VERSO LE ELEZIONI

da Napoli
Nel grande salone dell’assessorato regionale campano alla Sanità, sulla tovaglia stesa sull’enorme tavolo delle riunioni, ci sono bottiglie di champagne, pasticcini e colombe pasquali. Al vertice del banchetto, ieri mattina, non c’era solo il «padrone» della disastrata sanità della regione governata da Antonio Bassolino, e cioè il potente avellinese e quindi demitiano udiccino Angelo Montemarano. Presente anche un altro ex democristiano, disinvoltamente passato un paio di anni fa dal centrodestra al centrosinistra: Marco Follini, ex Dc, ex Udc, ex fondatore dell’Italia di mezzo. La presenza del portavoce del Pd, capolista al Senato in Campania, ha destato sorpresa, perplessità, ilarità, e in qualche caso sdegno, tra le centinaia di partecipanti al tradizionale scambio di auguri.
«E questo che ci fa qui?», ha detto uno dei tanti partecipanti all’happening, fra manager, direttori sanitari, medici, infermieri, che non hanno perso l’occasione di stringere la mano a Montemarano. Una processione che sembrava infinita: centinaia di addetti ai lavori, qualcuno parla addirittura di mille visitatori, si sono alternati per ore, nell’edificio dell’assessorato alla Sanità.
I più indignati sembravano alcuni fan dell’Udc. Qualcuno, come riferito da un testimone, appena si è accorto della presenza di Follini, ha storto il naso e subito dopo, impugnato il telefonino a voce bassa, ha chiamato i vertici del partito di Casini a Napoli. «Ditelo a De Mita, che Montemarano ha tradito: sta ricevendo i suoi dipendenti con Follini accanto».
Già, perché l’inedita coppia Montemarano-Follini ha avuto per molti dei partecipanti il significato di uno «schiaffo» al vecchio leader di Nusco, da molti ritenuto il creatore di Montemarano, assurto ai vertici della Asl Napoli 1, la più importante del Sud Italia, prima di passare al governo della Sanità regionale.
Ironizza sul duo il capogruppo di An, Enzo Rivellini. «Ieri è stato inaugurato il comitato elettorale del partito di Veltroni. Si trova presso l’assessorato regionale alla Sanità, dove Montemarano, insieme al neo direttore generale dell’Asl Napoli, ha convocato tutto il gotha della Sanità regionale con la scusa degli auguri di Pasqua. In realtà, per fare campagna elettorale. Con il candidato del Pd al Senato, Marco Follini».
carminespadafora@libero.it