Uccisa a coltellate In manette l'avvocato stalker: era il suo ex

È stata uccisa con due coltellate Lucia Bellucci, il cui corpo è stato trovato nell'auto dell'ex fidanzato a Verona, nel garage della madre dell'uomo.
Lui, Vittorio Ciccolini, è un noto avvocato veronese di 44 anni; ha lasciato alcuni messaggi, anche nello studio legale, con la parola «perdonatemi». Alla vista dei carabinieri che lo cercavano Vittorio Ciccolini si è messo a correre - da qui la prima versione, secondo la quale pareva stesse facendo jogging - ma è stato fermato. La vittima aveva fatto recentemente ben tre denunce per stalking alla procura di Trento, dopo la fine della relazione con l'avvocato, durata due anni.
Il cadavere di Lucia era chiuso nel bagagliaio dell'auto dell'ex fidanzato. Lucia Bellucci, 31 anni, marchigiana, originaria di Pergola, in provincia di Pesaro-Urbino, era scomparsa da Pinzolo, in provincia di Trento venerdì, dopo aver cenato con l'ex fidanzato. La vittima si sarebbe incontrata con l'ex fidanzato, con il quale avrebbe trascorso proprio la serata di venerdì, come hanno testimoniato anche i titolari del ristorante.
Secondo quanto accertato finora dai carabinieri la vittima si sarebbe incontrata con l'ex fidanzato, con il quale avrebbe trascorso la serata di venerdì cenando in un ristorante di Spiazzo Rendena bevendo un paio di bottiglie di Marzemino, secondo la versione del maitre del ristorante. La coppia è stata attivamente ricercata dai carabinieri, finché l'auto dell'uomo, una Bmw serie 1 grigia, non è stata ritrovata nel garage della mamma di lui. A quel punto i carabinieri e i vigili del fuoco l'hanno aperta e si sono trovati di fronte alla macabra scoperta.
«Conoscevamo bene Lucia, una ragazza che qui era amata da tutti - ha detto il sindaco di Pergola, Francesco Baldelli, appresa la notizia -. È una tragedia che ha colpito al cuore la città».