Alfano diserta il vertice e studia la rivincita. Ora Schifani lo segue

Dopo ore di faccia a faccia il segretario non va all'ufficio di presidenza. I governativi sperano di trovare i numeri per un ribaltone al Congresso

L'unità del Pdl adesso è davvero appesa a un filo. Dopo il lungo e infruttuoso faccia a faccia pomeridiano tra Silvio Berlusconi e i ministri sul ritorno a Forza Italia, la convivenza tra «alfaniani» e «lealisti» è ormai riassumibile nella classica immagine dei separati in casa o della tregua armata. Angelino Alfano, certo, prova ad allontanare lo spettro della scissione e della costituzione dei gruppi autonomi e rinvia tutto al redde rationem del Consiglio nazionale fissato per l'8 dicembre, in coincidenza con le primarie del Partito democratico. Ma il solco appare tracciato con la decisione del segretario del Pdl di disertare la riunione (dopo aver tentato di tutti i modi di farla annullare) e il via libera di Berlusconi alla ricostituzione della sua prima creatura politica, con conseguente azzeramento di tutti gli incarichi, compreso quindi quello di Alfano.

«Sono convinto che il tempo che ci separa dal consiglio nazionale consentirà al presidente Berlusconi di lavorare per ottenere l'unità. Il mio contributo all'unità del nostro movimento politico, che mai ostacolerò per ragioni attinenti i miei ruoli personali, è di non partecipare, così come faranno altri colleghi, all'ufficio di presidenza che ha il compito di proporre decisioni che il consiglio nazionale sarà chiamato ad assumere» spiega il vicepremier in un comunicato alla fine dell'incontro con Berlusconi. La decisione di non prendere parte all'incontro rappresenta una presa di distanza dalle modalità con cui si sta tornando a Forza Italia.

A questo punto, spiegano gli «alfaniani», «o Berlusconi riuscirà a fare la sintesi oppure si andrà alla conta. Al presidente abbiamo ribadito che questo partito non deve votarsi all'isolamento ma conservare la propria vocazione maggioritaria».
Il Consiglio nazionale rispetto all'Ufficio di presidenza, è formato da una platea molto ampia di aventi diritti al voto (oltre 800 persone). Presieduto e convocato dal presidente nazionale (Berlusconi), è costituito da parlamentari nazionali ed europei; ministri, viceministri e sottosegretari; coordinatori regionali e loro vice; coordinatori provinciali; presidenti di Regione; assessori e consiglieri regionali; presidenti di Provincia; sindaci più una serie di figure dirigenziali intermedie. Un confronto aperto per il quale è già partita la conta e la ricerca dei consensi sul territorio, con i lombardi - Roberto Formigoni e Maurizio Lupi - e i calabresi di Giuseppe Scopelliti già molto attivi nella verifica dei loro numeri.

Gli «alfaniani» potranno contare sul vantaggio offerto da uno statuto che prevede la maggioranza dei due terzi per eventuali modifiche. Con un terzo dei consensi potranno quindi «bloccare» il ritorno a Forza Italia. A quel punto, però, diventerebbe inevitabile un confronto in una sede ancora più ampia come quella congressuale. La resa dei conti è, dunque, soltanto rinviata. E per le due correnti si va verso un mese e mezzo di fuoco, tra chi spinge per la scissione e chi tenta ancora di ricucire come Renato Schifani che decide di disertare la riunione (dopo aver provato fin dal mattino a convincere Berlusconi a fermarsi) ma conferma l'appoggio a Fi. «Nel ribadire la mia piena condivisione del passaggio dal Pdl a Forza Italia, più volte e in più sedi manifestata pubblicamente, ritengo opportuno non prendere parte ai lavori dell'Ufficio di Presidenza». E c'è anche chi, come Simona Vicari, ipotizza convergenze anomale pur di portare il Paese alle urne. «C'è un patto tra Grillo, i falchi del Pdl e Renzi per andare a votare a marzo». Primi segnali di una temperatura destinata inesorabilmente a salire, da qui ai prossimi giorni.

Commenti
Ritratto di CiccioCha

CiccioCha

Sab, 26/10/2013 - 08:29

Angelino, Angelino, il trono si eredita, non si usurpa.

bruna.amorosi

Sab, 26/10/2013 - 08:29

ALFANO mia nonna mi diceva quando sogni vedi di farlo a colori tanto non costa niente . però e tu lo sai la politica costa e..tanto . sta a te decidere a chi svenderti per esistere .perchè sai nessuno ti dara' qualcosa per niente . perciò sarai sempre secondo di qualcuno a meno che non hai di tuo allora auguri .i miei voti non li avrai però

Ritratto di ..creepshow..

..creepshow..

Sab, 26/10/2013 - 09:32

aLfini diserta, schifani lo segue...e quaraquaquariello che fa?

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Sab, 26/10/2013 - 09:38

Potresti chiamarti Alfano oppure Ulisse ma il tuo vero nome è NESSUNO.

Ritratto di Tris251245

Tris251245

Sab, 26/10/2013 - 09:57

Ma FINI, non le ha insegnato nulla, Alfano ??? Finirete TUTTI come lui, come tutti i traditori ...

Dario40

Sab, 26/10/2013 - 10:11

Angelino, vuoi tenerti il PdL senza Silvio ? Allora vuoi fare la fine di Fini,perchè tu e tuoi cialtroni-traditori del mandato elettorale non avrete mai il mio voto, e siamo in tanti a pensarla così !

Ritratto di Tris251245

Tris251245

Sab, 26/10/2013 - 10:17

@gianniverde ........ 09.38 OTTIMO aggettivo. Proprio calzante . NESSUNO e' e NESSUNO sara' ! !

cameo44

Sab, 26/10/2013 - 10:24

Sono stati in tanti a voler disarcionare Berlusconi ma abbiamo visto che fine hanno fatto Fini Bocchino Briguglio Granata e compani scomparsi Casini si trova ancora in parlamento grazie al miglio perdente ma di per dente si tratta ed ultimo Monti anche questo al tramonto che piaccia o no ad oggi è il solo Berlusconi a prendere i voti senzaltro ha commes so molti errori ma chi ha la pretesa di prenderne il posto non è cer tamente migliore ne più capace ne abbiamo avuto la dimostrazione alle ultime elezioni solo Berlusconi è stato capace di risollevare il PDL portandolo dal 10% circa al 25% circa sicuramente non è stato Alfano ne Schifani che nella loro sicilia hanno perso ovunque non parliamo di altri che senza Berlusconi non sarebbero nemmeno sulla scena poli tica detto questo Berlusconi si deve dare da fare per creare una clas se dirigente valida e capace dato che lui non è immortale nel PD ci stanno provando anche se con molte difficoltà Epifani parla dei pro blemi del PDL sarebbe ora che pensasse ai problemi di casa sua delle primarie del PD meglio non parlarne visto i risultati precedenti tut ti i vincitori delle primarie sono stati regolarmente trombati da Pro di a Veltroni a Bersani questi hanno molte pretese ma non sono capaci a fare cose serie

enzo1944

Sab, 26/10/2013 - 10:26

..............finirai come fini-to!!....anche se CL ti potrà appoggiare,sarà tanto se riuscirai ad arrivare al 5%!.....ma ho forti dubbi che non arriverai neppure con i vari lupi,formigoni etc.etc,a tale percentuale,pur con l'appoggio di una(piccola)parte della Chiesa Cattolica(...siete visti come i nuovi catto-comunisti)!!

Ritratto di arcistufa

arcistufa

Sab, 26/10/2013 - 10:30

si godano il quarto d'ora di notorietà.........poi si torna nella terra di nessuno

pinuzzo48

Sab, 26/10/2013 - 10:37

un'uomo come BERLUSCONI come fà a fidarsi di certa gente. che poi lo tradiscono.

tadda

Sab, 26/10/2013 - 10:38

Un altro quaqquaraqqua che deve crearsi un minuto di notorietà' ... Anzi 30 secondi

daniele66

Sab, 26/10/2013 - 10:39

ma fate questo gruppo autonomo di centro sinistra e finite il teatrino,sarete finalmente liberi dal cattivo Cavaliere ( che voleva buttare giu' un meraviglioso governo ), la gente finalmente ci capira' qualcosa, e i numeri saranno chiari,dopodiche' auguri alla banda dei 5 e ai loro sostenitori (?)

linoalo1

Sab, 26/10/2013 - 10:40

Macche rivincita!Alfano hai avuto carta bianca per mostrare se avevi le palle per guidare un Partito!Hai perso l'occasione solo per colpa tua!Dietro di te,c'è la coda di gente con le palle!Ritirati in silenzio e senza protestare!Lino.

Ritratto di miladicodro

miladicodro

Sab, 26/10/2013 - 10:42

L'inebriarsi nel potere, raggiunto grazie all'onestà e alla magnanimità del Cavaliere,qualora lo stesso,martoriato da più parti richieda un radicale cambiamento del modus vivendi,atto a riportare la vita politica del partito a contrastare l'egemonia rossoermellinquirinalizia comporta qualche rinuncia e il non allinearsi mette a nudo la disonestà nei suoi confronti e nei confronti degli elettori riducendovi ai peggior fini-casini-follini.Ma possibile che i Siciliani in politica siano tutti dei Giano bifronte?Basta no?

GABBIANO51

Sab, 26/10/2013 - 10:53

Ecco un'altro che non ha capito un cazzo! Alfano se sei arrivvato dove sei lo devi solamente a Silvio, non lo dimenticare! I Giuda come Fini hai visto che fine hanno fatto, fare gli utili idioti dei Komunisti vi costerà carissimo, soprattutto a voi ministri e presidente del Senato. Comunque andatevene pure che fate schifo! Il nostro voto non lo avrete mai più.

tartavit

Sab, 26/10/2013 - 10:57

"E c'è anche chi, come Simona Vicari, ipotizza convergenze anomale pur di portare il Paese alle urne. «C'è un patto tra Grillo, i falchi del Pdl e Renzi per andare a votare a marzo»." Invece di portare il Paese fuori dalla crisi e dallo sfascio, questi politucoli da due soldi pensano alle elezioni. O questi son proprio deficienti o sono in mala fede. Come se ne esce? E chi lo sa! Una cosa è certa con questa gente non c'è futuro per nessuno.

Ritratto di giuseppe zanandrea

giuseppe zanandrea

Sab, 26/10/2013 - 11:19

Alfano e Co.(nel senso di cospiratori, beninteso!) non c'è che da sperare che il vostro voltafaccia sia una messinscena per ampliare il consenso attorno al PDL. Se così non fosse potete dire addio alla carriera politica e prepararvi a vivere con il terrore di essere individuati ai giardinetti o sul posto di lavoro cui sarete costretti per sbarcare il lunario dopo il fiasco elettorale che vi aspetta tra breve

giovanni PERINCIOLO

Sab, 26/10/2013 - 11:22

"Ora Schifani lo segue". Il clan dei siculoti in evoluzione!

vincenzo

Sab, 26/10/2013 - 11:52

No!un trono si eredita,ma non il posto come capo di un movimentzo o di un partito!Lo si conquista,lo si merita!Ed è un grave errore nominare un tizio come Alfano solo perchè,cresciuto tutto casa e parrocchia,è ben educato,compito,diligente...e ha anche sempre preso dei bei voti!Però è un cretino!O almeno si comporta come tale!

dukestir

Sab, 26/10/2013 - 13:22

Siamo allo sfascio piu' totale.

Ritratto di ammazzalupi

ammazzalupi

Sab, 26/10/2013 - 14:11

Studiate, studiate, ragazzi! Siete delle ZUCCHE VUOTE, senza amor proprio e senza riconoscenza! Siete talmente stupidi che credete di avere il mondo in pugno. E, invece, vi state semplicemente masturbando!!! ASINI!!!!!

pastello

Sab, 26/10/2013 - 14:12

All'ufficio di presidenza non c'erano. Embè? Non c'erano perche non esistono. Tutto qui.

pastello

Sab, 26/10/2013 - 14:14

"Il potere non si conquista, si raccoglie" Vero, ma per raccoglierlo bisogna piegare la schiena e visto da dove vengono....

canaletto

Sab, 26/10/2013 - 14:28

Chi segue Alfano, o meglio ALFINI, decreta la sua morte come Gianfri. Forza Italia se vive è grazie a Berlusconi, perchè egli, quando aveva un po' mollato il PDL ad Alfano per i motivi che sappiamo, perse un sacco di voti. La gente ha fiducia in Berlusconi, Alfini è solo un tirapiedi che non ha alcun carisma e poi adesso che ha tradito, ancora meno. Se fanno la conta, non so nemmeno se arriveranno a 10.....

Reginaldo Danese

Sab, 26/10/2013 - 15:12

ALFANO HA GIA' VINTO!!!

Ritratto di venividi

venividi

Sab, 26/10/2013 - 17:09

Mi chiedo dove Alfano trova il tempo di fare quattro cose alla volta : vice premier, segretario del PDL, Ministro degli Interni e capo fronda. Beh il segretariato gliel'hanno appena sfilato da sotto il sedere.

Ritratto di 02121940

02121940

Sab, 26/10/2013 - 18:37

Ormai ha perso l'autobus. Alle prossime elezioni si dovrà presentare da solo. Senza e contro Berlusconi non ha alcuno futuro.