Stranieri, l'Italia si sveglia e invoca un "asilo europeo"

Il ministro Pinotti vuole una sede Frontex a Roma: chiederemo alla Ue che i rifugiati non siano più obbligati a restare nel Paese di approdo

Roma - Una raffica di messaggi all'insegna dell'«avanti c'è posto». Iniziative legislative coerenti con l'impostazione delle frontiere aperte, come l'abolizione del reato di immigrazione clandestina, votata in aula dal Pd e dal Nuovo Centrodestra. I continui rilanci nella direzione dello ius soli, bandiera ideologico-buonista fatta sventolare confusamente a dispetto delle normative degli altri Paesi europei e senza tenere conto che quell'istituto viene applicato nei Paesi sottopopolati, non certo in Italia dove la densità di popolazione è elevatissima. Poi, improvvisamente, il tentativo di fare la voce grossa da parte del governo Renzi - complice probabilmente l'imminenza delle Europee - con la proposta di una «messa in comune» comunitaria dei rifugiati.

«Nel nostro semestre europeo chiederemo che Frontex abbia una sede in Italia e che si accetti l'idea che i diritti dei rifugiati includono per loro anche la possibilità di spostarsi nel Paese che vogliono. Va superata l'idea che il rifugiato debba restare nel Paese in cui sbarca la prima volta» dice il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, in un colloquio con il Mattino. Sull'argomento si sofferma anche Angelino Alfano. «Vogliamo difendere la frontiera, chiediamo una sede di Frontex in Italia e chiediamo anche che ci sia da parte dell'Europa un'assunzione di responsabilità nella difesa della frontiera del Mediterraneo». Matteo Renzi, invece, sceglie apertamente toni da campagna elettorale. «Non possiamo pensare che l'immigrazione si possa gestire mandando Borghezio al Parlamento europeo - dice il premier -, questa è la conseguenza: mandate Borghezio al Parlamento europeo e troverete un'Europa che volta le spalle. Mandate persone serie». Nel suo intervento il segretario del Pd lancia una stoccata all'Europa che davanti alla tragedia al largo di Lampedusa «pensa di dettare le regole su come si pesca il pesce e poi volta le spalle» a chi soccorre i naufraghi. «L'Europa non può pensare che il Mediterraneo sia un problema nostro. Prima di tutto c'è il valore di un popolo che non si gira davanti al dolore e noi siamo quel popolo».

Naturalmente nel mosaico impazzito delle posizioni del Pd e del governo nel suo complesso sull'immigrazione non può mancare il rilancio sullo ius soli di Cecile Kyenge, con una richiesta rivolta al premier Renzi, al quale consegna una lettera nella sede del Pd di Sassuolo, nel Modenese. «Chi nasce e cresce in Italia entri in classe il primo giorno di scuola elementare da cittadino italiano. Portiamo questa proposta alla direzione del Pd, al governo e in Parlamento. La politica ha perso troppo tempo sullo ius soli», dice l'ex ministro, ora candidata alle Europee. Questi confusi segnali arrivano a tre giorni dalla diffusione dei dati Frontex, dati che certificano come nel primo quadrimestre del 2014 il numero di stranieri che hanno raggiunto le coste italiane sia aumentato dell'823% rispetto ai primi quattro mesi del 2013: da 2700 a oltre 25 mila nuovi arrivi rilevati.

In questo contesto spezzettato, è l'europarlamentare uscente di Fratelli d'Italia, Carlo Fidanza, a spedire un «memo» al governo Renzi. «La Pinotti e con lei Alfano e Renzi sbraitano contro l'Europa ma sono stati i loro governi a firmare gli accordi di Dublino che scaricano sugli Stati di primo approdo tutto l'onere dei profughi. Servono una redistribuzione obbligatoria in tutti i Paesi Ue e soldi europei per l'accoglienza: siamo stufi di pagare per l'inerzia del centrosinistra».

Commenti
Ritratto di Zagovian

Zagovian

Dom, 18/05/2014 - 09:23

Tutte balle!Aria fitta!Quelli che "transitano" sono una minoranza.L'Italia è il loro obbiettivo.Negli altri Paesi,non trovano la stessa "accoglienza",che trovano da noi!!

Ritratto di combirio

combirio

Dom, 18/05/2014 - 09:35

Se ragionassi come la Pinottix, Alfino, e la Cecile proporrei questo programma! Toglierei subito la flotta che ci costa un salasso ogni mese in spese e pagamenti starordinari dei militari, tanto annegano lo stesso centinaia di persone. Rilancerei la Tirrenia traghetti ed istituirei una corsa fissa Tripoli / Lampedusa cordinati da Agenzie di viaggio con tariffe aggevolate.I risultati sarebbero molteplici : Oltre al guadagno della compagnia di navigazione contornata dai servizi si farebbero morire di fame gli scafisti. Da noi visto che non ci siamo ancora arrivati diventerebbe un baillamme totale, la chiesa sarebbe finalmente felice con l' arrivo di tanti poveri e disperati e ci condannerebbe presto anche noi a diventare tali. Non ultimo saremmo costretti tutti in poco tempo a diventare mussulmani perchè così vorebbe la maggioranza dei cittadini. Ma siccome non sono Pinottix, Alfini, e Cecilie mi guarderei di fare una cosa del genere. In altra puntata spiegherò i miei rimedi!

Ritratto di combirio

combirio

Dom, 18/05/2014 - 09:42

Aggiungo: tanto che fretta c'è ? Ne arrivano poche migliaia a settimana facciamo come Fonzie spostiamo tutte le decisioni a dopo le elezioni.

torodamonta

Dom, 18/05/2014 - 10:12

Troppo tardi.Anche perché in europa e nel mondo contiamo meno di zero.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Dom, 18/05/2014 - 10:17

Diarie, vitto, alloggio, sigarette e schede telefoniche. Solo un pazzo potrebbe decidere di recarsi altrove.

laura

Dom, 18/05/2014 - 10:18

Se venisse accettata la proposta (non sono convinta che succedera') forse sara' la volta buona che ci sara' un sero controllo ed una vera difesa delle frontiere. Gli altri paesi non hanno dei gonzi al governo che favoriscono l'invasione di gente che porta solo problemi sanitari, economici e sociali. Il diritto di asilo e' una truffa e i campi per i veri profughi dovrebbero essere nei paesi confinanti, non a migliaia di chilometri di distanza.

piertrim

Dom, 18/05/2014 - 11:21

Ora che ci hanno volutamente rovinati, i buonisti fingono di svegliarsi per non perdere troppi voti.

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Dom, 18/05/2014 - 11:24

PD: il partito delle pezze e delle leggi tampone!

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Dom, 18/05/2014 - 12:04

Ma quale asilo europeo questi salvatori dell'Italia mica li vorremo spartire cogli altri???? Una grande risorsa per l'Italia del lavoro ed una grande risorsa per la cultura,e voi li mandate via?? Dopo tutti i tam-tam per farli arrivare,e poi ci saranno i ricongiungimenti con familiari ai quali daremo la pensione senza aver mai versato un cent,questa è l'ITAGLIA dei grulli.

la pittima

Dom, 18/05/2014 - 12:06

Renzi che dà della persona poco seria a Borghezio... Per favore...

graffias

Dom, 18/05/2014 - 12:17

Non si può che essere pessimisti sul futuro che ci aspetta. Abbiamo un Boy scout cattolico e per giunta rosso come capo del governo, un traditore piagnucoloso come ministro dell'interno, un ministro della difesa che sembra appena sfornato da un corso per pacifisti ad oltranza, ed una ex ministro come la Kyenge che altro non è che un derivato di una cultura inferiore e per di più arrogante ,invasata e fanatica. Si potrebbe continuare ma è inutile. Ciò che dice Laura è convincente e razionale: :campi profughi ai confini degli stati interessati. Ma tutto questo , non andrebbe bene alla torma di disperati che ci sta invadendo , molto meglio stare in Italia essere accolti come "rifugiati" prendere soldi a sbafo e fregarsene di tutto il resto.

killkoms

Dom, 18/05/2014 - 12:37

ma percjhè l'unchr,invece di strapagare funzionari nullafacenti come la boldrini non aiuta quella gente dove serve?pu essendo onnipresente in africa?è paradossale che un buono a nulla,mettiamo del botswana,attraversi tutta l'africa e poi il mediterraneo per chiedere asili qui!le (pseudo)regole onu valgono per tutti!

pier47

Dom, 18/05/2014 - 13:09

buongiorno, tra una settimana si vota,a voi la matita. Ma la persona seria sarebbe lui?Il chiaccherino non eletto e pieno di balle?A voi la scelta!!! saluti

NON RASSEGNATO

Dom, 18/05/2014 - 13:10

SE la marina militare interrompesse il servizio traghetto arriverebbero meno falsi profughi. Necessario anche un corso di formazione per gli scafisti: recentemente una agenzia di viaggio di non scafati credeva che per essere traghettati in Italia fosse necessario affondare il natante. Niente di più sbagliato, l'imbarcazione va recuperata e utilizzata per altre richieste di soccorso, con relativo bunus sconto per i trasportati.

killkoms

Dom, 18/05/2014 - 18:41

@non rassegnato,quando con la libia di gheddafi fu stipulato l'accordo bilaterale per mi respingimenti,un nerovestito siculo mandò sotto processo dei membri delle forze dell'ordine per "violenza privata"!ora qualche altro grembiulone dovrebbe indgare gli imbelli di mare nostrum per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina!

Ritratto di frank60

frank60

Dom, 18/05/2014 - 19:48

.Negli altri Paesi,non trovano la stessa "accoglienza",che trovano da noi!! Come siamo fessi noi.....

Ritratto di frank60

frank60

Dom, 18/05/2014 - 19:52

tra una settimana si vota...meditate gente meditate....

killkoms

Dom, 18/05/2014 - 21:43

@frank60,abbiamo avuto la sfiga di avere sia il vaticano che i "derivati" del più potente partito comunista dell'europa occidentale..!