lo spilloIl terremoto #Berlusconi

Programma vero o pretattica non si sa, ma è certo che il ritorno da candidato premier di Silvio Berlusconi smuove le acque dei navigatori. Secondo «iltweetpolitico», infatti, nella settimana dall'annuncio della ridiscesa in campo sono stati dedicati al Cavaliere ben 46.851 tweet. Un record assoluto, dicono gli esperti, perché per esempio l'hashtag #Terremoto in Emilia Romagna in un intervallo di tempo di un mese (dal 20 maggio in poi) ha collezionato circa 200mila menzioni. Insomma, la media per entrambi gli eventi è di 50mila tweet a settimana. E, per chi ama le statistiche, si scopre che i post più retweettati dall'11 luglio con la parola magica Berlusconi sono stati quelli degli avversari Antonio Di Pietro, Pier Ferdinando Casini e Matteo Salvini. E poi dicono che l'antiberlusconismo è finito...

Commenti

odifrep

Mer, 25/07/2012 - 09:31

Mi sono svegliato con il pensiero di andare a votare, per non dirvi cosa ho sognato dal responso delle urne. Sarebbe meglio tastare il polso alla gente, per rendersi conto di cosa potrebbe accadere. Quante persone non credono più alla politica. Tantissimi del non voto. Elettori che scaricano la loro rabbia sulla scheda elettorale. I subbugli si verificheranno al Sud ove, non solo la crisi è stata accusata maggiormente, ma dove le speranze della rinascita, sono svanite del tutto; perderanno la fede anche in San Gennaro & Co. Chi ne uscirà, invece, credibile ancora, sarà Silvio che -facendosi di lato- ha dimostrato la Sua estraneità allo SPREAD, quindi, salirà al Colle ove resterà e darà a Monti, nuovamente il Suo appoggio a Presidente del Consiglio, come gli dette all'epoca l'incarico di Commissario Europeo. Vado a sciacquarmi la faccia, per svegliarmi. Saluti.

odifrep

Mer, 25/07/2012 - 09:28

Mi sono svegliato con il pensiero di andare a votare, per non dirvi cosa ho sognato dal responso delle urne. Sarebbe meglio tastare il polso alla gente, per rendersi conto di cosa potrebbe accadere. Quante persone non credono più alla politica. Tantissimi del non voto. Elettori che scaricano la loro rabbia sulla scheda elettorale. I subbugli si verificheranno al Sud ove, non solo la crisi è stata accusata maggiormente, ma dove le speranze della rinascita, sono svanite del tutto; perderanno la fede anche in San Gennaro & Co. Chi ne uscirà, invece, credibile ancora, sarà Silvio che -facendosi di lato- ha dimostrato la Sua estraneità allo SPREAD, quindi, salirà al Colle ove resterà e darà a Monti, nuovamente il Suo appoggio a Presidente del Consiglio, come gli dette all'epoca l'incarico di Commissario Europeo. Vado a sciacquarmi la faccia, per svegliarmi. Saluti.