Di Pietro resuscita l'Idv, fallisce il blitz di Orlando

Nell'infuocata assemblea sconfitto il sindaco di palermo. In cassa ancora 16,9 milioni

Antonio Di Pietro

Roma - Quattro patrimoni e un (mezzo) funerale. Le esequie sono rinviate, grazie ad un colpo di reni di Di Pietro che risuscita il partito dato per morto (ma ancora ricchissimo) da una delibera del suo stesso ufficio di presidenza il mese scorso. All'esecutivo nazionale convocato in gran fretta all'Hotel Marriott di Roma, mancano i dirigenti che a fine marzo, dopo il clamoroso flop di Ingroia, hanno deciso a maggioranza la liquidazione dell'Idv e il lancio di «una nuova proposta politica». Vale a dire Leoluca Orlando in primis, poi l'ex capogruppo al Senato di Idv, Felice Belisario, e gli altri tre (su dieci compreso il presidente Di Pietro) che nel massimo organo del partito hanno messo in minoranza i quattro contrari alla «chiusura dell'esperienza politica dell'attuale soggetto politico-giuridico Idv (codice fiscale n.90024590128)». Ma chi erano gli altri tre ad aver certificato lo stato di morte del partito di Tonino? L'assemblea di cento e passa dirigenti riuniti nella sala dell'albergone sul raccordo anulare non fa che chiederlo a gran voce, surriscaldando l'atmosfera. Il testo di quella delibera (che ha provocato «una gravissima ricaduta mediatica per il partito») non è mai stato diffuso alla base Idv, ma resta coperto da un velo di mistero. Il dubbio atroce riguarda soprattutto la tesoriera nazionale Silvana Mura, ex deputata e fedelissima di Di Pietro, che ha firmato il comunicato con cui si ufficializzava lo scioglimento dell'Idv deciso dalla incriminata delibera. «Tu hai votato lo scioglimento? Dillo!», rumoreggiano dal fondo. E lei, in modo obliquo, mentre dal podio casca per terra il simbolo Idv («è simbolico!», ironizza un dipietrista toscano) ammette di sì, di aver appoggiato quella decisione, «ma per dare vita a una nuova fase», non per rottamare l'Idv e Tonino. Anche perché l'altro dubbio atroce riguarda proprio lui, il fondatore. Perché Di Pietro si è astenuto, in quell'ufficio di presidenza del 26 marzo, e non ha invece votato contro, portando così in parità i due schieramenti e impedendo la delibera? Forse Di Pietro era realmente convinto di chiudere l'Idv, come aveva peraltro già detto nei mesi scorsi? Possibile, ma in questi venti giorni qualcosa dev'essere cambiato, e Tonino si è convinto di non dover celebrare più il funerale del partito, ma di risuscitarlo, facendo approvare dall'esecutivo un documento che di fatto mette fuori dall'Idv Orlando e gli altri «traditori», di cui la gran parte dei dirigenti chiede l'espulsione. «Il partito si sta liberando di persone che erano salite sul carro del vincitore - ringhia l'ex pm - Stiamo ripartendo dall'Italia dei Valori delle origini».
I fondi per andare avanti non mancano, anzi. In cassa ci sono 16,9 milioni di euro, di cui 4,5 sui conti correnti e 8 milioni in fondi di investimento bancari. La campagna elettorale fallimentare per Rivoluzione civile è costata a Di Pietro circa un milione di euro, buttato alle ortiche, ma pazienza. Si ricomincia dalla foto di Vasto, con l'assemblea che vota la conferma di quella vecchia linea: «Alleanza col centrosinistra, in particolare col Pd. Lo scrivo “in particolare col Pd”? - domanda Di Pietro mentre verbalizza sette ore di esecutivo a mano, personalmente - Sì? No? Va bene, lo metto». Poi una stoccata al Pd: «È colpa dell'ingordigia di Bersani se stiamo in questo casino! Pensava di vincere da solo, io e Ingroia gli abbiamo scritto due lettere, ci ha snobbati! Si è tolto di casa la moglie vecchia col bastone per poi finire a chiedere l'elemosina a Grillo, che propone le stesse cose che diciamo noi da anni!». Ce n'è una anche per Grillo: «Noi qui oggi siamo in streaming, facciamo una riunione politica pubblica, non ce ne andiamo in un agriturismo!». E se Bersani facesse la corte a lui, invece che a Grillo, non gli risponderebbe vaffa. Peccato solo che ormai il comico vale, elettoralmente, almeno dieci volte il suo vecchio (ex?) amico Antonio. Preziose come mai, nei momenti difficili, le radici: «Vengo da una famiglia contadina, sono bravo a seminare. E quando c'è da tirare la carretta, il buon Di Pietro torna con il giogo sulla testa».

Commenti

swiller

Dom, 07/04/2013 - 09:58

Altro cacciatore di soldi pubblici.

Ritratto di stenos

stenos

Dom, 07/04/2013 - 10:35

Si fara' un'altro po di case. Alla faccia degli dioti che l'hanno votato.

angelo piras

Dom, 07/04/2013 - 10:37

Bravo di Pietro. Così si fa. Imbullonati un paio di corna sulla fronte e tira il carro.

Ritratto di miladicodro

miladicodro

Dom, 07/04/2013 - 10:51

Stanno di nuovo lubrificando l'albero della cuccagna. Il lupo perde i pezzi ma non il vizio, Alè, avanti se remaggnia e senza l'orlando furioso. Tiè.

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Dom, 07/04/2013 - 11:51

Di Pietro deve fare una sola cosa se vuole riscattarsi.Prelevare tutti i quattrini depositati in vari forzieri ed impiegarli per la ricostruzione dell'Aquila. Casco in testa, carriola in mano e via così. L'unica possibilità per espiare i suoi innumerevoli peccati di politicante ingordo.

Walter72

Dom, 07/04/2013 - 11:53

Ci lamentiamo perché in Italia le cose vanno male? Questi - fino a ieri paladini della giustizia - sono dei delinquenti autorizzati a frodare il popolo! A casa buffoni altro che nuovo partito! VERGOGNATEVI

bruco52

Dom, 07/04/2013 - 11:59

E'inutile che vi date tanto da fare per tornare. Restare dove siete, non ci mancate...

scipione

Dom, 07/04/2013 - 12:35

Di Pietro che voleva SFASCIARE Berlusconi non ha ancora capito che non c'e' bisogno di nessuna delibera per sciogliere l'IDV: LO HANNO GIA' SCIOLTO GLI ITALIANI.Toni',senti a me,VAI A ZAPPARE.

girola

Dom, 07/04/2013 - 13:09

a me sta riunione mi sembra simile a quella famosa del gran consiglio del fascismo di allora.

Ritratto di paola29yes

paola29yes

Dom, 07/04/2013 - 13:23

Dopo aver fatto i conti, di pietro, ha capito che lavorare la terra è fatica e non si guadagna come avere un partito. Vada a nascondersi nelle fogne.

Ritratto di paola29yes

paola29yes

Dom, 07/04/2013 - 13:26

Toh!!! Chi vuole sfasciare, viene sfasciato dagli italiani, ma questi non l'hanno capito..........compreso il pci/pd e grulli vari!

arnaldo40

Dom, 07/04/2013 - 13:38

BUFFONE, USURPATORE, AFFARISTA DA DUE SOLDI, in cassa ci sono ancora 16,9 milioni di Euro; RESTITUISCILI ALLO STATO:!!!!!!!!!!

Ritratto di rapax

rapax

Dom, 07/04/2013 - 14:07

questi cialtroni hanno capito che devono "giustificare" quella cifra che hanno intascato..e quindi corrono ai ripari prima di buscarle per appropriazione indebita!!

Boccato

Dom, 07/04/2013 - 14:37

"Di Pietro resuscita l'Idv,"...MA ADESSO FA IL ZOMBIE IN CINEMA ?

The lion

Dom, 07/04/2013 - 14:58

Il Molise ha bisogno di braccia per la terra. Via, a zappare!!

vince50

Dom, 07/04/2013 - 16:45

Stupirsi o colpevolizzare Di Pietro perchè intende resuscitare l'Idv,credo proprio di no.È un politico e quindi ci riprova,ben sapendo che troverà senz'altro molti imbecilli masochisti che lo voteranno.Se un politico afferma che il sole è quadrato e tantissimi gli crederanno,probabilmente sarà un furbo(per interesse) ma certamente gli imbecilli abbondano.

maubol@libero.it

Dom, 07/04/2013 - 18:37

ma va a zappare i campi che è meglio!

ammazzalupi

Dom, 07/04/2013 - 20:25

CARO ANDONIO, gli ITALIANI ti hanno SFASCIATO!!! Ormai sei un relitto, un reietto, un infame. Non ti vuole più nessuno: lo hai capito o no? Vai... Vaiiiiiiiiiiiii...

Roberto Casnati

Lun, 08/04/2013 - 04:21

Mi sono sempre chiesto: ma tra loro gli IDV che lingua parlano? Il dipietrese? L'Italiano certamente no perché il loro capo non li capirebbe ed è per questo che non si capiscono neppure tra loro.

steali

Lun, 08/04/2013 - 08:49

x maubol@libero.it... Secondo me gli imbecilli siete voi che sono 20anni che continuate a credere alle ca....e di b.!!!!

mastra.20

Lun, 08/04/2013 - 11:41

un piccolo ducetto e ancora peggio suo figlio in molise,,un piccolo bumga bunga...

girola

Lun, 08/04/2013 - 12:33

un'inchiesta subito - o dossieraggio - chiamatelo come volete, sul patrimonio immobiliare dell'IDV e del signor DI Pietro.

liibalaaba

Lun, 08/04/2013 - 15:27

Luridi schifosi commentatori del cxxxo! Invece di ringraziare chi scoperchio' la pentola del malaffare,gongolate perchè è stato fatto fuori dal Parlamento? Vergognatevi voi! E con voi mi vergogno io,ma di essere italiano!