Vendola tace, vuole solo sistemarsi

Dopo il flop spera che Sel confluisca nel Partito democratico. Ecco perché non disturba Bersani su governo e Quirinale

Roma - La memoria non tradisce, gli uomini sì. Così, quando gli effluvi un po' stupefacenti della primavera arancione ne avevano fatto per qualche mese l'«Obama italiano», l'osannato poeta della sinistra risorta e del Pd redento, Nichi Vendola ha commesso un errore capitale: aveva finito per crederci, almeno un po'. Dunque è persino positivo che oggi Fabrizio Barca, uomo allergico agli ingenui furori che attraversano di tanto in tanto la gente di sinistra, nel consegnargli il documento del Partitone che ha in mente, abbia ridimensionato la portata di quella suggestiva iperbole: «Vedo in Vendola alcune cose di Obama».

In questo scarto di proporzioni, in questa messa a fuoco di ambizioni, tra il prima e dopo, c'è tutta la delusione del mondo di sinistra per quello che i più radicali avrebbero voluto piuttosto che impersonasse il Grillo della situazione. Ma Grillo è Grillo, e anche un po' oltre le sponde percorse da Vendola. Cui non rimane che il ritorno alle origini, il rientro nella casa madre che lo vide coi calzoni corti della Fgci (dove s'era appena formato Barca, peraltro).

Anche Vendola è pronto, e lo sta dicendo in venti salse diverse, dall'antipasto al dolce, tanto per allenare i palati più schizzinosi. L'ex figiciotto prodigo è chiamato già al prossimo congresso dal «giovani turco» Matteo Orfini, che nasce dalemiano e quindi anche un po' stizzito per gli sturbi che Nichi produsse all'ex Capo nelle primarie pugliesi. «Rimescoliamoci» è il termine un po' promiscuo scelto dal leader di Sinistra e libertà, che pure conosce la politica e sa che i tempi non possono essere troppo frettolosi, come vorrebbe gran parte del suo ceto dirigente atterrito dalla mancanza di prospettive. L'«aggancio» al mondo grillino, tentato dopo il boom elettorale e le parole grosse che pure erano volate tra i due schieramenti, non c'è stato e non ci sarà. Anche perché, diciamo la verità, non è sembrato del tutto alieno al gioco di squadra per Bersani. Un avversario diventato alleato e ora un po' di più: un amico e una speranza. «Perché con un governo Bersani il Pd diventa un'altra cosa», scommette.

Per questo Nichi parla poco e non disturba il manovratore, per il quale anzi reclama, nei secoli fedele, «un incarico pieno». Non dice molto neppure del prossimo inquilino del Quirinale, che i nomi si bruciano e comunque a tutto ci pensa Bersani. L'importante è che «non sia il garante della nomenklatura», dice, senza timore dell'ovvietà. Oggi se ne parlerà nella prima Assemblea nazionale convocata dopo le elezioni, anche se non sarà certo il tema più importante e delicato per i quadri di un partito in via di trasloco. Vendola ha preparato l'appuntamento con qualche intervista, la rinuncia al seggio parlamentare e alle indennità (certi sospetti l'hanno fatto molto arrabbiare) e un quadro della situazione non molto esaltante, considerato che il dibattito dura dai tempi di Bertinotti e giunge al suo epilogo dopo oltre un lustro di delusioni cocenti. Si deve ricostruire la sinistra. Già. «Dove si gioca la partita, dove si combatte? », s'interroga Nichi, finalmente convenendo che è meglio stare nel socialismo europeo e soprattutto, se si sta al 3 per cento, in una forza ben più grande. «Dove una tendenza minoritaria diventa stimolo, spina nel fianco, contaminazione e lievito», piuttosto che nella ridotta con la bandiera in mano a parlar di ubbìe, come capita a Ferrero e agli ex compagni di Rifondazione.

Ma ciò che spiega al meglio gli approdi di Nichi sono i giudizi su Renzi («Valore aggiunto del centrosinistra», almeno quando non contesta Bersani) e la considerazione che una scissione del Pd «non va auspicata, pur se facendo un discorso di bottega, potrebbe favorirmi». Ma guarda un po' la vita: Vendola è diventato grande e pensa in grande. Proprio ora che la strada si rimpicciolisce.

Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Sab, 13/04/2013 - 08:37

ah, questo si sta cagando sotto, sente odore di sconfitta certa alle elezioni! ecco perchè vorrebbe intrupparsi nel PD, ma fallirà ugualmente, perchè il PD sta mostrando da tempo i suoi limiti, le sue ridicolaggini, assenza di serietà, di unità, mancanza di coraggio (soprattutto nel rifiuto all'ideologia comunista). un peso inutile, direi....

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Sab, 13/04/2013 - 09:33

La solita vergognosa storia dei comunisti. Fanno finta di separarsi per poi ricongiungersi quando la tavola è apparecchiata.

Mistercampa

Sab, 13/04/2013 - 09:34

Noi elettori di centrodesctra lo dobbiamo sperare, finchè Vendola rimarrà nel PD o comunque al suo fianco non vinceranno mai. Nessuno si chiede come mai se sostituiscono Vendola a Renzi il PD, ahimè stravincerebbe? Comunque veramente una figura di bassissimo profilo che alla politica italiana ha dato ben poco.

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Sab, 13/04/2013 - 11:20

come tutti gli altri. Perchè, berlusconi non sta cercando una sedia per non essere presente ai processi?

Roberto Casnati

Sab, 13/04/2013 - 11:27

In qulsiasi partito "alloggi" Vendola il suo destino, non solo elettorale, è di prenderlo "sotto la coda".

Roberto Casnati

Sab, 13/04/2013 - 11:28

Vendola ha raggiunto da tempo il club "più belli che inetlligenti".

nonna.mi

Sab, 13/04/2013 - 11:43

Mistercampa! Ha interpretato molto bene ciò che penso,anche se io sono molto più critica su Vendola che da troppi anni vive con i contributi dello Stato Italiano che mi dispiace molto elargirgli insieme,per la verità, a molti altri che giudico perfettamente inutili come politici. Myriam

carlopriori

Sab, 13/04/2013 - 12:35

se vuole sistemarsi non lo facesse a spalle degli italiani, visto che appartiene alla schiera vdei diversamente trombanti, usasse mezzi propri.

agosvac

Sab, 13/04/2013 - 13:01

Ma siamo sicuri che vendola si tira indietro per lasciare campo libero a bersani e non per la delusione di vedere il suo "matrimonio" col suo fidanzatino sempre più lontano?????