lo spilloStruzzi di Fatto

Settimane di campagna. Poi muore Loris D'Ambrosio e il Fatto che fa? Lo struzzo. La prima pagina di ieri, il quotidiano di Antonio Padellaro l'ha aperta con l'Ilva di Taranto. Dici: almeno Marco Travaglio avrà scritto qualcosa. Niente: parte da Berlusconi (ma va?), attacca Formigoni e poi, visto che lo spazio in pagina è lungo e le cose da dire sul governatore indagato sempre le stesse da tre giorni, spara un po' sul Giornale, che fa sempre ridere. E D'Ambrosio? Taglio di prima pagina, con articolo a pagina sette, dopo Draghi, dopo l'euro e dopo l'Ilva. Un unico pezzo in cui si riassume tutta la vicenda, non una riga di più sugli attacchi che proprio alla campagna del Fatto sono stati mossi da più parti. Dice l'autore che «quella morte per cause naturali continuerà ad animare il dibattito pubblico». Già. (In)colti sul Fatto.