lo spillo/2

Si scende in piazza in difesa della dignità delle donne. Non è possibile vivere in un Paese in cui le donne votano, fanno carriera, c’è il diritto all’aborto, il diritto al divorzio, ci sono quattro ministri donne, c’è un presidente di Confindustria donna, ci sono direttori di giornali donne, conduttori di telegiornali donne, perfino presidenti di squadre di calcio donne. No, davvero non si può. Scendiamo tutti in piazza per dire basta. Ma nella cocente indignazione, poi uno legge la notizia della quattordicenne morta di frustate in Bangladesh perché accusata (dalla sua stessa famiglia) di essere un’adultera. La legge chiede ai vari Santoro, Travaglio & C.: che ne dite di andare a manifestare da quelle parti?