La Ue allenta la presa e l'Italia respira (ma si tiene le Province)

Una maggiore flessibilità da parte dell'Europa. Il primo risultato raccolto dal governo Letta vale 40 miliardi, che potremo usare per allentare la briglia dell'austerity. Non una svolta radicale, ma un «primo passo» fatto dalla Commissione Ue, reso possibile dai conti italiani in ordine. Intanto la Corte Costituzionale boccia il taglio delle Province voluto dal governo Monti: secondo la Consulta è illegittimo il ricorso allo strumento del decreto, perché per abolire l'istituzione provinciale è necessario un provvedimento legislativo di origine parlamentare. Al di là delle questioni procedurali, comunque è l'ennesima dimostrazione di quanto sia difficile tagliare la spesa pubblica.