Stop ai giudici col doppio stipendio

RomaDopo il quesito che propone la separazione delle carriere dei magistrati e i due sulla responsabilità civile degli stessi, il quarto referendum sul quale i radicali stanno raccogliendo le firme (dei 12 totali e dei 6 del pacchetto giustizia) riguarda un'altra anomalia tutta italiana. Vale a dire i cosiddetti «magistrati fuori ruolo». Si tratta di toghe senza toga, distaccate a Palazzo Chigi, in ministeri, ambasciate, authority. A fare il lavoro di qualcun'altro.
Si tratta di una stortura che ha almeno tre aspetti sgradevoli: prima di tutto sottrae una consistente quota di magistrati (il numero dovrebbe aggirarsi attorno ai 260, anche se non c'è una contabilità aggiornata anche a causa di una certa qual omertà) al loro lavoro principale, con conseguenze certo non positive sulle tante giacenze della tossicchiante macchina della giustizia italiana.
Più strisciante il secondo guaio: la presenza di tanti magistrati in ruoli chiave dell'alta amministrazione comporta inevitabilmente una commistione tra politica, burocrazia e magistratura, minando in modo irreparabile il totem della separazione tra i poteri. Quello stesso totem che viene invocato dai magistrati - in un classico caso di doppia morale - quando si tratta di ragionare sulla separazione delle carriere tra magistrati giudicanti e magistrati inquirenti. Questione, questa, che ha peraltro un codicillo fastidioso: buona parte dei magistrati «in affitto» infatti lavora al ministero della Giustizia, occupando poltrone spesso tra le più vicine al Guardasigilli. Ciò che solleva serissimi dubbi su possibili conflitti d'interesse. Altro slogan, questo, scandito solo quando fa comodo.
Il terzo aspetto è quello probabilmente più scandaloso, in epoca di spending review e di famiglie che faticano ad arrivare alla quarta settimana. I magistrati fuori ruolo, infatti, vivono in prima persona il fenomeno della moltiplicazione degli stipendi. Fino a qualche tempo fa questo privilegio medievale - vale a dire la possibilità di cumulare lo stipendio per il lavoro che si dovrebbe fare ma non si fa e quello per il lavoro che non si dovrebbe ma si fa - era totale. Poi il Csm in un sussulto di autovergogna ha pensato bene di limare il privilegio: oggi il magistrato fuori ruolo prende per intero la sua paghetta da toga e soltanto il 25 per cento della retribuzione spettante al ruolo effettivamente rivestito. Comunque troppo, perché anche un bambino troverebbe assurdo essere pagati in parte anche per qualcosa che non si fa.
Più volte la politica ha provato a porre rimedio a questo piccolo grande scandalo. Nel 2000 i radicali avevano sottoposto agli italiani un referendum sul tema: un successo parziale, perché i «sì» avevano ottenuto l'86,4 per cento dei voti, ma il quorum non aveva superato il 32 per cento, vanificando quindi la tornata referendaria. Nella scorsa legislatura il deputato del Pd Roberto Giachetti condusse una battaglia personale sul tema, riuscendo a inserire un emendamento al ddl anticorruzione per porre un freno alle «carriere parallele» dei magistrati grazie a un limite temporale (massimo cinque anni «in prestito»), a un limite retributivo (mai più due stipendi, anche solo parziali) e alla pubblicazione online dell'elenco e degli emolumenti delle toghe distaccate. L'emendamento Giachetti era stato approvato sia in commissione sia in aula con la sola opposizione del Pd, vale a dire il partito dello stesso Giachetti, ma è stato affossato grazie alle potenti pressioni del partito dei magistrati. Così come, qualche mese fa, è stata incredibilmente lasciata scadere - come fatto notare da Gian Antonio Stella sul Corriere della Sera - la legge delega che avrebbe dovuto mettere ordine alla materia. I magistrati fuori ruolo, le loro connivenze e i loro stipendi con il bonus possono dormire sonni tranquilli. Almeno fino alla prossima primavera, se i referendum radicali arriveranno sani e salvi alla meta e se gli italiani decideranno stavolta di andare alle urne per contribuire a rendere l'Italia un Paese un po' più normale.
(3 - continua)

Commenti

Gioa

Lun, 19/08/2013 - 09:15

Non ho mai votato per i Radicali...ma condivido questo REFERENDUM...BRAVO PANNELLA!!! Come ho condiviso il REFERENDUM sul DIVORZIO....Questi magistrati con 100MILA CARICHE e nessuno PUO' FAR NULLA COME I SINDACALISTI CHE VANNO IN PENSIONE CON DUE PENSIONE...UAN DEL LAVORO CHE AVREBBERO DOVUTO SVOLGERE IN AMBITO ISTITUZIONALE MA CHE DI FATTO HANNO SVOLTO POCO PER DARE PRIORITA' AL LAVORO DA SINDACALISTA...OLTRE CHE AVERE PIU' CARICHE CHE QUESTI DI FATTO NON POSSONO..E' NECESSARIO POSSEDERE UNA MENTE LUNGIMIRANTE....LUNGIMIRANTE...IL RISULTATO? IL LAVORO NON GLI VIENE BENE NE' PER UNO NE' PER L'ALTRO...NOI DEL POPOLO PER FAR FUZIONARE LA GIUSTIZIA SIAMO BRAVI!! GRAZIE ANCORA PANNELLA E TUTTI I TUOI SOSTENITORI!! OBIETTIVO VERO!!

roberto.morici

Lun, 19/08/2013 - 14:23

Gli è che bisognerebbe eliminare la commistione tra faccia e culo. La vedo dura; molto dura: missione pressoché impossibile...