Su Indymedia esultano per il manager gambizzato

Indymedia si rallegrano per l'attentato contro Adinolfi e quello contro il consigliere comunale di Torino. La Cancellieri: "Per il caso Adinolfi si seguono tre piste"

Su internet spunta un comunicato inquietante che riporta indietro le lancette della storia. I Gap (Gruppi armati proletari), una sigla che fa riferimento al mondo dell'eversione di matrice comunista, si rallegrano per due attentati: quello di lunedi scorso, contro Roberto Adinolfi, il manager dell'Ansaldo Nucleare gambizzato Genova, e quello contro il consigliere comunale di Torino, Alberto Musy, colpito il 21 marzo scorso. Il testo non è una vera e propria rivendicazione, ma esalta i due gravissimi episodi di violenza: un "commento politico" farneticante che è già all’attenzione degli inquirenti.

Il comunicato è comparso nella sezione Piemonte del portale Indymedia. E' stato pubblicato online lunedi scorso alle ore 18. Il titolo della rivendicazione è inquietante: "Contro la violenza dei padroni... violenza rivoluzionaria". Nel documento si fa esplicito riferimento al tentativo di organizzare un partito rivoluzionario. L'obiettivo declamato è la "difesa del proletariato" da attuare con le armi e la violenza.

"Non piangiamo - si legge - gli sfruttatori e i loro servi, anzi, ci rallegriamo che lor signori non si sentano più così tanto protetti come in questi ultimi tempi! Lavoriamo per l’organizzazione di un partito rivoluzionario che sappia anche orientare all’autodifesa del proletariato!".

La crisi economica e lo sfruttamento

"La borghesia imperialista - si legge testo - vuole fare pagare la crisi del proprio sistema alle masse popolari. I membri della borghesia, stretti nel vortice della crisi del sistema, rendono sempre più evidente il loro volto sfruttatore e sanguinario costringendo i membri delle classi delle masse popolari ad una esistenza di stenti e di patimenti, di lacrime e sangue, di carcerazioni e di morte. Lo scopo di queste angherie e di queste brutalità alle quali il proletariato dovrebbe soggiogare, è quello di mantenere il loro tenore di vita di vizi e di sfarzo, di opulenza e di ricchezza".

Contro i servi della politica

Sprezzante l'affondo contro le istituzioni democratiche e i loro rappresentanti: "Per fare questo (mantenere tenore di vita e i privilegi, ndr) i membri della borghesia utilizzano i loro scagnozzi della politica i quali determinano leggi infami per fare pagare la crisi ai ceti meno abbienti, proletari, operai, pensionati, sino a colpire anche i portatori di handicap. Per fare valere queste impostazioni e renderle operative, il pugno di ricchi sfondati parassiti, deve avvalersi dei propri servi della politica, dell’avvocatura, delle forze dell’ordine e della magistratura i quali hanno il compito di utilizzare tutte le regole del gioco dei padroni contro il popolo e in particolare contro tutti coloro che non hanno intenzione di abbassare la testa e si organizzano per combattere".

L'attacco al governo tecnico

Non manca un'analisi dell'attuale situazione politica, con un chiaro riferimento al governo Monti e all'appoggio bipartisan in parlamento: "La crisi economica produce anche crisi politica che in questi mesi, un così detto “governo tecnico”, appoggiato sia dalla sinistra che dalla destra istituzionale, sta cercando di affrontare con forzature che mai sarebbero riuscite ad una democrazia di carattere parlamentare come dovrebbe essere quella del nostro Paese. Un governo che nessuno ha votato e per l’instaurazione del quale i politicanti, sia di destra che di sinistra, non hanno domandato nessun parere alla loro base, ai loro iscritti e ai loro elettori".

La critica alla finta democrazia

"Non che in altre occasioni - si legge ancora nel comunicato - si svolgessero democratiche consultazioni popolari, (perché questa democrazia si è sempre basata sull’imbroglio ed il raggiro) ma almeno cercava, in una maniera o nell’altra, più o meno goffamente, di mantenere la sua facciata". "La crisi del sistema dei padroni, ha fatto in modo che cadesse anche questa maschera ed oggi chiunque può, senza rischiare di essere smentito, gridare alla dittatura e al fascismo".

Contro le forze dell'ordine

Si fa un esplicito riferimento anche ai servitori dello Stato chiamati a difendere l'ordine costituito. Vengono presi di mira e criticati, oggi più di ieri, perché "professionisti". "Poliziotti, carabinieri, guardia di finanza e esercito (oggi di carattere professionale e quindi privo delle basilari motivazioni di classe che guidavano alcuni militari durante il periodo di “Naia”obbligatoria) si danno un gran da fare nelle piazze e nelle strade per tentare di soffocare il dissenso utilizzando quello che da sempre sanno adoperare meglio: la brutale violenza, l’intimidazione, il carcere e la tortura".

"Musy, difensore dei banchieri..."

"Mentre questi zelanti servi armati danno prova della loro fedeltà ai loro padroni, altri servi di adoperano per lo stesso scopo magari dai banchi di un tribunale del lavoro, come nel caso dell’assessore Musy (in realtà Musy è consigliere comunale, ndr) nonché avvocato consulente e difensore dei banchieri nelle vertenze di mobbing. Nella città della FIAT e delle vittime della Thyssen Krupp, un assessore dell'UDC, avvocato difensore degli intrallazzatori e degli speculatori, è stato preso di mira e colpito da 6 colpi di revolver. Da più parti della politica e degli organi inquirenti ci si stracciava le vesti per evitare che questo atto di giustizia (al di la di chi lo avrebbe commesso) fosse attribuito ad organizzazioni politiche rivoluzionarie perché questo avrebbe potuto fare scattare gesti emulativi o rinnovata fiducia nella possibilità che la lotta armata contro i parassiti potesse riprendere".

L'attaco ai giornalisti

"Tenere nascosta la vera attività di Musy - si legge su Indymedia - è stato il giochetto dei cani da guardia della borghesia. Un giochetto che però, malgrado non ci siano state rivendicazioni da parte di gruppi rivoluzionari, ha le gambe cortissime, soprattutto se a farlo sono gli stessi che, ad ogni piè sospinto, utilizzano la parola terrorismo per denigrare i movimenti operai o popolari che lottano duramente contro lo sfruttamento e le speculazioni".

La gambizzazione di Adinolfi a Genova

La parte finale del documento fa riferimento all'ultimo attentato terroristico: "Oggi 7 maggio 2012, un altro infame rappresentante del capitalismo è stato gambizzato a Genova! La violenza che un pugno di parassiti perpetua contro la classe operaia e le masse popolari inizia a riversarsi contro chi di questa violenza ne ha fatto la sua arma di difesa e di controrivoluzione preventiva".

"Ma ai padroni verrà tolto il monopolio della violenza che si trasformerà in giustizia proletaria ai fini della rivoluzione. Non piangiamo quindi gli sfruttatori e i loro servi, anzi, ci rallegriamo che lor signori non si sentano più così tanto protetti come in questi ultimi tempi! Lavoriamo per l’organizzazione di un partito rivoluzionario che sappia anche orientare all’autodifesa del proletariato!". Il testo si chiude con quella firma inquietante, Gap, su cui gli inquirenti stanno indagando. Gli investigatori non parlano di rivendicazione. Resta il fatto che qualcuno sta cercando di mestare nel torbido cavalcando il malcontento sociale. Un disegno criminale da non sottovalutare. 

Le indagini degli inquirenti

"Stiamo valutando il contenuto del comunicato dei Gap pubblicato su Indymedia", ha detto il procuratore aggiunto di Genova Nicola Piacente. La procura vuole prima di tutto appurare se la pubblicazione della nota sia avvenuta il 7 maggio oppure solo nelle ultime ore. La procura sta acquisendo due volantini firmati Br e inviati ad Ansaldo Energia nel 2010. Erano stati sequestrati tempo dalla Digos e successivamente archiviati. Oggi alcuni dettagli potrebbero risultare importanti per lo sviluppo delle indagini.

Il ministro Cancellieri: tre piste

La gambizzazione dell’ad di Ansaldo Nucleare "non è stata finora rivendicata e non risulta che la vittima abbia ricevuto minacce", ha detto alla Camera il ministro dell’Interno, Annamaria Cancellieri. Sul ferimento di Adinolfi "al momento, vengono valutate tre piste - dice la Cancellieri - quella vetero-brigatista, quella anarco-insurrezionalista, quella commerciale... Non sono mancati in passato episodi intimidatori ascrivibili a soggetti dell’area marxista-leninista, in cui ricorrono elementi di affinità ed analogia operativa con l’attentato di lunedì, ad esempio il ricorso a pallottole calibro 7.62 Tokarev". Per quanto riguarda la seconda pista, la responsabile del Viminale ha ricordato che "la tematica antinucleare ha sempre rivestito specifico interesse per i gruppi di matrice anarco-insurrezionalista".

"Quanto alla terza pista - ha concluso il ministro dell’Interno - si è accertato che l’Ansaldo Nucleare ha recentemente sviluppato la propria attività nell’area dell’Est europeo. In quest’ottica, non si può escludere che l’espansione commerciale della società sui nuovi mercati possa aver prodotto reazioni di natura violenta verso l’amministratore delegato. Tale eventualità potrebbe trovare riscontro nell’uso della pistola Tokarev, diffusa negli ambienti criminali dell’Est Europa".

Commenti
Ritratto di Alberto43

Alberto43

Mer, 09/05/2012 - 10:31

Ecco ci risiamo si è aperto di nuovo il fronte del terrorismo, non bastavano tutti i problemi del momento...e qui non si tratta di statuette del duomo lanciate dal solito demente!

bosco43

Mer, 09/05/2012 - 10:49

Era prevedibile che prima o poi ,la corda si spezzasse!!!

migrante

Mer, 09/05/2012 - 10:58

qualora la redazione pubblichi il mio precedente commento spere pubblichi anche questo dandomi modo di rettifcare un madornale errore commesso....ho dimenticato di specificare che del comunicato trovo condivisibile, a grandi linee, l'analisi politico-sociale, ma non certo i "rallegramenti" per quanto accaduto a Musy e Adinolfi, fatti che considero vili attentati che nessuno Stato di diritto puo` tollerare e che nessuna societa`civile puo`giustificare

mv1297

Mer, 09/05/2012 - 11:09

Quando il potere politico e massonico si sente in pericolo (dal risultato delle elezioni amministrative), la strategia del terrore esce in modo pressoché perfetto nella tempistica. Mi dispiace dirlo ma mi vergogno di essere italiano. Paese di mer.da! Appena posso me ne vado da questo schifo!.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mer, 09/05/2012 - 11:11

Era solo questione di tempo. Quello che tutti, tranne forse gli spocchiosi membri di questo governo, si aspettavano è accaduto. Monti, Fornero e gli altri sono riusciti nell'impresa di far risorgere i fantasmi degli anni 70. Ed ora si aprono scenari davvero inquietanti per il futuro. Un sentito ringraziamento a chi dall'alto del Colle ha creato i presupposti per questa futuribile sarabanda.

Ritratto di thewall

thewall

Mer, 09/05/2012 - 11:12

Stiamo seguendo a distanza la grecia.... si parte dagli attentati e poi, quando la Germania (e quindi l'Europa) ci obbligheranno ad altri tagli, ci saranno rivolte popolari. Forse è il caso di Mandare a casa Monti e anticipare tutti uscendo dall'euro. In 2-3 anni ci riprendiamo e ripristiniamo la nostra sovranità monetaria. Rivoglio la lira!!!

kkkkkarlo

Mer, 09/05/2012 - 11:16

seminato vento: raccolta tempesta!

mrwatson52

Mer, 09/05/2012 - 11:17

Se effettivamente si tratta di un rigurgito del terrorismo la cosa non mi stupisce affatto. Anzi aggiungo di aver da tempo temuto e pensato ad un ritorno della violenza che secondo me è sempre inutile e deprecabile tuttavia è mia convinzione che si tratta dell'altra faccia del lungo elenco di suicidi. D'altronde le persone in crisi si possono distinguere in chi subisce con cristiana rassegnazione e in chi reagisce in maniera sproporzionata ma sicuramente più incisiva. E' la forza che subentra alla ragione dopo che la stessa ragione non ha trovato adeguato spazio.

_Classe_66

Mer, 09/05/2012 - 11:16

Passano gli anni e i secoli ma la madre dei cr**ini continua a partiorire.

analistadistrada1950

Mer, 09/05/2012 - 11:26

Ogni commento in un tema così delicato è inutile in sè, non sapendo esattamente la provenienza di questo inizio di possibile ondata che, ci si auspica, sia fermata sul nascere, inizialmente discutendone agli altissimi livelli del mondo politico ma non sul come difendersi o come ricercare i colpevoli, a quello esistono già adeguate strutture. Si tratta di capire la ragione di un salto così significativo senza manifestazioni di piazza anche ripetute. Azioni di questo tipo possono essere scatenate per far comprendere il livello di disapprovazione di certe scelte politiche e/o mille altre ragioni. Ovvio che la condanna, di fronte allo spargimento di sangue è unanime e condivisa, ma è indispensabile capire profondamente le ragioni di tali azioni e le rivendicazioni che, sovente, non esprimono, nell'immediato, le motivazioni ma, occore un'analisi politica, anche comparata con fatti storici, unita all'ascolto; Di Pietro disse: attenzione che qui ci scappa il morto. Poi accusò direttamente Mon

albertohis

Mer, 09/05/2012 - 11:34

Ecco le forze centripete in azione: attentato ritualisticamente attuato in un giorno di elezioni dove i partiti tradizionali al collare dei plutocrati crollano e si intravede qualcosa di nuovo. Come negli ultimi decenni del secolo scorso il terrorismo fa la sua comparsa per stabilizzare una situazione che rischia di scivolar via (anche se siamo ben lungi da un cambiamento epocale).

Boxster65

Mer, 09/05/2012 - 11:51

Si fosse trattato di uno dei politici di rilievo nazionale, diciamo di quelli che infestano della loro sgradevole presenza i programmi di approfondimento ed i TG delle reti nazionali, avrei gioito, e molto, pure io!! Lo confesso.

Gaza1960

Mer, 09/05/2012 - 11:52

Basta che vadano a far visita ai centri sociali di genova e troveranno sicuramente il tipo alto, occhi neri e capelli lunghi. Nella mia zona c'è un piccolo centro sociale e sono tutto il giorno a fumare, bere e cazzeggiare. Come fanno a trovare i soldi per vivere ????

motomec74

Mer, 09/05/2012 - 11:50

ma, non so. in sardegna è all'ordine del giorno tra allevatori spararsi per uccidersi, per furti di bestiame , o per problemi coniugali, eppure solo i giornali locali pubblicano articoli. se fosse "il giornale" o altri giornali vari a parlarne si tratterebbe di mala sarda,capito cosa voglio dire? non abbiamo mica il terrorismo dietro, semplicemente anche se molto drammaticamente si tratta di un barbaro regolamento di conti. prima di parlare di terrorismo bisognerebbe porsi almeno il dubbio, e non dare la certezza sui giornali come fosse oro colato. anche perchè con lo schifo dei politicanti che abbiamo nulla di strano che pagano una sorta di sicario per mandarci nel pallone e farci vivere nel terrore.per ipotesi parlando ovviamente.

AIbert1

Mer, 09/05/2012 - 11:53

siete incredibili.. fate una prima pagina per le parole scritte su un sito assolutamente incrontrollato sul quale chiunque potrebbe scriverci la qualunque (vengono giustamente bannati solo gli inneggiamenti fascio/nazi). ma se volete argomenti che "tirano" perchè non ci parlate della minetti nuda che bacia la punta del priapo e si guadagna il posto in regione?

Tany

Mer, 09/05/2012 - 11:55

No, mai e poi mai condividerò la violenza, in nessun caso, verso nessuno.

migrante

Mer, 09/05/2012 - 12:02

#3 migrante...cavolo !...e`passato il post di rettifca, ma non quello principale..ecco...adesso magari passo pure per bolscevico !!!

Otaner

Mer, 09/05/2012 - 12:03

Mi addolora profondamento che si ritorni a vivere i giorni tragici in cui le BR uccisero tanti servitori del nostro Stato. Mi addolora che siano state prese di mira anche le forze dell'ordine, i cui componenti sono autentici figli del popolo e difendono la libertà. Ho un sogno nel mio cuore. Vorrei che tutto il popolo italiano ritrovasse la via della fratellanza e dell'amore che sono i presupposti per poter vivere, in pace, su questa terra col giusto lavoro, il solo che dà benessere a tutta la collettività.

giuseppe.galiano

Mer, 09/05/2012 - 12:04

Eccoli qua, chi esulta? fra ***** da Velletri? no, indimedia che a quanto pare è conosciuta ed apprezzata da molti estimatori. E le forze, così dette, dell'ordine? Nisba. CC, Polizia, GdF, Servizi più o meno segreti, non sanno nulla. Ma sapete messi assieme quanti sono? quanto un esercito dei vecchi tempi. Che vogliamo fare? non lo mettiamo a costoro il pepe sulla coda?

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mer, 09/05/2012 - 12:24

Subito spazzare via questa sinistra anarcoide. Tabula rasa.

claudiocodecasa

Mer, 09/05/2012 - 12:28

la colpa maggiore è di chi manovra.....questa è gente persa, senza futuro, frustrati, falliti e psicolabili, facili preda degli estremismi, li mettono insieme come i polli, gli raccontano quattro ******ate per caricarli e farli andare dove gli fà comodo,loro si sentono rivoluzionari, ma sono destinati ad essere schiavi tutta la vita

spinoza1

Mer, 09/05/2012 - 12:40

A parte i "fantastici detective"...che mettono nel calderone degli indizi dei post in un forum anonimo,visto che avvalorano la vostra ipotesi...voi del "IL GIORNALE"...dovreste indirizzare le forze dell'ordine con prove probanti come queste......non una parola delle dichiarazioni di LaVitola dul milione di Euro dato da Berlsuconi per comprarsi la commissione Difesa??

PierPierPiero

Mer, 09/05/2012 - 12:39

e allora? continuate a far finta di non capire (almeno lo spero che facciate finta) che Indymedia non rappresenta nessuno, visto che è una piattaforma libera in cui chiunque può scrivere ciò che vuole senza filtri. Il vostro sito è pieno di commenti di gente che augura la morte a chiunque non la pensa come il capo, ed è pure moderato!!

agostino.vaccara

Mer, 09/05/2012 - 12:39

Togliendo qualche cosa, questo comunicato sembra scritto direttamente dalla signora camusso!!!

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Mer, 09/05/2012 - 12:43

va benissimo cosi'. i comunisti col loro atteggiamento forniranno sufficienti ragioni per essere sterminati dalle prossime generazioni.

scott

Mer, 09/05/2012 - 12:45

Non vedo altrettanta preoccupazione per le mafie. Eppure le mafie sono dovunque e uccidono molto più di 4 sfigati che si definiscono BR.

voce.nel.deserto

Mer, 09/05/2012 - 12:53

Hanno poco da esultare Bersani,Vendola e gli altri guru di siffatta sinistra dal cui ventre in decomposizione riemergono i mostri nazicomunisti dei Gruppi Armati Proletari (GAP). Intanto oggi uno di loro,Cevenini,lasciato indietro senza veri amici,secondo il loro barbaro costume,si è suicidato da una torre della Regione emiliana. Una orrenda sconfitta umana,politica .morale.Il Partito Democratico farebbe bene a dissolversi prima di essere messo fuori legge siccome in contrasto con i valori di una repubblica pacifica e democratica. Gli organi dello stato? Eccessiva prudenza? Lasciamoli lavorare.Tuttavia l'eccesso di prudenza può giovare al radicarsi della mala pianta del terrorismo che va estirpata da subito anche mettendo fuori legge i partiti estremi della sinistra,terreno di coltura di ogni degenerazione sociale.

petra

Mer, 09/05/2012 - 12:53

A questi mentecatti bisognerebbe far notare che sono piu' gli imprenditori che attualmente si suicidano perchè stroncati dalle tasse piuttosto che gli operai. Alle imprese non resta che fuggire all'estero per salvarsi!

Ritratto di marforio

marforio

Mer, 09/05/2012 - 12:57

FIGLI sempre di un utero comunista.Cosi negli anni del dopoguerra , negli anni 60, 70 ,80, 90 e´ ancora nel terzo millennio. In pratica i nipoti di un presidente che risiede li dove la maggioranza del popolo non lo ha votato e mai lo votera.Questo virus e difficile da eliminare, e piu virulento del colera,vaiolo,peste, aids,ed epatite messi insieme.D´altronde di esaltati a parole ne e´pieno anche il giornale.

megliosolo

Mer, 09/05/2012 - 13:04

Secondo il mio parere voi del giornale state facendo il gioco di chi ha architettato questo piano e il ferimento dell'inconsapevole l'agnello sacrificale.Sul web si scrive di tutto e di più e non sono parole del Vangelo.Questa non è una tecnica dei terrorista per vari fattori,!° Per dimostrare la loro riorganizzazione avrebbero fatto una azione più eclatante,verso un personaggio di primissimo piano.2° ripeto:la storia insegna che pochi miracolati sopravvivevano e la loro ferocia e non miravano alle ginocchia.In molti hanno paura di perdere il potere con vento dell'antipolitica e a pensare male spesso si indovina.Forse la mente degli esecutori và cercati non nei centri sociali ma nei palazzi da bene.Ma quali terroristi questi sono pelliccioni

Ritratto di marforio

marforio

Mer, 09/05/2012 - 13:01

xotaner- Non si puo convivere con chi giornalmente semina vento e purtroppo odio civile. Specialmente il popolo comunista italiano si differenza da tutti i comunisti mondiali. Anche in russia si cimentano tramite parlamento , ma da noi predicano e lasciano i cani sciolti e , in parlamento si abbuffano di ogni possibilita per poter scroccare soldi al popolo sovrano.

anatolico

Mer, 09/05/2012 - 13:08

Non mi convince.Proprio nel mezzo delle elezioni che sanciscono la definitiva sparizione del pdl e della lega un attentato comunista? ???? Mi è poco chiaro .Andate a cercare tra quelli di via dei Georgofili .Forse qualcosa troverete .

Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 09/05/2012 - 13:11

C'è chi esulta su Indymedia e c'è chi esulta in riserbo, magari nelle sezioni del Pd.

rodino

Mer, 09/05/2012 - 13:29

Caro Giorgino, se lo stato non si fa intimidire dal terrorismo gli italiani onesti e lavoratori non si lasceranno spezzare la schiena da uno stato come questo. Se continuerete a governare in questo modo questo è solo l'inizio.

Ritratto di scorpion12

scorpion12

Mer, 09/05/2012 - 13:29

Questa si che è una notizia! Oggi capiamo che questo è il problema principale dell'Italia..che pena.

gianni marchetti

Mer, 09/05/2012 - 13:39

Dal mio punto di vista negli ultimi anni l'odio è stato seminato più da quanti consideravano i giudici dei delinquenti sporchi comunisti che non da questi imbecilli che stanno riaffiorando adesso. L'odio non si semina mai ed è grave non riconoscere di averlo seminato per anni. Fate tutti un bel mea culpa se volete essere credibili oggi.

Ritratto di mauro santinelli

mauro santinelli

Mer, 09/05/2012 - 13:47

Ma il punto vero è ki è lo stato. Xkè se lo stato sono i politici forse Napolitano nn ha capito niente o è malato di alzaimer. Il POPOLO ITALIANO è lo stato, e fino a prova contraria i veri brigatisti sono i politici ke anke davanti alla disfatta e all' allontanamento rikiesto da parte del popolo con le votazioni continuano a fare i LORO AFFARI lasciando morire o facendo suicidare la gente senza battere ciglio, o come ha fatto Monti a far ricadere le colpe su alti, ma lui fino a 3/4 anni fa dove era nella foresta amazzonica o faceva parte anke lui della Finanza mondiale? Certo sembrerebbe una bestemmia vedere le cose sotto questo punto di vista. Ma vi faccio un esempio, x semplificare: se nel secondo conflitto avessero vinto i fascisti i partigiani sarebbero stati apostrofati come delinquenti e nn come eroi. Quindi dipende dagli sviluppi delle situazioni.

buonanotteallitalia

Mer, 09/05/2012 - 13:49

#20 Ausonio: qui di raso c'è solo il tuo q.i.

peropix

Mer, 09/05/2012 - 14:01

Quando da decenni i governi che si sono succeduti hanno creato disparita' economiche fra i cittadini, creato privilegi per pochi e sacrifici per molti, quando chi si è dedicato a vita alla politica ha legiferato in maniera da inchiodarsi alle proprie poltrone e a garantirsi pensioni dorate e quant'altro sappiamo, se poi i cittadini piu' deboli si suicidano e si tolgono di mezzo perchè privi di ogni opportunità non dobbiamo stupirci se altri meno deboli o altri che trovano terreno fertile per la destabilizzazione invece di spararsi cominciano a sparare agli altri. Innocenti o meno. Oramai la democrazia se la sono giocata scendendo a patti con la mafia, ora si stanno giocando la plutocrazia. E i cittadini si difendono votando Grillo.

Ritratto di Andrea B.

Andrea B.

Mer, 09/05/2012 - 14:06

Indymedia è un ricettacolo di pulsioni terroristiche, un truogolo di esaltati rossi che incitano all'odio sociale ed alla violenza ...da quando esiste il web quel sito fa sembrare le fogne di Calcutta pulite quanto i servizi igienici di una clinica svizzera... eppure, quando la destra era al governo, il problema di internet da rimediare subito erano quelli che mettevano su youtube uno sketch preso da un programma mediaset...

robtu

Mer, 09/05/2012 - 14:06

Ma guarda un po', la destra si liquefa ed ecco i terroristi... il trucchetto non funziona più, è tutta una balla!

Dreamer66

Mer, 09/05/2012 - 14:18

Ennesimo titolo depistante ad uso e consumo di coloro i quali non hanno sufficiente ingegno per leggersi l'intero l'articolo. Saranno anche pochi, ma quelli felici di farsi prendere in giro ce ne sono, e si fanno anche sentire.

MIAO II

Mer, 09/05/2012 - 14:21

Ognuno simpatizza per chi meglio crede, chi per dei (presunti) brigatisti, chi per due cialtroni con faccia da bassifondi che fanno tiro a segno con i pescatori

aspide007

Mer, 09/05/2012 - 14:43

@- Non sono d'accordo con coloro che vogliono accostare l'autore dello "scritto" ai responsabili dell'attentato all'ingegner Roberto Adinolfi. Lo "scritto" è poco diretto e molto prolisso; Riassume, in alcuni passi, il malcontento che in questi giorni circola tra la gente circa l'operato del Governo in tema di sacrifici, tagli, tasse, suicidi, privilegi, scandali, cattiva amministrazione del denaro pubblico, ruberie e quant'altro. Non ritengo, comunque, che tra l'autore del comunicato e quelli dell'attentato vi sia alcuna relazione; Lo scritto, probabilmente, è stato prodotto sulla scia dell'attentato per avere più credibilità. Non si esclude, però, che una pericolosità non possa essere data dallo spirito emulativo di menti deboli ossia di eroi negativi. Una democrazia deve essere, perciò, molto attenta a non creare ingiustizie sociali tali da ingenerare risentimenti che possono sfociare, alla lunga, in violenza, non avendo poi, i mezzi adeguati per stroncarla sul nascere, data la sua natura garantista.

Ritratto di miladicodro

miladicodro

Mer, 09/05/2012 - 14:55

Et voìlà,niente di nuovo sotto il sole.Ci risiamo.La frotta di cattivi maestri sempre in prima fila o pagina,i sindaci protettori di centri sociali,ROM,islamici,notav,preti rossi e neri,dipietristi,grillini,ecc.,non ultimo l'elezione in francia dell'emulo mitterandiano protettore di assassini e eversivi,magistratura che condanna chi difende la proprietà ed è rimasta al buco della chiave,in ultimo la marea di professori senza cultura alcuna fanno sì che il paese diventi una prateria dove è possibile ripristinare la violenza al settimo grado certi dell'impunibilità.Ed a chi vanno a gambizzare? Dirigenti delle ultime aziende con il fiore all'occhiello rimaste,finite queste ritroveremo le bandiere rosse sul colosseo e finalmente avremo ottenuto il tanto agognato livellamento proletario,tutto in comune,conti,case,mogli,figli, sotto le grandi ali dei sindacati peroranti le 18 ore settimanali,le restanti in assemblea a disquisire sull'art.18.E Pace fù.Viva l'Italia.

gab8

Mer, 09/05/2012 - 15:05

Ma sì utilizziamo un pochino di logica: vai con Ansaldo a pestare gli interessi della mafia russa e dell'est e ti accaparri la gestione delle scorie fatte fino a quel momento da loro .. è ovvio che poi qualcuno deve pagare. Pista dell'est? Sì quasi sicuro, la cosa più divertente di tutta la faccenda è che non li prenderanno se più di uno mai, saranno killer professionisti o similari, niente tracce e ora che la polizia scientifica ne arriva a una ciao .. siamo tutti vecchi. Agli imprenditori piace tanto la globalizzazione? Questo a quanto pare se venisse confermata la pista è uno dei rovesci della medaglia perchè le organizzazioni criminali evidentemente hanno un codice deontologico diverso.

Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 09/05/2012 - 15:26

C'è chi esulta su Indymedia e c'è chi esulta in riserbo, magari nelle sezioni del Pd. Naturalmente la condanna è corale, ma a parole.

no b.

Mer, 09/05/2012 - 15:45

quello che adoro di questo "giornale" è che gli incompetenti che ci scrivono su non fanno il minimo sforzo di controllare le fonti. Su Indymedia ci scrivono cani e porci senza alcuna censura. Potrei tranquillamente dire di essere in possesso di un arsenale nucleare e voi, idioti, lo pubblichereste sul giornale che fu di Montanelli (un'altra era quella!) senza manco chiedervi se non vi sto prendendo in giro. Ordine dei giornalisti batti un colpo!!

italia-libera

Mer, 09/05/2012 - 15:59

POPOLO ITALIANO DEVE SAPERE http://www.youtube.com/watch?v=5bT2GsaK9k4&feature=related GRAZIE ITALIA-LIBERA

pieropomiga

Mer, 09/05/2012 - 16:32

ma come si può pensare che esultino nelle sedi del PD quaNdo Adinolfi é lui stesso del PD!!!!????

analistadistrada1950

Mer, 09/05/2012 - 16:40

Mi pare d'aver letto su Topolino od il Monello, che nalla parte psciologica di strategia della guerra, si insegni a nn sfidare l'aggressore ma capirne le ragioni ed indurlo a trovare canali utili ad un punto d'incontro utile alle parti; ciò per evitare l'insaprirsi delconflitto. Come nei rapporti di lavoro fra datore di lavoro ed oo.ss., si paral di raffreddamento dei conflitti. Per questo, la frase stereotipata: "lo Stato non si farà intimorire", mi pare la meno idonea o, per meglio dire, non idonea a che, persone non politiche, anche se dirigenti, si becchino la pistolettata. Sarebbe come dire lo Sato non si farà intimidire poi, se per caso, qualcun'altro ne uscirà con un buco in una gamba, lo cureremo, al massimo maderemo la fattura al Popol pagante.

voce.nel.deserto

Mer, 09/05/2012 - 17:15

La pista anarco insurrezionalista mi sembra la più comoda,tanto per lasciar lavorare in pace alla loro azione di disgregazione sociale il Partito Democratico ed i cespugli della sinistra. La strada verosimilmente più realistica e quella delle nuove brigate rosse:la pistola è un buon indizio.La magistratura deve agire in modo scientifico senza traccheggiare per motivi politici ,ideologici,o per una sorta di metus che sarebbe inamissibile,nei confronti della violenza. Comunque su questo giornale si esprimono opinioni.Il lavoro scientifico,documentato deve farlo la polizia.

Ritratto di Andrea B.

Andrea B.

Mer, 09/05/2012 - 18:25

Si, potrebbe benisssimo essere che il terrorismo non c'entri nulla, questo Adinolfi non mi pare questo personaggio tale da indurre una matrice politica, tantopiù per una azione dimostrativa e per giunta ancora senza la ribalta pubblica di una rivendicazione...però il fatto che tanta gente ( e non un mitomane) si esalti e faccia simili sproloqui anticapitalisti, antioborghesia e via discorrendo è indicativo. Un po' come i palestinesi festanti l' undici settembre 2001: magari c'era Bush dietro a tutto, ma loro comunque festggiavano in nome di Allah per la morte dei nemici americani .

Telramund

Mer, 09/05/2012 - 19:03

Dovesse mai "risorgere", pavento un terrorismo più mirato, accorto e spietato. Complice l'attuale crisi, italiana, europea e, oserei dire mondiale, sono molti gli elementi che, "alleandosi", bollono in pentola. Pertanto, lo prospetto a "largo raggio" e temo che, stavolta, non sarà così "semplice" contrastarlo e debellarlo. Fosche nubi, si stanno addensando all'orizzonte... Dall'alto del "Colle", qualcuno, la pensa diversamente. Culliamoci dunque, in questa effimera speranza... Saluti.

Il_Presidente

Mer, 09/05/2012 - 23:07

incredibili commenti da quello schifo immondo che è indymedia. La pezzentaglia proletaria sinistra non si smentisce mai... L'Italia merita di diventare una cloaca di sinistra,se di fatto non lo è già abbastanza.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Gio, 10/05/2012 - 01:16

I poveri dementi di indymedia, che parlano come le BR degli anni di piombo, usano categorie obsolete come se il tempo si fosse fermato agli albori del capitalismo. Continuano a rimestare una minestrina riscaldata che fa presa solo su sprovveduti e sfigati che si ritengono intelligenti solo perché usano la terminologia tanto cara agli onanisti della politica quali erano le BR. Ora che hanno internet a disposizione la loro imbecillità riesce a fare più proseliti tra sfigati e fancazzisti.

Ritratto di sergio mantero

sergio mantero

Gio, 10/05/2012 - 01:40

O l'impressione che questo ritorno e' un film gia' visto. Mi spiego meglio, quando la Destra e' in crisi, vedi il passato, per caso cominciano a scoppiare bombe, la gente viene gambizzata e qualcuno pure ci lascia la pelle. Non vorrei che questo sia l'inizio di una sequenza di atti vili per seminare terrore e convincere le persone che si stava meglio quando si stava peggio. Ora che la prima batosta elettorale e' arrivata con certezza seguiranno altri episodi di violenza come quello accaduto. Sveglia polizia io saprei dove andare a cercare gli attentatori, mi sembra troppo facile per non capirlo. Saluti

claudiocodecasa

Gio, 10/05/2012 - 08:52

estrema sinistra, centri sociali con la direzione di rifondazione, nell'ombra, sono i nuovi rivoluzionari, schiavi come i precedenti

IuniusBrutus

Gio, 10/05/2012 - 09:39

Conclusioni preconfezionate ed affrettate, quando deve ancora cominciare l'analisi di quello che é avvenuto. Chi é la vittima, perché poteva essere un bersaglio, di chi, per quali motivi? se prendiamo la cronaca anche solo dell'ultimo anno, si contano centinaia di casi di individui accoltellati, sparati, pestati di botte. Il terrorismo risulterebbe dalle qualità, dagli incarichi e dall'appartenenza politica (se c'é) della vittima. Beh! Fatelo sapere anche a noi! Quanto alle manifestazioni di giubilo su qualche post semisconosciuto, fatevi un giretto nei forum e vedrete cosa fu scritto quando spaccarono la faccia e i denti a Berlusconi. Ricordo uno che diceva che aveva da parte una chiave inglese da 10 Kg. apposta per lui. Non ricordo conferenze stampa di procuratori della repubblica, ma forse mi sono sfuggite.

Patrick

Gio, 10/05/2012 - 10:15

Se fossimo in Francia metterebbero in galera tutta la gente di Indymedia per istigazione al terrorismo.

jacopo82

Gio, 10/05/2012 - 11:25

Come al solito secondo questo giornale un messaggio (anonimo) postato su indymedia e con tre commenti in croce (anonimi) diventa qualcosa di simile a una fantomatica "linea", "programma", "dichiarazione di intenti", con un plurale "esultano" buttato lì a casaccio.

claudiocodecasa

Gio, 10/05/2012 - 12:38

patrick..con tutta la retorica che si legge negli interventi , sei l'unico a dire una cosa sensata e poi non ci vuole leonardo da vinci per capire chi ha interesse a queste azioni, sono sempre i soliti, dagli anni 70 tante analisi stupide non servono a nulla c'è chi manovra nell'ombra perchè gli conviene