (collegato alla sua targa e a quella di due fa­miliari) appartenuto alla suocera. Morta due anni prima. Non solo non era stato re­stituito, ma non era stato nemmeno comu­nicato il decesso. Memorabile, anche lì, la sua giustificazione: «Non pensavo di dover
restituire il contrassegno».

Commenti

cast49

Sab, 22/09/2012 - 08:51

bisogna controllare tutti, soprattutto le sinistre che sono tanto brave a nascondere le loro malefatte...penati è ancora libero? si aspetta la prescrizione? maledetti komunisti...

Ritratto di pinox

pinox

Sab, 22/09/2012 - 09:12

lega, pdl, pd, margherita o italia dei valori(in euro), la musica è sempre la stessa, qui non conta il partito di provenienza, qui manca la cultura, fare politica da noi non è una missione per fare del bene al popolo ma significa arrichirsi e godere di privilegi assurdi.....e allora in mancaza di un etica ci vuole una repressione alineata con i danni che stanno facendo: 20 anni di galera a chi aprofitta della propria posizione per rubare o sperperare denaro pubblico!!!

michele lascaro

Sab, 22/09/2012 - 09:41

Siamo circondati da individui con le mani molto lunghe, che aspirano, dalle elezioni comunali , in crescendo, sino alle politiche, a far soldi, molti soldi, a spese nostre, che abbiamo lavorato tutta una vita per una pensione e liquidazione non attinenti al lavoro prestato. Poi ci si lamenta se disertiamo, e lo faremo, le urne elettorali. Di questo passo ci restano solo le urne funerarie. Bella Italia, amate sponde....

bruna.amorosi

Sab, 22/09/2012 - 10:57

Troppa gente circola nella politica e si sà che la confusione genera pasticci .quì non è più centro o sinistra quì è tutto il parlamento da riformare .altrimenti sono e saranno sempre troppi i piatti che si dovranno preparare .e le bocche da sfamare basta pensare al vecchio proverbio che dice ,TROPPI GALLI NEL POLLAIO NON FARANNO MAI GIORNO .e L'ITALIA non se lo può più permettere adesso BASTA .ma vale per tutti proprio tutti .

Gioortu

Sab, 22/09/2012 - 11:15

E di Pietro setenziò:ma che c'azzecca.

peroperi

Sab, 22/09/2012 - 11:57

I soldi non devono diventare dei partiti, una volta elargiti, ma devono essere considerati "degli italiani" ed amministrati dai partiti. Di conseguenza i bilanci devono essere palesi con il dettaglio delle spese e messi in rete. Il resto verrebbe da sè.

anna tomasi

Sab, 22/09/2012 - 11:58

per CAST 49. E chi controlla i controllori, visto che la magistratura sta prevalentemente a sinistra?

libero46

Sab, 22/09/2012 - 13:52

Ci stiamo abituando ad ogni nefandezza e ladrocinio... purtroppo! Urge dimezzare questa inutile anzi dannosa pletora di persone e per quelli che restano rivedere tutti i loro compensi, siamo stanchi di mantenere "VACCHE SACRE" che anziché dar latte lo rubano ai cittadini. Non posso accettare che per allungare la vita lavorativa dei pensionandi-lavoratori sia bastato un quarto d’ora e per far quanto detto prima ci vogliono cento anni… è una vergogna! L’Italia con questi “figuri” muore!!!

cgf

Sab, 22/09/2012 - 13:55

naturalmente ad uscirne sempre pulito è il governatore, non importa che il fratello.... già, siamo in campagna elettorale e la questione etica, as usual, nel PD si fa facendo indagare gli avversari così da sembrare "più puliti" degl'altri.

guidode.zolt

Sab, 22/09/2012 - 14:15

Dio stramaledica i politici ladri...!!

eureka

Sab, 22/09/2012 - 22:51

Troppo denaro hanno a disposizione: è ora di limitare i loro stipendi ed i loro rimborsi. Che si paghino di tasca propria cene e colazioni come facciamo tutti noi, con le loro entrate mensili si possono pure pagare i viaggi. Un operaio/impiegato con 1000 euro mensili si paga i mezzi per arrivare al lavoro e si porta il panino da casa. Perchè dobbiamo mantenerli con questi agi visto che ci hanno portato a dover pagare più tasse di altri paesi?