lo spilloI cattivi supplenti

Una volta c'erano i cattivi maestri rossi, quelli che predicavano l'odio ammantandolo di ideologia, Quelli per cui la lotta sociale non si faceva col merito ma con la P38. Da Tangentopoli in avanti sono arrivate le toghe rosse, con in mente un'idea meravigliosa: lasciar perdere i reati minori per dedicarsi alla caccia ai colletti bianchi, politici in testa, per «moralizzare» le istituzioni. Quel vizietto certi magistrati non l'hanno mai nascosto, anzi. Ancora ieri il segretario dell'Associazione nazionale magistrati Maurizio Carbone ha detto chiaro e tondo: «Dobbiamo fare supplenza dove la politica ha fallito (l'Ilva, ndr), ma non ci divertiamo». I cattivi supplenti...

Commenti
Ritratto di Nopci

Nopci

Lun, 30/09/2013 - 16:33

Ed oggi 2013 i figli del '68, il "POLITICO GIUDIZIARIO".