SPIRITI SANTI

Rovereto sulla Secchia (Modena). La folla fa bene anche a mistici e teologi. Prima il Dalai Lama, che senza particolari filtri di sicurezza, ha percorso domenica il centro di Mirandola intrattenendosi con la gente del posto e incoraggiandola nonostante avessero perso tutto.
Ieri la volta del Papa. Per lui un apparato di security imponente fin dalle prime ore del mattino, che ha chiuso le strade e ha controllato millimetricamente tutti gli spazi che Benedetto avrebbe attraversato. Ma anche qui, il calore umano è forse l'aspetto più ricercato dai leader religiosi.
Ne è una prova il fuori programma del Papa che subito dopo la preghiera davanti alla chiesa di Santa Caterina si è diretto verso i cronisti e i fotografi per benedirli e ringraziarli per il loro lavoro. Una ricerca di contatto umano che il pontefice ha ripetuto anche dopo il suo discorso non sottraendosi nell'abbracciare sotto un caldo torrido decine di semplici fedeli. Calore, ma anche solidarietà.
Ai 50mila euro donati dalla guida spirituale buddista, il Vaticano ha «replicato» in questa insolita gara della generosità tra le religioni, con 500 mila euro che saranno stanziati subito a cui si aggiungono i 3 milioni della Cei, oltre agli interventi diretti della Caritas.