LA VICENDA La confessione choc: «L'ho accoltellata poi le ho dato fuoco»

«L'ho bruciata ancora viva». Questa la confessione choc di Davide M. «Le ho dato una coltellata, quindi ho deciso di bruciare il cadavere», per poi in un secondo tempo aggiungere il particolare sconvolgente, «era viva». Una confessione senza lacrime si disse negli ambienti degli inquirenti; il ragazzo continuava a dire «sono stanco, voglio andare a dormire». Durante la confessione è stato lui a indicare il luogo dove poi è stato fatto il «ritrovamento»: il corpo della giovane. Così sarebbe avvenuta la tragedia, come l'ha raccontata: Davide sarebbe andato a prenderla a scuola per poi appartarsi con lei in una strada isolata vicino all'istituto. Dunque la lite e le coltellate. A quel punto - stando alla deposizione - avrebbe buttato via il coltello con lo zainetto e il cellulare di Fabiana; per poi andarsi a rifornirsi della benzina che ha usato...