SVELATO IL «MISTERO»Nella fedele valigia nera? «Porto il rasoio e la Bibbia»

Il Pontefice ha voluto svelare ai giornalisti il «mistero» della valigetta che in questi giorni ha portato con sé (a mano), sull'aereo: alla partenza e al ritorno dal Brasile. «Non c'era la chiave della bomba atomica», ha detto Francesco. «L'ho portata perché lo faccio sempre - ha spiegato in volo da Rio a Roma - faccio così quando viaggio, c'è il rasoio, il breviario, l'agenda, un libro da leggere, era su santa Teresina». Poi ha aggiunto: «L'ho sempre portata - parlando della sua borsa di cuoio nera - è normale, dobbiamo essere normali. È un pò strano quello che mi chiede: è normale, dobbiamo abituarci alla normalità della vita».
«Questo aereo - ha detto in risposta a un'altra domanda - non ha allestimenti speciali, c'è una bella poltrona, ma comune, una poltrona comune, ho fatto una chiamata telefonica per dire che non volevo allestimenti speciali» ha quindi concluso con la semplicità di sempre.