lo spilloIl Prof che serve ai frondisti del Pd

Ci mancavano solo i montisti del Pd - cioè i veltroniani develtronizzati - ma tant'è. Nel Partito democratico c'è una corrente che ieri ha rotto gli indugi e si è appalesata ieri a Roma, rilanciando l'idea del Professore come guida di un futuro governo politico di centrosinistra, pena il rischio sconfitta per il Pd. Il problema, come al solito, è il programma. Lacrime e sangue, come vuole il Prof e come dicono che pretenda l'Europa? Tenersi le riforme di pensioni, lavoro e fisco? No, dicono i bersaniani, che vogliono evitare una ulteriore spaccatura nel partito, già dilaniato dal caso Renzi. «La soluzione - dice Stefano Fassina - è l'agenda dei progressisti interpretata da Pier Luigi Bersani per riuscire a cambiare la rotta di politica economica nell'area dell'euro». Ecco, tutto chiaro. A voi serve un professore. Di Italiano, possibilmente.