«Stop al ticket» Il Consiglio di Stato boccia Pisapia

MilanoLa notizia a Milano arriva come una bomba. Del tutto inaspettata. Da oggi non si pagherà più Area C. Almeno fino a novembre. A fermare il ticket da 5 euro per entrare nel centro della città non sono riuscite raccolte di firme, manifestazioni, catene umane, picchetti. Ci è riuscito invece con il suo ricorso il parcheggiatore di un'autorimessa, il Mediolanum parking, che per il popolo anti Area C è diventato una sorta di eroe da consacrare. «Finalmente Milano è libera» esulta Alessandro Morelli, consigliere milanese della Lega che da mesi si batte contro il provvedimento di Pisapia a suon di banchetti e raccolta di firme.
A decretare la sospensione (per ora solo una pausa di tre mesi) è stata una sentenza del Consiglio di Stato. A dir poco clamorosa: il Tar della Lombardia solo il 3 maggio scorso aveva bocciato il ricorso presentato dall'autorimessa che contestava la decisione del Comune come un duro danno agli affari per il silos che opera in centro. Ieri il Consiglio di Stato ha rinviato la decisione nel merito a ottobre ma dall'altra ha deciso di sospendere da subito il provvedimento. Mandando la squadra di Pisapia nel pallone.
Mentre sindaco, assessori, vigili e avvocati danno inizio a riunioni fiume, il centrodestra festeggia. Perchè il referendum del Pdl fosse valido infatti bastavano duemila firme in più e quella raccolta «monca» a un passo dal traguardo aveva lasciato l'amaro in bocca a parecchi. Ora si svolta. «Finalmente c'è un giudice che riconosce il gravissimo danno economico che questo provvedimento ha già causato al mondo produttivo milanese» afferma il coordinatore cittadino del Pdl Giulio Gallera.
A festeggiare sono soprattutto i commercianti: da mesi si lamentano per il crollo degli affari, per le vie deserte e per i negozi vuoti. Si sono battuti per riuscire a far spegnere le telecamere di Area C almeno un'ora in anticipo e salvare la fascia dell'happy hour. Ma niente, solo promesse. La sentenza arriva come una manna dal cielo. «Ora speriamo di risollevare un po' gli affari. E almeno capiremo se il crollo dei consumi è colpa di Area C o unicamente della crisi». Oggi sarà la giornata dell'assestamento: in parecchi infatti pagheranno il ticket senza più doverlo fare.