Su Emanuela Orlandiora spunta una pistache porta agli Stati Uniti

Nel settembre 1983 una lettera annunciava la morte della ragazza: fu spedita dallo stesso ufficio postale di Boston che anni più tardi veniva usato da un gruppo di preti pedofili

Nuovo capitolo nel giallo sulla scomparsa di Emanuela Orlandi, la giovane rapita il 27 giugno 1983: spunta la pista dei preti pedofili di Boston. Lo scrive il Corriere della sera, facendo riferimento a una lettera che annunciava l'uccisione della ragazza. La missiva sarebbe partita da Kenmore Station, nel centro di Boston: lo si evince da un timbro e da un fermo posta.  "C’è un filo robusto - si legge nel giornale di via Solferino - che lega la scomparsa di Emanuela Orlandi e Mirella Gregori allo scandalo dei preti pedofili a Boston. Una vicenda che nel 2002 sconvolse la Chiesa cattolica, lasciò sgomenti milioni di fedeli americani per i sistematici abusi su minori coperti dai vertici ecclesiastici e portò alle dimissioni dell’arcivescovo Bernard Francis Law, poi tornato a Roma nel 2005 in qualità di arciprete della basilica di Santa Maria Maggiore".

Timbro e fermo posta

Il timbro della lettera che annunciava l'uccisione della Orlandi risale alle prime rivendicazioni dell’affaire Orlandi-Gregori, il fermo posta", invece, fu usato dall’associazione pedofila Nambla (North American Man Boy Lover Association) ed è emerso 19 anni dopo.

La pista americana

Nel luglio 1983 Giovanni Paolo II era appena rientrato dai viaggi in Polonia. Il 3 luglio, durante la preghiera dell'Angelus, dice: "Sono vicino alla famiglia Orlandi". Due giorni dopo in Vaticano arriva una strana telefonata, attribuita a un personaggio che poi verrà definito l'amerikano (per l'accento). Questa la richiesta: se rivolete la ragazza rilasciate Ali Agca. Seguono altre telefonate (sempre a luglio) poi cala il silenzio. Il 4 settembre l'amerikano torna a farsi vivo: in un furgone della Rai viene trovato un messaggio scritto a penna e uno spartito musicale appartenente a Emanuela. Pochi giorni e al bar dei genitori di Mirella Gregori (l'altra ragazza misteriosamente scomparsa) arriva una telefonata: una voce fa un preciso elenco dei vestiti della ragazza e la marca della biancheria intima. Il 23 settembre a un giornalista della Cbs corrispondente da Roma, Richard Roth, arriva una lettera che preannuncia che la ragazza sta per essere uccisa. In seguito una perizia grafologica accerta che i messaggi sono stati vergati dalla stessa mano. E sull'ultima busta, quella recapitata al giornalista, c'è il timbro postale di Kenmore (Boston).

I pedofili di Boston

Qual è il legame tra l'ufficio postale di Kenmore (Boston) e i pedofili? Per saperlo bisogna andare indietro al gennaio 2002, quando scoppia lo scandalo dei preti pedofili della città del Massachusetts. Il cardinale Law, accusato di aver coperto alcuni sacerdoti pedofili, è costretto a dimettersi. Durante il processo viene fuori l'esistenza di un gruppo di pedofili, Nambla, per contattare il quale si può scrivere a questo indirizzo: Fag Rag, Box Poi spiega che Fag Rag significa "giornalaccio omosessuale" che fa proseliti per conto dei pedofili. E' solo una coincidenza? Il mistero si infittisce. 

 

 

Commenti

eglanthyne

Lun, 04/06/2012 - 12:30

Uno strazio infinito quello delle famiglie Gregori e Orlandi .

Ritratto di falso96

falso96

Lun, 04/06/2012 - 12:34

PRETOFILIA !!!! 1.000.000 di pretofili in tutto il mondo!!! Chissà ... se anche questo verrà cestinato come gli altri da Lusi ai papi............. il censore ha affilato le forbici ... solo ciò che piace , solo ciò che piace al tuo padrone!!!! Schiavi!!!!

Ritratto di marforio

marforio

Lun, 04/06/2012 - 12:45

E purtroppo rimarra mistero come tutti i casi di sparizioni e omicidi in questa bella Italia.Di misteri ne e piena.Coma fa ad avere un presidente comunista, come fa a farsi succhiare soldi e sangue dai suoi parlamentari, ne potrei infinitamente scrivere pagine per elencare i nostri misteri.

Sapere Aude

Lun, 04/06/2012 - 12:54

Coincidenza per dimostrare che cosà? Che chi ha ucciso le ragazze è una organizzazione di pedofili che voleva liberare l’attentatore del papa? A che serve un articolo che sulla coincidenza di un ufficio postale ci disegna su una ipotesi sulla quale altri dovrebbero indagare? O portate dati meno aleatori e ci confezionate su una storia meno cervellotica o scrivete un giallo a puntate dando sfogo all’immaginazione con l’avvertenza al lettore che l’avete sognato – così sareste più credibili o divertireste di più chi ama il genere ‘noir’. Che sia cronaca giornalistica la vostra ho seri dubbi.

Paolo_52

Lun, 04/06/2012 - 13:41

@Sapere Aude ... ma hai capito che l'ipotesi e' stata avanzata dal Corriere ("Lo scrive il Corriere della sera, facendo riferimento a una lettera che annunciava l'uccisione della ragazza") ????

agostino.vaccara

Lun, 04/06/2012 - 13:44

#4,sapereaude. Egregio lettore, le faccio notare che questo "cervellotico" articolo è riportato dal Corrierino della sera, cosa che spesso fanno tutti i giornali( non riportare dal corrierino ma riportare notizie da un giornale all'altro). Dico ipotesi cervellotica perchè per niente reale. Infatti che il rapimento della Orlandi sia imputabile a pedofili è del tutto inconsistente. Per i pedofili una ragazzina di oltre 15 anni è del tutto poco "appetibile", sono quelle o quelli al di sotto dei 10 anni che sconvolgono le loro menti malate!

agostino.vaccara

Lun, 04/06/2012 - 13:50

#2,falso96. Egregio lettore, lei , oltre ad essere "falso" è anche molto malato( di mente). Si faccia visitare da un bravo psicanalista, di quelli bravi sul serio, temo che ne abbia bisogno immediato!!!!

Luigi Fassone

Lun, 04/06/2012 - 14:33

Sentite à mmè , affidatevi,per la soluzione del caso,alla Sciarelli,la peperina della RAi sa già tutto su questa sparizione.. Inutile stare a sofisticare sui preti pedofili,che vengono tirati sempre in ballo,non dovevano esserci anche le povere ossa della povera ragazza in quella tomba,in quella Chiesa ?...

tzilighelta

Lun, 04/06/2012 - 14:56

Una minkiata per confondere le acque! Che cavolo centrano i pedofili di Boston con due ragazzine 17enni! Boh! Io per non sbagliare li avrei arrestati tutti! pedofili o semplici pretacchioni! Solo per il fatto di non aver mai aiutato le indagini non meritano nessuna clemenza!

linoalo1

Lun, 04/06/2012 - 16:00

Dopo venti anni e nessun indagato,non sarebbe ora di chiudere?O bisogna per forza trovare un colpevole per chi ancora si ricorda?Io mi rifaccio spesso al proverbio'acqua passata non macina piu!'Anche se ,oggi, trovi il colpevole,ammesso che sia ancora vivo, cosa gli fai?Lino.

niklaus

Lun, 04/06/2012 - 16:08

Se non fosse per il rispetto per la povera vittima, ci sarebbe da indire un appassionante concorso internazionale per la spiegazione del caso. Stando a quanto dite voi giornalisti, ci sarebbero coinvolti il Papa e il Vaticano, i servizi segreti di almeno quattro nazioni (TK, BG, DDR, USA), terroristi turchi di destra e agenti comunisti, malavitosi romani, preti pedofili americani, Solidarnosc, il prete di sant'Apollinare, la Mafia, lo IOR di Marcinkus, Calvi e il Banco Ambrosiano e perfino la ditta di cosmetici Avon. Mancano solo Arcore con Emilio Fede e Silvio Berlusconi (ma anche su di loro si potrebbe indagare). Il premio andrebbe a chi riuscisse a spiegare perché la ragazza è stata rapita e a mettere in piedi una storia credibile legando tutti gli indagati con un filo logico.

SandroST

Lun, 04/06/2012 - 16:34

e basta con stid epistaggi, la verità chi la sa, la dica! Ma poi scusate secondo voi i pedofili di Boston avrebbero bisono di rapire due tragazzine a Roma? non ce sono ragazzette a Boston?

ritardo53

Lun, 04/06/2012 - 16:43

A questo capitolo vorrei aggiungere una mia personale opinione: A me sa tanto che in questo fattaccio ci entrino, lo IOR, Roberto Calvi, Marcinkus, ed i soldi che De Pedis avrebbe affidato a questi personaggi. Ma De Pedis vedendo sfumare il frutto delle sue rapine abbia deciso di procedere coi sequestri delle due ragazze da usare come merce di scambio cercando di ricattare Marcinkus per ottenere i soldi indietro, e che quell´ultimo prete ora inquisito abbia fatto da collante nella vicenda con delle promesse per mantenere il silenzio. Certo sembra fantascienza, ma valutiamo i fatti, se i soldi per un verso o per un altro siano andati all´AntonVeneta per sfuggire al controllo dello IOR. Cosa avrebbe potuto fare Marcinkus per evitare lo scandalo? UCCIDERE, UCCIDERE.

Ritratto di stenos

stenos

Lun, 04/06/2012 - 17:46

Poveretta, sparita da viva, massacrata probabilmente da morta. Ha avuto la sfortuna di nascere nella repubblica democratica fondata sulla resistenza dove non viene mai risolto un tubo. Ogni tre giorni ne salta fuori una diversa.

Ritratto di xulxul

xulxul

Lun, 04/06/2012 - 18:35

Il massonico corrierino osa dove neanche un fesso come dan brown aveva tentato. Pur di attaccare la Chiesa (e lo si deve fare quando si hanno gli argomenti), non ci si ferma neanche davanti al rischio del ridicolo, sostenedo l'ennesima demenziale ipotesi. Avere l'umiltà (ahimè) di scrivere sul fascicolo la parola "archiviazione" costa così tanto? Sarà un altro caso, tra i tanti (Cesaroni, Poggi....), che la nostra "indipendente" magistratura non è riuscita a risolvere. Più che di depistaggi, sarebbe meglio parlare di mediocrità.

Raoul Pontalti

Lun, 04/06/2012 - 21:53

agostino.vaccara: la Tua competenza in materia di gusti dei pedofili mi appare francamente sospetta...E comunque non puoi negare come la pista dei pedofili americani sia plausibile e logica, specie dopo che si sono ammesse come credibili le farneticazioni di femmina con il cervello devastato dalla droga che ha affermato pro veritate di aver visto gettare nella spazzatura il cadavere di persona morta solo dieci anni più tardi per cui si è rovistato nella tomba di un fu boss della Magliana. Non è nella Chiesa che si annidano i pedofili? e non proprio in quella americana che se ne sono trovati di più?Ergo è lì che si deve cercare passando per la tomba del cardinal Poletti innanzitutto poi per quella del cardinal Marcinkus che sicuramente violentò la ragazza e sui cui resti si potranno trovare tracce di genoma femminile. E poi bisogna perquisire tutti i cimiteri annessi a conventi e monasteri femminili e le celle delle badesse e delle superiore (notoriamente fornicatrici) per cercare prove

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mar, 05/06/2012 - 01:42

In Italia da quando le inchieste su fatti di sangue e delitti vari sono state tolte alla polizia e passate ai pm, sono diventate croniche. Cominciano e non finiscono più. Ma che bella giustizia abbiamo. Poi li senti concionare sul diritto romano ha fatto scuola in tutto il mondo. Si, gli altri l'hanno imparato e qui in Italia l'hanno dimenticato.

Ritratto di marforio

marforio

Mar, 05/06/2012 - 08:44

Sara fuori posto , ma oltre alla Orlandi anni fa , adesso e sparito Alenovelli. Chi l´ha visto , si richiedono sue notizie.