Sprint per il dopo Napolitano La lobby rosa spinge la Bonino

Il capo dello Stato invita il Parlamento ad accelerare, votazioni a partire dal 18 aprile La Carfagna: "Emma? Mi piacerebbe molto". Il partito: parla a titolo personale

Mara Carfagna con Emma Bonino

Magari non è vero, come dicono in Transatlanti­co, che si sono messi d’accordo. Forse è solo un caso o chissà, una questione di sintonia politi­ca. Fatto sta che non appe­na Pier Luigi Bersani ha ri­preso a fare melina, a tene­re palla a cen­trocampo, ec­co che con per­fetta sincro­nia due mici­diali contro­pi­edi hanno ri­baltato tutto le scenario. Il primo l’ha organizzato Matteo Renzi: «La politica perde tem­po ». Il secondo Giorgio Napoli­tano, che ha invitato i presiden­ti della Camere ad accelerare la nomina del nuovo capo dello Stato. Ancora una volta quindi il vecchio presidente e il giova­ne­sindaco mostrano una gran­de intesa sul campo. E ora che la finestra elettorale estiva si è ria­perta, il segretario del Pd rischia di restare di nuovo a secco.

Lunedì 15 aprile, un mese pri­ma della scadenza del settenna­to di Napolitano, Laura Boldri­ni, in qualità di presidente del Parlamento in seduta comune, «diramerà le convocazioni» dei 1007 grandi elettori. «Su invito del presidente della Repubbli­ca e sentito il presidente del Se­nato- informa una nota di Mon­tecitorio - la seduta del Parla­mento, integrato dai delegati re­gionali, potrà avere luogo già a partire da giovedì 18 aprile, con­fid­ando che gli adempimenti re­lativi alla designazione da parte delle Regioni si svolgano con la massima tempestività».

Ma il problema sta qui, negli «adempimenti». La Val d’Aosta ha già nominato il suo unico rap­presentante, la Lombardia sce­glierà i suoi tre martedì, gli altri correranno per mettersi in rego­la ed essere pronti per il 18. «Non ci saranno difficoltà - giu­ra Eros Brega, coordinatore del­le conferenza dei consigli regio­nali - entro l’undici tutti avran­no designato i 58 grandi eletto­ri». Anche Trieste? Il Friuli-Ve­nezia Giulia andrà al voto solo il 20 e il 21. Ci penseranno i consi­glieri uscenti.

Una volta raccolte, le designa­zioni dovranno poi essere tra­smesse ufficialmente alla Bol­drini. C’è ancora tanta burocra­zia da superare, ma se le ottimi­stiche previsioni verranno ri­spettate, verso il 20 potremmo conoscere il nome del nuovo ca­po dello Stato. Per le prime tre votazioni serve una maggioran­za qualificata pari ai due terzi dell’assemblea,672 voti,poi dal quarto scrutinio basteranno 504 schede. Toto-Colle bollen­te, oggi Bersani incontra Monti e forse nei prossimi giorni pure il Cav. I bookmakers inglesi ve­dono un testa a testa Prodi-Gianni Letta mentre a Mara Car­fagna «piacerebbe molto» Em­ma Bonino, lanciata sul Giorna­le da Ma­rco Pannella ma frena­ta da Renato Brunetta: «Opinio­ne personale».

Il cambio della guardia sarà ultrarapido. Napolitano non vuole scomode coabitazioni, perciò non aspetterà il 15 mag­gio, darà le «dimissioni di corte­sia » appena il suo successore verrà eletto. Sempre che non sia lui stesso. E siccome il mandato non è ancora finito, tra una setti­mana, con il responso dei dieci saggi in mano, farà un’altra mossa per superare lo stallo. Un discorso alla nazione?

Commenti

Tobi

Gio, 04/04/2013 - 08:34

la lobby rosa spinge per la vecchia mammana della Bonino! Spero che l'Italia non debba subire questa ulteriore piaga!

zipala'

Gio, 04/04/2013 - 08:35

Se la Carfagna farà a Montecitorio uno o più di uno dei suoi apprezzatissimi interventi orali, sicuramente la Bonino sarà eletta.

venessia

Gio, 04/04/2013 - 08:43

vorrei far conoscere la mia personale opinione così come fa l'on. Brunetta a riguardo della on. Emma Bonino, io farei presidente della Repubblica l'on. Carfagna per una questione di serietà, competenza, intelligenza,immagine ecc.ecc. per cominciare a dare lustro a quest'italia un po'malconcia.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Gio, 04/04/2013 - 08:56

Egregia carfagna se il dopo bocchino è la bonino forse non ci siamo !!

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Gio, 04/04/2013 - 08:58

Cara Carfagna invece a me la Bonino non piace per niente. Prova a sentire la base del partito e te ne farai una ragione.

curatola

Gio, 04/04/2013 - 09:12

niente mangiapreti alla presidenza dell'Italia.

Ritratto di Adry74

Adry74

Gio, 04/04/2013 - 09:14

onorevole Carfagna, penso che sia profondamente umiliante per le donne scegiere un capo dello stato donna solo perchè... è donn la Bonino la conosciamo: è una abortista fanatica e un'eurocratica fanatica. Espressione di un partitino che da sempre ha agito come una lobby chiassosa e che è stato sonoramente bocciato dagli elettori. Sarebbe la scelta peggiore. Ci ripensi.

gicchio38

Gio, 04/04/2013 - 09:16

MA PER FAVORE. ABBIAMO AVUTO LA GRANDE FORTUNA DI VEDERE LEI E IL SUO COMPARE DI MERENDE CHE DA QUARANTA ANNI CI AFFLIGGE CON I SUOI "DIGIUNI" E SI VEDE CHE E' GRASSO COME UN "PORCO" E CHE VI HA PRESI SEMPRE TUTTI PER I FONDELLI ED ORA RISPUNTA "LA VECCHIETTA RIMBAMBITA E FUMATRICE COME IL SUO TORELLO CON IL CODINO ALLA "CHE ME NE FOTTO". CHE CIRCOLO EQUESTRE. ABBIAMO SOFFERTO PER TANTI ANNI E QUANTE PERSONE HANNO SOFFERTO PER QUEL BUFFONE QUANDO SI VENTILAVA CHE ERA ALLA SOGLIA DELL'ALDI LA', PREOCCUPATI PER LA SUA SALUTE. MA IL CODINO HA LE CORNA LUNGHE NON ABBIATE PAURA IL PADRETERNO VE LO LASCERA' ANCORA PER MOLTI ANNI. GODETEVELO MA LASCIATECI IN PACE CON CERTE IDEE CRETINE.

bruna.amorosi

Gio, 04/04/2013 - 09:16

no la BONINO non mi piace ..ma mica per niente troppo liberale nel senso negativo . quasi come un anarchica ..

Ritratto di sergio la terza

sergio la terza

Gio, 04/04/2013 - 09:21

La viva speranza è che Berluscono sia in grado di smentire i bookmakers inglesi.-gianni LETTA potrebbe andare bene PRODI che conosciamo bene nei suoi trascorsi E? TOTALMENTE DA CANCELLARE.- MEGLIO LA RIVOLUZIONE CIVILE ALMENO SARA' IL POPOLO A DESIGNARE IL PROPRIO CANDIDATO:_AUGURI PER TUTTI NOI:_

Ritratto di Forza5.

Forza5.

Gio, 04/04/2013 - 09:22

dopo fornero, gelmini e carfagna la bonino? meglio le sette piaghe d'egitto

linoalo1

Gio, 04/04/2013 - 09:26

Per carità!Le donne stanno bene solo dietro i fornelli!Capisco che vogliano dimostrare di essere più brave degli uomini!Ma la Natura non si può cambiare!Gli uomini devono fare gli uomini e le donne dovono fare le donne!Altrimenti si va contro Natura,con tutto ciò che ne consegue!Non ci credete?!?Allora lasciate che siano le donne a comandare!Fra 50 anni tiriamo le somme!Lino.

Ritratto di martello carlo

martello carlo

Gio, 04/04/2013 - 09:28

All'Italia mancava proprio una nuova LOBBY, quella ROSA. Spero che la scelta non ricada sulla FORNERO. Di rigidità mentale nelle istituzioni a causa dei brontosauri komunisti, oltre che nella magistrarura, ce n' è fin troppa e quindi spero che il PADRETERNO RISPARMI UNA NUOVA TATCHER italiota. Questo per fare il pari con le lobby AZZURRE che non esistono.

Ritratto di rapax

rapax

Gio, 04/04/2013 - 09:40

ho letto i nomi "papabili" di entrambi gli schieramenti..(ps per la verità più di SX) e devo dire che la Bonino è la più presentabile..è quella che di sicuro non si azzerbina alle richieste di paesi esteri..ps da destra c'è da piangere: Gianni Letta???????? questo è uno dei pochi nomi usciti?? allora siamo davvero messi male...

Ritratto di spectrum

spectrum

Gio, 04/04/2013 - 09:45

Certo, ora la caranfagna, che vendeva il suo seno per i calendari sexy e ci insegnava che la donna e' un oggetto ora viene a insegnarci cosa e' giusto. Non so a voi, ma a me di certo non ha nulla da insegnare. Niente di strano che per lei sia giusto che una che ha compiuto 10141 aborti (omicidi) con pompa di bicicletta sia la "donna giusta" che ci tutelera'.

Holmert

Gio, 04/04/2013 - 09:50

Tutti con la Bonino,come se fosse un esempio di virtù civiche da imitare. Si è guadagnata i galloni della rispettabilità dopo avere fatto aborti con la pompa delle biciclette ed avere lottato per ottenere la legge abortiva.Ha lottato per avere il divorzio,per la droga libera cosa che per fortuna non gli è andata a buon fine,per le amnistie dei condannati al carcere...insomma di tutto e di più. Per queste benemerenze è persona rispettabile,come dire donna d'onore. Cari amici,qui dobbiamo metterci in testa che siamo noi quelli che vanno controcorrente ed inseguono un mondo che non c'è più. Bisogna sfrozarsi a pensare al contrario,come camminare all'indietro. Ecco pensare all'indietro. Forse Battiato aveva tutti i torti? Boh,chi lo potrebbe dire se non i posteri,ma posteri posteri!

ggt

Gio, 04/04/2013 - 10:03

La Bonino Presidente della Repubblica mi sembra davvero un ABOMINIO! Ma come si può pensare che una esponente del partito Radicale, che insieme ad alcune battaglie utili per la laicità dello Stato ha ingaggiato una serie di battaglie a dir poco folli, intrise di contradizioni quali la liberalizzazione delle droghe, la richiesta di Amnistie che metterebbero in libertà stupratori, ladri ed assassini, che promuove la non violenza mentre si riferisce al modello americano che oltre alla pena di morte, non mi pare che abbia optato per la non violenza alla Gandhi. Sorvolo sull'orientamento omosessuale della Bonino; molti, infatti, hanno avuto modo di conoscere LA sua partner. Davvero la Bonino la si considera una papabile rappresentante dell'Unità Nazionale? Mi pare francamente FOLLE!

illogic

Gio, 04/04/2013 - 10:12

Ho sempre votato PDL tranne alle ultime elezioni. Questa volta ho deciso di non votare nessuno e penso di aver fatto bene. Come fa il PDL a votare il fiscal compact ed il pareggio di bilancio in costituzione? Come può il PDL proporre nomi come D'Alema e la Bonino? PD e PDL sono 2 facce della stessa medaglia. Nemici su tutto tranne che sulle cose veramente importanti (ad es. l'euro). Il partito di Grillo è un allegro casino. Il PD vuole distruggere il paese, Monti è un collaborazionista... Rischiamo di avere come presidente un Prodi, un Amato (da chi?), un D'Alema o una Bonino (che partecipa agli incontri segreti del Bilderberg) Ditemi voi quando si andrà a votare cosa devo fare. Non riesco più neanche a scegliere per il male minore.

Ritratto di rapax

rapax

Gio, 04/04/2013 - 10:17

ggt con tutto il rispetto sarà pure un'abominio...ma amato, prodi, letta, bocassini...sono inciviltà..

Ritratto di marino.birocco

marino.birocco

Gio, 04/04/2013 - 10:18

Mara che dici quella li è comunista. Prima dite che vogliamo uno dei nostri (PAPY) e poi dite che va bene la BONINO. Alla faccia della coerenza.

vince50

Gio, 04/04/2013 - 10:21

Parere puramente personale,la "lobby rosa" in politica ha già fatto molti danni e quel che è peggio,continua imperterrita a farne.Sarò maschilista? può darsi,non è una pecca così come non lo è essere femminista.Ritengo che il presedente della Repubblica debba essere un uomo e che abbia quattro palle anzichè due.Abbiamo estremo bisogno di autorevolezza e il più che meritato rispetto,cosa che non hanno MAI saputo darci,è ora di smetterla definitivamente di farci rappresentare da marionette variopinte e di "colore".

Paul Vara

Gio, 04/04/2013 - 10:25

La Carfagna "smascherata" dal partito !

pinolino

Gio, 04/04/2013 - 10:25

Dopo il laico Napolitano ci vuole un cattolico, qualsiasi nome che non sia cattolico è pura fantasia. E casualmente è disponibile su piazza un "salume" che assomma qualità cattoliche e antiberlusconiane.

viento2

Gio, 04/04/2013 - 10:31

aiuto la talebana

bartholomew

Gio, 04/04/2013 - 10:31

Serve una personalità eccezionale, un uomo in grado di illuminare l'immagine dell'Italia nel mondo. Io propongo Rocco Siffredi!

Luigi Farinelli

Gio, 04/04/2013 - 10:38

Bonino? Vade retro! Frequentatrice del Bilderberg (direttorio mondiale che scavalca la volontà delle nazioni), adepta del Grande Oriente d'Italia (che allinea pure le donne), massoneria fra le più attive nella spinta alla eliminazione degli Stati Nazionali sulla via della globalizzazione forzata, a colpi di crisi economiche inventate a tavolino e veleni ultralaicisti per distruggere lo stato attuale delle cose e creare il "mondo nuovo" degli "illuminati" massoni governanti su un popolo di androgini schiavizzati: banchieri, speculatori, "filantropi", assetati di potere che pur di sfruttare i vantaggi (carriere assicurate e protezione totale) offerte dalla massoneria si sottopongono a riti neo-gnostici e luciferini. Bonino è un massone come Prodi, Draghi, Monti ...e mi fermo qui. La Bonino è ambasciatrice ONU per diffondere l'aborto libero e garantito nel mondo, inteso come "nuovo diritto": 500 milioni di esseri umani innocenti assassinati nel ventre materno per la "salute riproduttiva" della donna (8 milioni in Italia); essa stessa praticava l'aborto con le sue mani quando ancora l'aborto era considerato (giustamente) un delitto efferato, poi fatto passare convincendo la gente con cifre truffaldine riguardo le morti di donne per aborti clandestini ("gli aborti clandestini erano diecimila e noi dicemmo che erano un milione...", confessò Nathanson, uno dei più ferventi organizzatori delle campagne americane pro-aborto, oggi fervente pro-life convertito dall'evidenza, attraverso le moderne tecnologie in ginecologia del feto=essere umano formato). La Carfagna fa parte della lobby femminista del Parlamento, una rappresentante di quel genere di parlamentari, elette col voto anche degli uomini che, appena elette, il primo discorso che fanno è "sono qui per risolvere i problemi delle donne". Non di tutti i cittadini, ma delle sole donne! E basterebbe fare mente locale a quello che il cosiddetto Ministero delle "pari" Opportunità è stato capace di organizzare in chiave ideologica durante questi anni per capire come l'ideologia stia ormai dominando sulla politica. Pur essendo un simpatizzante PDL non ho alcuna stima per la Carfagna ma per la Bonino ho un'avversione profonda che nasce da quanto ormai il vero potere imposto dall'alto agisca sulle Nazioni, asfissiandole con il veleno dell'ultralaicismo (abbattimento dei principi etici e naturali) e dell'ultracapitalismo (entrambi espressione della massoneria che sta infettando il mondo).

Luigi Farinelli

Gio, 04/04/2013 - 10:40

Una cosa è certa, per quello che possa valere: se il PDL accetterà la Bonino al Colle io non gli darò più il voto. E siamo in molti a pensarla così.

moshe

Gio, 04/04/2013 - 10:40

Bonino? un salvacondotto per tutti i drogati, i delinquenti e gli extracomunitari che vogliono mettere radice in Italia!

illogic

Gio, 04/04/2013 - 10:45

Bravo, Rocco non sarebbe male, sarebbe forse anche l'unico capace di fare alla culona un bel trattamento completo...

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Gio, 04/04/2013 - 10:50

Io ,a questo punto,avrei una certa propensione per la Arcuri. Mi risparmierebbe l'assunzione di un antiemetico...E intanto continuano a girare i nomi di D'Alema, Amato, Marini e ,udite udite, Mortimer. Penso che a qualcuno si stiano mescolando i corpi cavernosi con l'encefalo.

no b.

Gio, 04/04/2013 - 11:02

Holmert: ma sei ancora convinto che vietare le droghe dia un qualche minimo risultato?? Eppure guarda quanta ne gira senza problemi. Se si legalizzasse almeno si danneggerebbe il business delle mafie, invece loro continuano a fare soldi e noi non abbiamo alcuna soluzione al problema. La storia dimostra che il proibizionismo non ha MAI funzionato!

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Gio, 04/04/2013 - 11:11

che ridere a leggervi,l'unco nome Liberale autentico e credibile fin'ora fatto per quella carica,e voi subito a dire che non vi rappresenta ,ne vi piace.Lo vedete da soli che voi di liberale non avete nulla.Complimenti alla Carfagna per una volta ha usato la bocca nella maniera più idonea al suo ruolo.Voi continuate a sostenere qualche vecchio democristiano-socialista vi è più appropriato.

Ritratto di deep purple

deep purple

Gio, 04/04/2013 - 11:32

La "scienziata" Carfagna, tempo fa non guardava ai finiani ed era in buoni rapporti con Bocchino? Ecco il perchè, ha proposto la vecchia ciabatta al quirinale. E a proposito della vecchia, come si fa a dire che è brava? E' stata nominata comissario europeo non per meriti, ma per ragioni di alleanza elettorale, inoltre, con questa sua ossessione di andare al quirinale, ha dimostrato di essere più attaccata alle poltrone che al bene del paese. Questo continuo parlare di dare spazio alle donne, francamente, mi ha rotto i testicoli. Non è il sesso che determina la bravura e il talento di una persona, infatti accanto a donne brave, ci sono donne ben più inette degli uomini. Esempio di donna inetta? Quella che ha proposto le quote rosa nei cda delle S.p.a (nient'altro che burocrazia in più per le imprese) che purtroppo era del pdl e quando un tipo ha scritto un articolo sollevando perplessità su tale legge, la signora ha replicato con una lettera piena di livore e frustrazione, ben evitando di rispondere a tali (e giuste) perplessità. Se per voi questa è una donna forte, allora siete proprio messi male.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Gio, 04/04/2013 - 11:55

Da"Libero"di oggi: "Berlusconi, la strategia: D'Alema al Colle per dividere il Pd." Per ogni ulteriore commento rileggere le ultime righe del mio post precedente.

MEFEL68

Gio, 04/04/2013 - 12:00

** no b ** Legalizzare le droghe per non farle diffondere sarebbe una resa dello Stato che non riesce a combatterle. Per analogia si potrebbero legalizzare le rapine, tanto ci sono lo stesso e nel contempo, si eviterebbero gli omicidi ad esse connessi. Abbiamo un precedente, legalizzare gli aborti, non li ha fatti diminuire. Anzi. Un'ultima cosa : "b" sta per Bersani?

Ritratto di laisa1942

laisa1942

Gio, 04/04/2013 - 12:01

ma per favoreeeeeeeeeee! si rende conto di quello che dice l'onorevole Carfagna???? ha idea di chi sia politicamente Emma Bonino? Vogliamo davvero diventare la barzelletta del mondo piu' di quanto lo siamo gia' ? droga libera, omosessualita' e cos'altro?

Ritratto di Adry74

Adry74

Gio, 04/04/2013 - 12:07

la sequenza dei commenti è istruttiva spero che la Carfagna ne prenda atto meno complicità con le lobby parlamentari ed extraparlamentari e più attenzione a quello che la base chiede altrimenti comincio a dare ragione a quelli di sinistra sulle reali motivazioni della presenza in parlamento della onorevole Carfagna...

Holmert

Gio, 04/04/2013 - 13:27

@no.bi In Veneto esiste un detto:pejo el tacon del buso.Peggio la toppa del buco. Ed è tutto dire, come il legalizzare le droghe. Se la droga gira in lungo ed in largo è colpa di questo sistema,che si è sempre avvitato intorno al problema,che ha proposto soluzioni da pannicello caldo,che ha tollerato spacciatori che la fanno franca con le leggi attuali.Se in possesso di droga da smerciare se la cavano con il dire che è ad uso personale. L'errore di fondo sta nel considerare i drogati dei poveri malati,nel compatirli e nel cercare di rieducarli,con un minimo risultato. Non è con la droga libera che si risolve il problema,ma con uno stato in grado di impedirne la diffusione. E lo stato in questo è fallimentare.Ergo,non è che dobbiamo legalizzare la droga,ma cambiare il sistema,è qui che sta il busillis. Con questa gente? Ai miei tempi,quando io ero giovane,la droga non c'era,anche perchè c'erano le leggi che erano rispettabili. Le leggi per essere rispettate devono essere rispettabili,insieme agli uomini che le fanno rispettare. Oggi non solo ci sono leggi permissive,sbracate,ma ci sono anche uomini quaquaraquà.A Napoli dicono "omme 'e merde".