La vicenda


Il 12 novembre del 2011 l'allora presidente del Consiglio Silvio Berlusconi rassegna le dimissioni da Palazzo Chigi «nell'interesse del Paese». L'Italia si trovava sotto l'attacco degli speculatori internazionali, con lo spread tra Btp italiani e Bund tedeschi oltre quota 550 punti base. Ma già dall'estate precedente erano aumentate le pressioni degli Stati stranieri, la Germania di Angela Merkel e la Francia di Nicolas Sarkozy su tutti, affinché Napolitano desse un nuovo governo all'Italia