Il superpoliziotto del G8 alla gogna

Condannato per i fatti della Diaz nel 2001, a Canterini restano 40 giorni da scontare. Per i giudici li deve fare in cella

In galera, in galera. La magistratura genovese rincorre la speranza di vedere comunque in ceppi, anche solo per qualche giorno, il poliziotto del G8 del 2001 Vincenzo Canterini condannato per falso (non per violenze) a tre anni e tre mesi. Quel che sta accadendo all'ex dirigente del reparto Mobile di Roma, e ad altri superpoliziotti condannati come lui in via definitiva, è quantomeno curioso.

Per la Procura generale di Genova non merita alcun beneficio alternativo al carcere, previsto espressamente dalla legge. E poco importa che Canterini abbia già iniziato a scontare i tre mesi che gli restano (tre anni, infatti, sono coperti dall'indulto) presso la sua abitazione. Il pg del capoluogo ligure ha impugnato in Cassazione il provvedimento del Tribunale di sorveglianza con cui l'ex dirigente di Ps ha ottenuto la detenzione domiciliare sulla scorta della legge «svuota-carceri», dopo aver incassato il no all'affidamento in prova ai servizi sociali, ottenendone così la sospensione della pena. Canterini, quindi, dopo un mese e mezzo di domiciliari, è ritornato a forza in libertà in attesa della decisione della Suprema Corte che potrebbe spedirlo in cella. Per il magistrato della città della Lanterna, infatti, l'ordinanza del giudice, seppur motivata da una legge finalizzata a evitare il sovraffollamento nelle carceri, non va bene per l'ex dirigente di Ps. E questo perché Canterini non sarebbe meritevole della misura alternativa in quanto «resosi colpevole e sanzionato (...) per un gravissimo reato (...) indice di rilevante pericolosità sociale». In realtà, di questa pericolosità sociale non si trova traccia perché, come sostengono gli avvocati Silvio e Rinaldo Romanelli, non solo Canterini non ha carichi pendenti ma lo stesso Tribunale di sorveglianza, nel concedere in un primo momento i domiciliari sulla base della «svuota-carceri», aveva riconosciuto che «non emergono elementi da cui dedurre la concreta possibilità che il condannato possa darsi alla fuga o specifiche ragioni per ritenere che egli possa commettere altri delitti».

Per quale motivo, allora, un pensionato di 66 anni che non può reiterare il reato, dopo aver indossato la divisa ancora 11 anni dopo i fatti della Diaz, debba rischiare la galera per fatti del 2001? La sua condanna, per il procuratore generale, è «fonte di uno smisurato danno d'immagine a livello interno e internazionale per la Pubblica amministrazione»; a cui, forse, si può porre rimedio solo mandandolo in cella, con tanti saluti al principio costituzionale del fine rieducativo della pena. Contesta ancora, il magistrato, che Canterini non abbia «neppure provveduto al ristoro del danno» né che abbia chiesto scusa alle parti lese e alla collettività. E questo nonostante la pubblicazione di un libro «Diaz - Dalla gloria alla gogna del G8 dove prende le distanze dalle scelte dei suoi vertici di allora.

I legali di Canterini, Silvio e Rinaldo Romanelli, hanno contestato le ricostruzioni dell'accusa, battendo i tasti dell'esiguità della pena «nei confronti di una persona che non ha riportato alcuna altra condanna e non ha alcuna pendenza» e della illogicità di un ricorso in Cassazione contro un provvedimento adottato in ossequio a una norma dello Stato nata proprio per impedire l'ingolfamento delle celle. Quanto al mancato ristoro del danno d'immagine, secondo i legali, si tratta di una contestazione priva di fondamento in quanto il reato per cui è stato condannato non prevede alcun tipo di risarcimento o indennizzo. E pure le scuse Canterini, a più riprese, sostengono, sono state poste nelle sedi opportune. «Il processo della Diaz è la più grossa mistificazione giudiziaria degli ultimi anni - dice l'avvocato Silvio Romanelli - stigmatizzo poi il comportamento del Tribunale di sorveglianza di Genova che è riuscito a rimangiarsi un provvedimento (sospensione dell'esecuzione della pena) dieci giorni dopo averlo concesso in base alla svuota-carceri». Finché la Cassazione non deciderà sul ricorso del pg, cosa che potrebbe avvenire anche tra un anno, Canterini sarà libero (ma col fiato sospeso).

Commenti
Ritratto di CiccioCha

CiccioCha

Mar, 09/07/2013 - 08:44

Cosa vi aspettavate ? E' normale: il poliziotto in carcere e i facinorosi fuori!

Ritratto di viktor-SS

viktor-SS

Mar, 09/07/2013 - 08:44

Condannato. Quindi è o non è un uomo che ha condotto attività criminali? Ma basta difendere gli indifendibili come se fossero santi!

For2

Mar, 09/07/2013 - 09:01

Invece di ringraziare e possibilmente premiare Canterini e gli altri eroi di Polizia e Carabinieri, si santificano gli antagonisti (o meglio TERRORISTI) dei gruppi sociali. E' di oggi la notizia della richiesta di processo civile per il caso Giuliani e si può stare certi che i genitori ne ricaveranno altro utile (dopo l'elezione della mamma, magari anche il padre vuole un posto in politica).

Totonno58

Mar, 09/07/2013 - 09:02

Si faccia questi altri 40 giorni, chissenefrega!già questi signori che hanno infangato la polizia hanno avuto i loro sconti, per via dell'indulto e, per quelli che hanno fatto violenze in quei tragici giorni, per il fatto che in Italia la tortura non è reato...DOVREMMO ANCORA PREOCCUPARCI DI QUESTI BALORDI?!?

For2

Mar, 09/07/2013 - 09:02

Al Signor Canterini e ai suoi colleghi tutta la mia solidarietà e il mio sentito ringraziamento per il servizio reso ad uno stato ingrato.

cicero08

Mar, 09/07/2013 - 09:03

Ma perchè anche Berlusconi, ove mai fosse condannato in via definitiva, al netto di ogni sconto possibile dove dovrebbe scontare il resto delle pene?

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Mar, 09/07/2013 - 09:18

Spero che il PdL candidi Vincenzo Canterini alle prossime elezioni. Siamo stufi di vedere in parlamento sempre i peggiori rappresentanti dei terroristi e dei centri sociali!

egi

Mar, 09/07/2013 - 09:20

Continua la distruzione dello stato da parte di terroristi brigatisti forze eversive, non se ne può più.

BlackMen

Mar, 09/07/2013 - 09:25

E' una vergogna! Altro che 3 anni (indultati) e tre mesi...dovevano buttare la chiave...ed il distintivo! Manco in Cile sotto Pinochet!

pieropomiga

Mar, 09/07/2013 - 09:39

di quale gloria state parlando? mi pare che gli sia andata di lusso: ringrazi l'indulto e si faccia quei pochi giorni di galera in silenzio

roberto78

Mar, 09/07/2013 - 09:41

sinceramente non capisco ... lo scandalo è che una persona condannata a 3 anni e 3 mesi non abbia ancora visto il carcere e forse non lo vedrà nemmeno per questi ultimi 40 giorni. Che poi sia stato giudicato colpevole di falso e non per le violenze mi crea ancora maggiore fastidio nell'ipotesi che non vada in carcere: come si fa a combattere l'omertà, le logiche corporative anche se antitetiche al corretto funzionamento delle istituzioni se poi nessuno paga? la prossima volta sarà lo stesso ... i colpevoli delle violenze si nasconderanno tra quelli che si sono comportati correttamente, chi saprà non parlerà e probabilmente saranno gli unici ad essere condannati (ma con pene talmente superficiali che mai li spingeranno a parlare)

Ritratto di Reinhard

Reinhard

Mar, 09/07/2013 - 09:42

La solita magistratura comunista... Se le accuse sono vere, non posso che ringraziare questo funzionario di polizia per aver randellato i terroristi rossi che distrussero Genova. In un paese civile gli avrebbero dato una medaglia, invece l'Italia condanna i suoi eroi!!!

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 09/07/2013 - 09:46

Deve andare in carcere per 40 gg. Logica giuridica o logica ideologica? Ai posteri l'ardua sentenza.

Ritratto di roberto-sixty-four

roberto-sixty-four

Mar, 09/07/2013 - 09:47

in un paesello come il nostro tutto cio' è purtroppo normale. Dopo aver apposto una targa a memoria di un delinquente non mi meraviglia più nulla. Aspetto "fiducioso" la richiesta per un monumento in piazza De Ferrari per lo stesso delinquente al posto della storica fontana. TRISTEZZA

Ritratto di EMILIO1239

EMILIO1239

Mar, 09/07/2013 - 09:48

Non rido più, piango. Povera Italia in mano a questi cosiddetti Magistrati....

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 09/07/2013 - 09:53

Come si misura la "pericolosità sociale"? Vorrei saperlo dal giudice che la ha invocata, contro il parere dei suoi colleghi e secondo me anche contro la logica. Purtroppo la "logica" non trova sostenitori fra certi magistrati ed anche tra alcuni lettori di questo giornale.

aben

Mar, 09/07/2013 - 09:58

Leggo nell'articolo una certa meraviglia circa l'atteggiamento dei giudici, ormai mi meraviglio del contrario giudici forcaioli faziosi e coministi sono la normalità per un paese che si è lasciato, grazie alla complicità dei democristiani,scippare del potere più intoccabile del paese. E' l'ora di finirla con questisuper poteri!!!!!!!!!!!!!

yulbrynner

Mar, 09/07/2013 - 10:06

se un tuttore delle forze dell'ordine commette u8n crimine deve pagare più di un altra persona, non tutore dell'ordine che abbia compiuto lo stesso crimine.. e pure i magistrati e i giudici devono pagare x le loro colpe non deve esistere nessuna casta immune alla legge

unosolo

Mar, 09/07/2013 - 10:13

lasciano uscire delinquenti incalliti , forse per paura, mentre che lavora per la tranquillità del popolo e scorta persone per evitare stragi o atti pericolosi deve essere in galera , fanno uscire ,con cavilli inventati di proposito , delinquenti di ogni tipo ,specie se sparano , sapendo che i poliziotti non lo farebbero mai e quindi possono essere condannati , dedicare la vita per contrastare la criminalità è come essere lasciati soli in caso di processi , nei processi si agevola il delinquente ma non si da credito al poliziotto , come dicevo i sessantottini sono al potere e queste condanne lo dimostrano .

unosolo

Mar, 09/07/2013 - 10:17

per protesta i poliziotti dovrebbero lasciare senza scorta alcuni importanti PM , non per un giorno ma per sempre , solo allora forse avrebbero credibilità , abbiamo visto come erano pacifici i dimostranti e che danni hanno fatto alla città ma nessuno ha chiesto il risarcimento ai ragazzi che hanno manifestato .

giovanni PERINCIOLO

Mar, 09/07/2013 - 10:17

"«fonte di uno smisurato danno d'immagine a livello interno e internazionale per la Pubblica amministrazione»"! Signor procuratore generale, vivo all'estero da quasi trent'anni e le posso garantire che, vista e commentata dall'estero, l'immagine della magistratura italiana, specie "certa" magistratura, non dà certo miglior spettacolo! Anzi!

Ritratto di Geppa

Geppa

Mar, 09/07/2013 - 10:32

da buttar via la chiave. Ma stiamo scherzando?

Oceanodigomma

Mar, 09/07/2013 - 10:35

Cicciocha esatto...peccato che poi se uno di loro ammazzo un aldrovandi o un cucchi si faccia praticamente zero galera... for2 non è che la verità stia nel mezzo? ci sono si quelli in divisa che si fanno un mazzo tanto e vanno onorati ci sono i pezzi di fango come in ogni categoria... lei ci metterebbe le mani sul fuoco che questo signore fa parte della prima categoria e non della seconda? io no e nel dubbio non mi fido

Amon

Mar, 09/07/2013 - 11:06

ma siete ancora convinti che a genova i casini li han fatti i terroristi e facinorosi? a genova e' stata distrutta, sospendendo la democrazia, la speranza agli italiani di avere un paese no global dove le multinazionali e le banche non la fanno da padrone, ma voi telerimbambinti a 360 gradi siete ancora convinti che la polizia abbia agito seguendo le regole. i veri criminali sono stati premiati e i terroristi come li chiamate voi (ma vi consiglio di vedere bene le immagini dei massacrati dalla polizia cosi' giusto per farvi un 'idea di chi realmente erano questi terroristi. se poi avete ancora paura di famiglie anziani e studenti il problema siete voi che adesso vi lamentate che le aziende nostrane chiudono, e' tutto programmato da anni prima distruggono la nostra stima poi il alvoro poi si comprano tutto a prezzi da curatore fallimentare e voi a litigare ancora su Ruby,Imu e tutte queste belle buffonate per altri 20 anni...

Ritratto di Alessandro Genovese

Alessandro Genovese

Mar, 09/07/2013 - 11:28

Ecco la sintesi di sinistra: il G8 non si doveva fare; i black blocks e Giuliani sono state povere vittime; carabinieri e poliziotti degli aguzzini!

pinolino

Mar, 09/07/2013 - 11:38

Il risultato finale, decisamente sconfortante, è che un bel numero di criminali devastatori sono a piede libero e un bel numero di criminali torturatori sono a piede libero. La differenza, di non poco conto, è che i secondi sono pubblici ufficiali della Repubblica Italiana autorizzati dalla legge a girare con manganello e pistola.

Ritratto di arcistufa

arcistufa

Mar, 09/07/2013 - 12:01

il prossimo servizio chi lo fa i giudici? perchè fossi un poliziotto non andrei

yulbrynner

Mar, 09/07/2013 - 12:01

x genovese commento assurdo... c'e manifestante e manifestante poliziotto e poliziotto i cretini sono ovunque anche nelel forze nell'ordine facile generalizzare e soprattutto giudicare cosi un tanto al kilo

Totonno58

Mar, 09/07/2013 - 12:07

Giustissima l'analisi di PINOLINO, che non fa sconti da una parte e dall'altra (quelli che guardano le colpe del G8 solo da un punto di vista sono dei pagliacci per definizione...); vorrei invitare tutti quelli che hanno buona sopportazione e di stomaco e verso la faziosità altrui a vedere il film "Diaz"...io ci sono riuscito solo in parte ma c'è un punto che è la chiave di tutto, anche perchè è un documento ripreso dal vivi ...quando quel famigerato gruppo di poliziotti fa l'irruzione nella scuola Diaz, molti ragazzi dalle finestre gridano, agitando telefonini, telecamere e quant'altro "fermatevi, il mondo vi sta guardando, stiamo riprendendo tutto!"...quelli però, nella cecità dell'"obbedire agli ordini", magari imbottiti di certe sostanze, entrano nella scuola e firmano la condanna, loro e delle forze di polizia...i ragazzi, FORTUNATAMENTE, salvarono in ogni modo i loro aggeggi...ed immagino le facce dei poliziotti quando, al processo, quei filmati vennero loro sbattuti in faccia!...e noi, con i problemi che ci assillano, dovremmo curarci di quella gentaglia?!?

alberto_his

Mar, 09/07/2013 - 12:11

@pinolino: concordo, ma non è detto che ci sia una netta distinzione di campo tra i due gruppi.

guidode.zolt

Mar, 09/07/2013 - 12:12

Credo che il danno d'immagine alla P.A. (leggasi magistratura) che cerca di creare il procuratore generale sia decisamente maggiore in tempi in cui si liberano assassini che fanno volare la moglie dal nono piano...la magistratura di sx non perde occasione per ammorbare l'aria con decisioni mefitiche, figlie di una sinistra oppressione politica.

battistafesta

Mar, 09/07/2013 - 12:30

Poverino....Diamogli pure una medaglia...

Pazz84

Mar, 09/07/2013 - 12:32

Questi signori (perchè non sono manco lontanamente definibili forze dell'ordine) si sono salvati da pene maggiori solo ed esclusivamente perchè il parlamento italiano non ha mai recepito la normativa europea sul reato di tortura (25 anni da che è stata emanata). Siamo l'ultimo paese d'Europa che ancora non contempla tale reato, per la felicita dei manganellatori autorizzati. Alla luce delle testimonianze, non c'era manco un facinoroso al momento dell'assalto, perchè di questo si tratta. Ragazzi, giovani, anziani, giornalisti (italiani ed esteri) e semplici persone che erano li semplicemente perchè negli alberghi non affittavano più stanze (per ovvi motivi). Pestati a sangue solo per sfogarsi. Oltre al danno, la beffa, perchè queste persone poi sono state portate alla caserma Bolzaneto in cui sono state TORTURATE. Questi signori non sono eroi, sono solo violenti. Per fortuna che qualcuno (Daniele Vicari) alla luce delle testimonianze, ha girato un film (Diaz - Don't clean up this blood) che stranamente qui in italia nessuno ha voluto finanziare. Per far vedere al resto del mondo che forze dell'ordine esemplaria abbiamo nel nostro paese.

Ritratto di martinitt

martinitt

Mar, 09/07/2013 - 12:45

Manca solo che i milioni di danni provocati dai manifestanti vengono addebitati alle Forze dell'Ordine.

Baloo

Mar, 09/07/2013 - 13:14

Intanto altri della polizia fanno carriera su quei fatti caratterizzati dalle vicende dei violenti sprangatori della sinistra di tutta Europa, accolti, sfamati, dai compagni della sinistra genovese. Le ragazze ballavano, cantavano e distribuivano fiori, mentre i violenti preparavano la guerriglia. La polizia ha ecceduto? Verosimile vero per sentenza. Ma qualche poliziotto di vertice ha fatto troppa carriera e ciò ci lascia l'amaro in bocca. L'avremmo preferito schierato accanto ai suoi uomini.

Ritratto di drazen

drazen

Mar, 09/07/2013 - 13:17

Non ci si può ormai stupire di niente in un paese in cui si condannano gli appartenenti ai Servizi per aver contribuito a buttare fuori dall'Italia un tipetto come Abu Omar, che reclutava terroristi, progettava attentati (bazzecole!); i Carabinieri che tentavano di prendere il boss più pericoloso (Gen. Mori e Di Donno) e gli uomini delle Forze dell'Ordine per aver dato ai facinorosi che hanno devastato Genova per giorni quello che meritavano. L'accanimento dei magistrati genovesi è, comunque, sospetto: hanno la coda di paglia! Dovevano intervenire subito, appena black-bloc e compagni hanno cominciato la loro opera distruttiva e violenta e supportare Carabinieri e P.S. con provvedimenti urgenti ad hoc, invece se ne sono stati defilati, salvo intervenire dopo i fatti sull'onda popolare e ben attenti di compiacere le sinistre. Si vergognino!

Pazz84

Mar, 09/07/2013 - 13:30

@drazen spero tanto che le riservino lo stesso tratamento riservato alle persone della Diaz. Ripeto, i tanto decantati facinorosi si erano allontanati prima in quanto allertati dal continuo passaggio di auto delle forze dell'ordine di fronte alla struttura. Quelli pestati e torturati non centravano nulla con la protesta violenta. Sono stati pestati e torturati solo per sfogarsi, altrimenti non si spiega perchè le forze dell'ordine abbiano introdotto prove false (le molotov) per giustificare quello scempio. Senza contare le ingiustificate torture perpetrate alla Bolzaneto. Ripeto, se esistesse il reato di tortura in questo paese queste persone sarebbero marcite in galera. I danni a una città non giustificano la tortura!

Ritratto di arcistufa

arcistufa

Mar, 09/07/2013 - 13:52

totonno (il nome dice tutto) i film di propaganda guardateli tu e non dire idiozie

Pazz84

Mar, 09/07/2013 - 14:10

@arcistufa quindi un film basato sulle testimonianze e sui video girati dai presenti (dalle vittime delle torture) sarebbe un film di propaganda?!? Lei è proprio un'ignorante, e mi fermo quì per non dire di peggio

Totonno58

Mar, 09/07/2013 - 14:43

ARCISTUFA...facciamo che non ha scritto nulla?o che non ha letto quello che ho scritto?altrimenti ci sarebbe da preoccuparsi per lei...

Azzurro Azzurro

Mar, 09/07/2013 - 14:43

Tutta la mia stima al super Poliziotto che mi difende dai nazi-komunisti no global violenti e assassini

Ritratto di Giandorico

Giandorico

Mar, 09/07/2013 - 16:53

Le solite magistratate. Ladri, rapinatori, stupratori, assassini, preferibilmente se zingari, romeni o negri ai domiciliari (fresche e meno fresche cronache dei quotidiani locali delle mie parti e di tutta Italia) e per Canterini non solo il mancato affido in prova ai servizi sociali, ma anche la negazione dei domiciliari. E con l'approvazione dei tanti porci imbecilli, compresi tutti quelli che pascolano su questo forum, che da 12 anni stanno rompendo i coglioni alla Polizia per quello che è successo a Genova. E cioè semplicemente che dopo decenni della commedia dei cortei e delle manifestazioni fatti apposta per arrivare alla violenza e alla devastazione, con i manifestanti cosiddetti pacifici non meno colpevoli degli altri, ai quali i primi fanno da battistrada, Polizia e Carabinieri si sono sentiti le spalle coperte dal governo Berlusconi e hanno menato quella gente come merita, dandogliene più che alla capra Margolla. E poi tutti a Bolzaneto a finire l'opera. Lodi, lodi, lodi. A Genova tutta la rogna iniziò, col congresso del MSI del 1960, con la Democrazia Cristiana che non volle sostenere Tambroni fino agli esiti finali dell'accettazione piena e felice dello scontro in piazza, e a Genova la storia, puntualmente, ripassa. Solidarietà piena a Canterini. L'unico sistema per neutralizzare la magistratura è la riforma della Costituzione, con la separazione delle carriere, la fine della elezione per correnti del CSM e il ripristino del vecchio CSM ante Costituzione, con i vertici della magistratura gerarchicizzati ai magistrati di Cassazione, alla quale s'arrivava per selezioni e non per carriere automatiche, e l'azione disciplinare affidata a un organismo esterno composto da non magistrati. Per le questioni come Genova ancora più semplice: il ripristino con legge costituzionale della vecchia norma per la quale l'azione penale contro i tutori dell'ordine s'esercitava solo previa autorizzazione del ministro competente. Così l'autorizzazione per processare Placanica per avere, giustamente, sparato a Giuliani, la andavano a chiedere a La Russa.

fabio tincati

Mar, 09/07/2013 - 17:01

mah! A me pare di ricordare che quei gg furono l'appuntamento a Genova per i G8 con Berlusconi e l'Europa.Una violenza eccessiva avrebbe messo in cattiva luce il governo Berlusconi dando l'immagine di un erroneo governo di destra,contro un benevolo e rassicurante Prodi.Mi sbaglierò,ma la violenza dell'attacco e la risposta della polizia,mi puzzano.Subito dopo i fatti poi,il padre di Giuliani ebbe a dichiarare che se lo aspettava perchè suo figlio era uno "sbagliato".Mi pare che il vecchio metodo di crearsi dei martiri e dei persecutori il vecchio piccì non l'abbia mai perso.Il migliore lasciò a morire in Russia gli alpini italiani per aumentare l'odio verso i fascisti.D'altra parte lui stesso(togliatti) definì il proletariato votante dei tubi digerenti.........a chi piace questa gente...

Pazz84

Mar, 09/07/2013 - 17:57

@fabio tincati se è per quello Cossiga consigliò alla Polizia "Prima una vittima, poi mano dura", "infiltrare il movimento con agenti provocatori pronti a tutto, e lasciare che per una decina di giorni i manifestanti devastino i negozi, diano fuoco alle macchine e mettano a ferro e fuoco le città. Dopo di che, forti del consenso popolare, il suono delle sirene delle ambulanze dovrà sovrastare quello delle auto di polizia e carabinieri. Nel senso che le forze dell’ordine non dovrebbero avere pietà e mandarli tutti in ospedale. Non arrestarli, che tanto poi i magistrati li rimetterebbero subito in libertà, ma picchiarli e picchiare anche quei docenti che li fomentano" Esattamente quello che s'è visto a Genova. Hanno fomentato i violenti per poi autorizzare i pestaggi. E questo lo disse un presidente di sinistra. A quanto pare a destra ne hanno fatto tesoro...

Ritratto di Papapeppe

Papapeppe

Mar, 09/07/2013 - 18:14

È un eroe! Peccato le mani legate... Ci fosse un bel clima come ai tempi dell'operazione Condor del grande Augusto Pinochet! Quanta pulizia di feccia rossa.

Totonno58

Mar, 09/07/2013 - 23:08

fabio tincati...beh, se davvero fosse come dici, dovresti rivolgerti all'allora ministro degli interni, il benemerito on.Claudio Scajola, il quale, la sera prima di quel tragico G8, disse testualmente "E' tutto pronto, studiato in ogni minimo dettaglio...se si dovesse registrare la rottura di un solo vetro di un magazzino e/o se fosse torto un capello ad un solo manifestante, non esiterei un attimo a risponderne personalmente!"

Totonno58

Mar, 09/07/2013 - 23:38

GIANDORICO...dò per scontato che a te te piace 'e pazzià...e tieni pure 'na 'bbella fantasia!!:)

Ritratto di drazen

drazen

Mer, 10/07/2013 - 11:28

Assolutamernte d'accordo con Giandorico!