La VICENDA

17 luglio 2005
Il Cda di Unipol approva il piano di Consorte per acquisire il controllo di Bnl.
16 agosto
Unipol presenta il prospetto dell’Opa su Bnl.
31 agosto
La Consob dà il via libera condizionato all’Opa.
6 settembre
Via libera anche dall’Autorità Antitrust.
23 settembre
Consorte sentito dai Pm della Procura di Roma.
15 dicembre
Consorte iscritto nel registro degli indagati a Roma nell’inchiesta sulla scalata di Unipol a Bnl.
19 dicembre
Indagato anche Ivano Sacchetti, vicepresidente di Unipol.
28 dicembre
Dopo la scoperta di conti esteri con 50 milioni per consulenze sospette, Consorte e Sacchetti annunciano le dimissioni.
31 dicembre
«Il Giornale» pubblica il contenuto delle telefonate tra Consorte e Fassino sulla scalata a Bnl, con la frase del leader Ds «Allora, siamo padroni di una banca?».
10 gennaio 2006
Bankitalia boccia l’Opa di Unipol su Bnl.
15 gennaio
Il premier Silvio Berlusconi, dopo aver riferito ai Pm di Roma, chiede «la verità» sui 50 milioni.