LA VICENDALa ricostruzione della città va a rilento: pioggia di ricorsi accolti dai tribunali

Non è isolato il caso di Rodolfo Ludovici, l'avvocato che ha ottenuto dal Tar la condanna del Comune dell'Aquila per i ritardi nelle pratiche necessarie a sbloccare la ricostruzione post terremoto. Il Comune dovrà risarcire al legale 13 affitti mensili di 1.500 euro l'uno (una somma pari a quasi 20mila euro) pagati dall'avvocato per il suo studio provvisorio, in attesa che l'ufficio nuovo venisse completato. Il Tar non ha sanzionato l'ente pubblico solo per il mancato finanziamento, ma per l'inerzia: la mancanza di soldi per la ricostruzione, secondo il tribunale amministrativo, non scagiona le istituzioni per i ritardi. E per i comuni dell'Aquilano, dopo la sentenza apripista del 2011, fioccano le condanne per i ritardi.

Commenti

angelomaria

Dom, 29/12/2013 - 15:04

MA NON ERA QUELLO CHE DAVA LA COLPA DI TUTTO AL SOLITOSILVIO CHE AAL FINE UNICO AD AVEE FATTO QUALCOSA PE LORO?!BENTI STA'IL SOLITO SERVO DI PARTITO CON LA BOCCA PIU GRANDE DEL CERVLLO MALE TASCHE PIENE VERO AQUILOTTO !!!QQUILA DOVE GL'ASINI VOLANO