Il tramonto di Di Pietro tra nuovi scandali e flop politici

Rinuncia al simbolo per correre con Ingroia. E raccoglie firme per un referendum impossibile

È successo tutto in poche settimane. Le inchieste. Gli scandali. Un'offerta più seducente al market dell'estremismo legalitario. Per salvarsi dal naufragio Antonio Di Pietro ha deciso di saltare giù da quella zattera alla deriva che è ormai l'Italia dei valori. E si è imbarcato sul veliero «corsaro» con le insegne di Antonio Ingroia, il pm che ha cannibalizzato il movimento Arancione dell'ex pm Luigi De Magistris che a sua volta aveva fagocitato l'Idv del pm di Mani pulite Antonio Di Pietro. I figli mangiano i padri, come nella mitologia greca, così il fu Tonino nazionale è stato costretto a fare buon viso a cattivo gioco e a dichiarare con parole altisonanti la sua adesione a «Rivoluzione civile»: «La scelta di unirci a Ingroia è stata naturale, perché non ha avuto paura di affrontare il tema dei temi di questi anni: quello dei sistemi deviati delle istituzioni». Un bel cerotto nouvelle vague, dunque, sulle ferite per nulla rimarginate di queste settimane.

L'altro ieri, anche se pochi se ne sono accorti, hanno arrestato pure Mario Mautone, l'ex potente provveditore alle opere pubbliche di Campania e Lazio che nel 2008, in tutt'altra vicenda, quella del cosiddetto sistema Romeo a Napoli, si era fatto beccare mentre ascoltava le richieste di raccomandazione calorosamente srotolate al telefono da Cristiano Di Pietro, figlio di Antonio. Altri tempi. Allora Di Pietro senior se l'era cavata con uno dei suoi show: «Mio figlio avrebbe segnalato un paio di nominativi di bravi professionisti. È un comportamento certamente senza alcuna rilevanza penale, ma, a mio avviso, comunque non opportuno e non corretto».

Ma sì, Di Pietro aveva picchiato il pugno sul tavolo del rigore e dell'intransigenza, come se Cristiano non fosse il proconsole del suo partito in Molise. Allora i molti ex dell'Idv, pentiti e ripentiti per la scelta incauta, puntavano il dito contro il clan Di Pietro e parlavano di una gestione allegra dell'Idv. Ma quel che dicevano gli Elio Veltri e poi tanti altri non aveva presa sull'opinione pubblica. E lui si ergeva a giudice inflessibile del rampollo e delle sua amicizie pericolose. Così scivolose che oggi Mautone è di nuovo in cella, per gli appalti milionari della polizia. Intanto, lo scenario è cambiato: sono arrivate le inchieste devastanti di Milena Gabanelli, poi sono stati colti con le mani nel sacco, dal Lazio all'Emilia, i Maruccio e i Nanni e poi ancora la strada si è fatta sempre più difficile. Il tentativo di rientrare nell'alleanza Pd-Sel è fallito e Bersani ha alzato un muro che ha chiuso Di Pietro nel suo ghetto. De Magistris e Ingroia gli hanno portato via il mestiere, Massimo Donadi, con la sua scissione del Centro democratico, si è portato via un pezzo del partito.

Siamo ai titoli di coda. Alla confluenza, quasi anonima, in un movimento che aggiorna quello da lui stesso brevettato negli anni Novanta. Di Dietro, per rilanciare, si è inventato i referendum anti Fornero, raccogliendo pure un discreto gruzzolo di firme. Peccato che lo sforzo sia, come dire, platonico, perchè in questa stagione elettorale i referendum non si possono fare. E la foto scattata ieri in Cassazione, per il deposito del firme, rappresenta davvero un finale grottesco: Tonino con il rifondarolo Paolo Ferrero e il verde Angelo Bonelli. Peggio di una condanna per lui che odiava i comunisti e amava il decisionismo tecnocratico.

Commenti

giovauriem

Gio, 10/01/2013 - 08:39

di pietro non sta ai titoli di coda perchè dopo la grande abbuffata(rimborsi elettorali)usati per accrescere il patrimonio immobiliare di famiglia credo che stia al ruttino

Ritratto di Uchianghier

Uchianghier

Gio, 10/01/2013 - 09:14

E' normale che Di Pietro abbia votato contro l'IMU, con tutti gli immobili che si è fatto da quando è entrato in politica la somma è diventata rilevantissima.

MMARTILA

Gio, 10/01/2013 - 09:14

Il bifolco d'Abruzzo, pur di non scomparire, è disposto a far da cagnolino al guinzaglio ad Ingroia...fine ingloriosa più che meritata. Se chiede la mia firma, tuttavia, gliela concedo...sì, per metterlo all'ergastolo!

aladino77

Gio, 10/01/2013 - 09:36

Ha avuto quel che si meritava. Gli elettori di sinistra gli hanno giustamente voltato le spalle, quando si è visto (grazie alla Gabanelli!) che era uno zozzone. Se gli elettori di centro-destra fossero altrettanto severi con i propri politici, avremmo una destra più pulita e onesta, e più votabile, non questo lordume che c'è ora

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Gio, 10/01/2013 - 09:42

Ha criticato Monti il massone ed è stato annientato come la Lega solo Berlusconi ha il coraggio ed il potere di prendere a pugni questo emissario massone scomunicato di cognome Monti.

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Gio, 10/01/2013 - 09:52

Il problema è che comunque percepisce un bello stipendio, pur non essendo sulla cresta dell'onda, come quelli che sulla cresta ci sono pur non facendo niente.

Ritratto di cangrande17

cangrande17

Gio, 10/01/2013 - 09:53

Ha rubato abbastanza, accumulato importanti pensioni e innumerevoli immobili. Ha capito che se rimane ancora in prima linea rischia che gli venga tolto qualcosa. Meglio farsi da parte, con buona pace dei figli e della moglie.

elalca

Gio, 10/01/2013 - 10:02

Patetico. la fine ingloriosa - ma giusta - di un servo ignorante, presuntuoso e ladro con il livello culturale di un cercopiteco.

bruna.amorosi

Gio, 10/01/2013 - 10:10

visto DI PIETRO? la tua carriera è cominciata con una scatola e ...finisce in una scatola .non ti viene il dubbio che se fossi stato onesto ieri, oggi saresti ancora uno di cui ci può fidare ? . chi fù causa del suo mal pianga se stesso ..

Ritratto di Adele Di Marsico

Adele Di Marsico

Gio, 10/01/2013 - 11:08

Il ladro che voleva fare pulizia....sarebbe davvero giustizia vederlo in tribunale come imputato....chi spada ferisce...

odifrep

Gio, 10/01/2013 - 11:17

Guardate che bella foto : due spalle sottratte all'agricoltura. Buon sangue, non mente.

maurizio50

Gio, 10/01/2013 - 11:19

E' meglio per tutti se tornasse a far il contadino: meglio per noi e per l'agricoltura del Molise ;di guai ne ha fatti fin troppi!

franky6464

Gio, 10/01/2013 - 11:23

don tonino uhm!!! l'unico rimpianto é Silvio , per il resto ha centrato i suoi traguardi personali, denaro, immobili e vitalizio. lavoratori tièhhh

odifrep

Gio, 10/01/2013 - 11:29

E' proprio vero; solo pochi se ne sono accorti. Saluti.

Ritratto di Adele Di Marsico

Adele Di Marsico

Gio, 10/01/2013 - 11:37

Il ladro che voleva fare pulizia....sarebbe vera giiustizia vederlo in un'aula di tribunale come imputato....chi di spada ferisce..

G_Gavelli

Gio, 10/01/2013 - 11:44

Vero? Un demagogo di meno...ma ne abbiamo oltre 1 migliaio in Parlamento!!!

unosolo

Gio, 10/01/2013 - 11:49

questi sono i casi di fare la patrimoniale , si esce dalla magistratura si crea un partito e si ottengono fondi e rimborsi certo si fa tutto nella legalità , nessuno lo mette in dubbio , ma certamente evidenzia lo stato elevato di stipendi e rimborsi per i politici , non è il caso di intervenire e fermare questa emorragia di soldi pubblici regalati legalmente^.

unosolo

Gio, 10/01/2013 - 11:53

nessun parlamentare vuole restare fuori dalle lista , tutti vogliono la poltrona politica , non solo in Di Pietro . Esiste una corsa verso regioni e partiti amici , approfittarne è da veterani politici ma i giovani non sono da meno . La poltrona oltre al prestigio regala bella pensione oltre ai benefici chiamati " diritti acquisiti ", capito.

giottin

Gio, 10/01/2013 - 14:08

Caro analfabeta laureato di Bisaccia, ormai i tuoi scatoloni si confondono con quelli pieni di banconote di antica memoria. Sei solo uno straccione!!!!!

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Gio, 10/01/2013 - 14:34

Pur di intascare,e dalle 'diffamazioni' e dal ruolo di parlamentare, da un lato, e dall'altro pur di arrivare allo scopo gettandosi nel mucchio degli opportunisti vampiri 'elettorali', si cannibalizzano a vicenda, sfruttando la demenziale fascia sociale.

Ritratto di uccellino44

uccellino44

Gio, 10/01/2013 - 14:46

Speriamo di vederlo presto in un Tribunale, questa volta seduto al banco degli imputati! Mi chiedo come mai, fino ad oggi, non sia partita un'inchiesta sul suo rapido arricchimento e sulla titolarità di svariate possidenze immobiliari in Italia e all'estero! Una persona che, prima di darsi alla politica, pur se magistrato, chiedeva consistenti prestiti in danaro ed in automobili; con una moglie avvocato prima illustre sconosciuta e, subito dopo, potentissima legale consulente di innumerevoli imprese!

odifrep

Gio, 10/01/2013 - 15:03

@ Adele Di Marsico - Carissima, c'è stato il momento in cui ha rasentato l'aula di Tribunale, a Brescia. Il collega Salomone e &, ebbero l'ordine di graziarlo, perché l'ex P.M., aveva nella borsa personale, atti delle coop, i quali, vennero consegnati -dal medesimo in persona- brevi manu a "ei fu" capo di stato, Scalfaro. Comunque, non perda le speranze, perché ci sono persone che, lo potrebbero consegnare nelle mani di qualche onesto magistrato. Bisogna "cercare" quest'ultimo. Cordialità.

Ritratto di Adele Di Marsico

Adele Di Marsico

Gio, 10/01/2013 - 15:11

Qualcuno ha sostenuto che la sua LAUREA sia taroccata,ma come tutte le cose che non sono fatti riguardanti Berlusconi, vengono immediatamente INSABBIATE!!!

Ritratto di Adele Di Marsico

Adele Di Marsico

Gio, 10/01/2013 - 15:20

@odifrep,mi da davvero una BUONA NOTIZIA,non ci resta che sperare.Un cordialissimo saluto con simpatia Adele Di Marsico.

conversano

Gio, 10/01/2013 - 15:23

Grazie Milena per averci tolto tonino dalle p@@@e.

guidode.zolt

Gio, 10/01/2013 - 16:33

Noto che i bloggers che lo difendevano a spada tratta si sono squagliati come neve al sole...hehehe...!

odifrep

Gio, 10/01/2013 - 21:04

@ Adele Di Marsico - Non voglio essere definito, Suo "aiutante". Dunque, fu proprio l'ex Premier BERLUSCONI, nella trasmissione Porta a Porta di VESPA, a denunciare il sospetto "dei voti degli esami" circa la LAUREA. Il capo -ancora per pochino- dell'IdV, lo denunciò. Mah!!!! Lei, cosa ne pensa??? Sapesse quante volte ho chiesto notizie in merito (come se avessi chiesto del danaro). Purtroppo, anche i "giornalisti" hanno famiglia. Con reciproca simpatia. Vincenzo SCOTTI.

Ritratto di Adele Di Marsico

Adele Di Marsico

Ven, 11/01/2013 - 13:02

x Odifrep...Grazie dell'aiuto...la trasmissione la vidi anch'io ,poi Tonino smenti' il tutto,io vivo in una regione non molto distante da montenero di bisaccia...per motivi di lavoro ho dei contatti con alcuni paesani....non hanno smentito anzi...ma sono voci solo voci..lei lo sa molto meglio di me ci vogliono prove concrete.Puo' darsi che a posteriori tutto venga a galla su questo personaggio davvero nefasto.Con gratitune e stima saluti dalla Marche.