TRASFERITA DA ROMA

Momenti delicati in casa Monti. La moglie del premier, Elsa, 68 anni (nella foto), è stata ricoverata ieri all’ospedale San Paolo di Milano ed è in rianimazione nel reparto diretto dal primario Gaetano Iapichino. La first lady è stata trasferita in aereo da Roma sotto scorta medica. Tuttavia, fonti vicine al premier, precisano che non è in corso nessuna emergenza e la situazione clinica non si è aggravata dopo l’intervento al pancreas.
Il trasferimento pare sia stato deciso solo per questioni pratiche, poiché la signora Elsa Antonioli-Monti a Milano può essere assistita con più facilità dalla sua famiglia. Il decorso post operatorio prosegue ma la situazione resta preoccupante. Si teme un peggioramento dopo gli accertamenti e l’intervento chirurgico a cui era stata sottoposta lo scorso 28 maggio al policlinico Gemelli di Roma per i postumi di una pancreatite. L’operazione si era resa necessaria per ridurre un’infiammazione che non accennava a diminuire con il trattamento e le terapie ordinarie.
La signora Antonioli-Monti, sposata con il premier dal 1970, era già stata ricoverata in ospedale lo scorso 27 aprile dopo aver accusato dolori addominali. La prima visita al Policlinico di Roma, dove la donna si era recata insieme al marito, non aveva comunque evidenziato problemi. A consigliare il ricovero erano stati proprio i medici dell’ambulatorio di Palazzo Chigi che avevano predisposto maggiori controlli dopo aver diagnosticato alla first lady una lieve pancreatite.