lo spillo/1

Lui è quel ragazzino di 13 anni che al Palasharp ha attaccato il Cavaliere. Ha un nome e un cognome, ma da ieri i legali dei genitori ci hanno gentilmente vietato (pena esposto a Ordine dei Giornalisti, garanti vari e ovviamente magistratura) di renderli pubblici. È la privacy. Possiamo solo dire che è il figlio di uno degli avvocati di De Benedetti e che nessuno, tranne noi, ha stigmatizzato questa incredibile coincidenza. Ci chiediamo però se è più grave dare un nome e un volto a un ragazzino cresciuto a pane e odio anti Cav o lasciare che i genitori lo espongano davanti a 10mila persone.