lo spillo/1

Travolta dagli scandali e dalla pochezza politica dei suoi leader la sinistra italiana è morta, ma finora nessuno dei suoi esponenti storici aveva avuto il coraggio di recitarne l’epitaffio. Ci ha pensato Fausto Bertinotti, l’ex leader comunista, e non è un caso che il «parce sepulto» sia rimbombato dalla kermesse chic di Cortina: «Esistono solo una o più nomenklature, forze politiche organizzate solo per prendere voti», ha detto l’ex presidente della Camera. A quando le esequie?